Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I paesi più poveri sono anche i più solidali con i rifugiati

Christophe Simon/AFP
Condividi

Le cifre sull'accoglienza dei rifugiati offrono uno strano paradosso

Sembra incredibile, ma è vero. I paesi più poveri, che hanno meno risorse economiche, sono quelli che accolgono di più i profughi. In un articolo, solidaridad.net spiega come la maggior parte dei rifugiati cerchino luoghi vicino ai loro paesi d’origine, per poter tornare a casa. Questi paesi sono spesso dei paesi poveri.

maparefugiados

Un esempio di solidarietà è offerto da paesi come il Ciad e l’Uganda. Sono paesi che purtroppo emergono in materia di povertà, ma anche nella solidarietà. Non hanno molto, ma quello che hanno (le loro terre e i loro precari sistemi sanitari ed educativi) lo mettono a disposizione di coloro che fuggono dall’orrore della guerra.

Secondo i dati forniti, la Turchia sarebbe il paese più solidale, accogliendo 2,8 milioni di persone (per lo più siriani). Il “podio” della solidarietà lo completano al secondo posto il Pakistan, con 1.6 milioni di rifugiati, e al terzo posto il Libano, con un milione di profughi.

Per trovare un paese ricco ed europeo bisogna scendere all’ottavo posto, con 478.000 rifugiati accolti quest’anno.


LEGGI ANCHE: Perché chi non accoglie non può dirsi cristiano


[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni