Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se volete fare una cosa sola in Quaresima, ricordate la vostra morte

Shutterstock
Condividi

Non prestarvi attenzione non la farà scomparire

Il libro del Siracide incoraggia la pratica spirituale fondamentale di ricordare la propria morte: “In tutte le tue opere ricordati della tua fine e non cadrai mai nel peccato” (7, 36). San Benedetto considerava questa pratica così importante da includerla nella sua Regola per i monasteri, scritta nel VI secolo: “Prospettarsi sempre la possibilità della morte” (4.47). L’Imitazione di Cristo – forse il classico cristiano più letto dopo la Bibbia – include un’intera sezione dedicata all’importanza di meditare sulla propria morte.

È legittimo che molta gente tema di inserire la pratica del ricordare la morte nella propria vita, ma la paura di meditare sulla morte impedisce di perdere la paura di morire. I Padri della Chiesa delle origini ritenevano la meditazione sulla morte necessaria per pensare ad essa in modo cristiano. La fede cristiana non significa niente se non influisce sul modo in cui si vede la morte. Cristo ha trasformato la morte! La morte per il cristiano non è annichilimento o disperazione, ma piuttosto un passo per andare tra le braccia amorevoli di un Salvatore.

La Quaresima è il momento perfetto per avviare la pratica di ricordare la propria morte. Il Mercoledì delle Ceneri concentra la nostra attenzione sulla morte quando ci viene tracciata sulla fronte la croce – lo strumento di morte diventato strumento della nostra salvezza. Le parole del sacerdote o del ministro sono ispirate a quelle che Dio ha detto ad Adamo ed Eva dopo il primo peccato: “Tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto” (Genesi 3, 19). In latino, la stessa frase è “Memento, homo quia pulvis es, et in pulverem reverteris”. Un modo più breve per dirlo è “Memento mori”, o “Ricorda la tua morte”. Queste due parole – “Memento mori” – illuminano tutto il periodo penitenziale della Quaresima.

Leggi anche: Hai mai pensato alla tua morte?

I cristiani hanno bisogno di un Salvatore perché siamo solo polvere. Abbiamo bisogno di un Salvatore perché l’unica persona che può salvarci dalla morte è Gesù Cristo, che è la Vita stessa. Nel periodo quaresimale, mentre meditiamo sui misteri centrali della fede, il mistero della morte – trasformata dalla Croce – è un ottimo punto di partenza.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni