Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Spiritualità

Attenzione a non cadere nel peccato peggiore

PAIN

Photo by Raj Eiamworakul on Unsplash

padre Carlos Padilla - pubblicato il 14/06/18

In realtà non merito mai il perdono, è Dio che vuole donarmelo

Non so molto bene quale sia il peggiore dei miei peccati. Mi confondo e mi confesso di quello che credo sia il peggiore. O lo tengo nascosto per paura dell’immagine che potrei proiettare. Paura di quello che dirà la gente, di quello che penserà.

Diceva padre Josef Kentenich: “È un errore quando crediamo in generale che i peccati contro il sesto comandamento siano i peggiori. Può essere così in un certo senso, in quanto questi peccati predispongono a molti altri, ma di per sé non sono i peggiori. Qual è il peggiore? La negazione di Dio” [1].

La negazione di Dio. La sfiducia assoluta nell’amore di Dio.


MAN,PRAYING

Leggi anche:
Come affrontare il peccato?

Gesù dice: “Qualunque peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata”. Si riferisce a quelli che dicevano che aveva dentro uno spirito immondo.

Si riferisce al peccato contro Dio. Al negare Dio e a prescindere da Lui nella mia vita. Si tratta del rifiuto radicale della grazia che Dio offre per la conversione.

La blasfemia contro lo Spirito Santo è presumere e rivendicare il diritto di perseverare nel male e non credere al bene che Dio può operare in me.

È un rifiuto del perdono che Cristo mi offre. È l’ostinazione nei confronti di Dio portata fino all’estremo. È rifiutarsi deliberatamente di ricevere la sua misericordia. Il cuore si indurisce.

Non ha nulla a che vedere con il mio peccato, perché non c’è peccato che non possa essere perdonato. È chiudermi al suo sguardo di misericordia. Dubitare del fatto che Dio mi possa perdonare.

Com’è accaduto con Giuda. Non ha creduto al perdono di Gesù. Pietro, invece, dopo aver negato ha creduto in Gesù più che in se stesso.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diomisericordiapeccato
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni