Aleteia

4 suggerimenti per non perdere le nostre virtù quaresimali

Condividi
Commenta

Un po' di vigilanza può essere di grande aiuto

Non so quante persone facciano più le pulizie di primavera, ma l’idea ha molto senso. Si è stati chiusi in casa per una stagione, e ora ci si prepara a cominciarne una nuova. Se i compiti in sé possono essere cose non particolarmente entusiasmanti, c’è uno splendido senso di pace che deriva dal passare l’aspirapolvere dietro il letto e pulire per bene tutti i pensili della cucina – tutto lo sporco va via! La parte difficile, comunque, è mantenere l’ordine e la pulizia in seguito.

La nostra anima ci pone davanti a un problema simile. La Quaresima è una “profonda pulizia” per la nostra anima. La Pasqua arriva con la sua gloria, la sua vita e la sua freschezza rispecchiata dal mondo naturale. Una settimana dopo la Pasqua, però, cosa succede alla nostra “casa”? Quanto è facile scivolare di nuovo nelle vecchie abitudini!

Che fare? Un po’ di vigilanza può essere di grande aiuto.

Nella mia stanza, ad esempio, dopo aver pulito e riordinato accuratamente, faccio attenzione a mettere via subito i vestiti. Sarebbe molto facile buttare la felpa sullo schienale della sedia, ma se cedessi alla tentazione una volta so che la mia sedia verrebbe presto invasa dagli oggetti, le carte si affollerebbero sulla scrivania e le scarpe costellerebbero il pavimento.

Come fare attenzione al disordine fisico può aiutare a preservare l’ordine e la pulizia in casa, così la vigilanza contro il disordine spirituale può preservare la pace e la gioia dell’anima.

Ecco alcuni suggerimenti per tenere fresco e ordinato nei prossimi mesi il tempio dello Spirito Santo:

1. Fermatevi

La primavera porta spesso un’ondata di caos, e questa ondata in genere dura fino all’estate. Non ve ne lasciate catturare. Ricordo continuamente le parole del salmo 46: “Fermatevi e sappiate che io sono Dio”. Fermarsi va bene. Se avete un attimo di tempo libero, resistete alla tentazione di controllare la posta elettronica, Facebook, le notizie, eccetera. È difficile, ma SIATE quella persona nella sala d’attesa del dentista che non ha gli occhi fissi su uno schermo.

2. State in silenzio

Se non mettiamo mai un freno al rumore, come possiamo aspettarci di riuscire ad ascoltare Dio? Cercate di spegnere il mondo e di sintonizzarvi su Dio – spegnete musica, televisione, cellulare e ascoltate il silenzio. Non sto dicendo di non accendere mai la radio o di non chiamare gli amici lontani, ma di ricordare che troppo rumore può attutire le cose più importanti. A proposito, sapevate che gli uccelli fanno una musica bellissima?

3. Siate

Questo momento è quello che Dio vi sta chiedendo di vivere proprio ora – non ieri, non domani, non tra un’ora e 45 minuti. Cosa vedete? Cosa annusate? Cosa provate? I vostri sensi hanno la capacità di ancorarvi al momento presente, il momento in cui Dio vi sta offrendo un oceano d’amore e di misericordia. Godetevi il tramonto, l’erba appena tagliata, la brezza sul volto, e lodatelo attraverso la vostra esistenza in questo preciso istante. Nota: liste e programmi sono fatti per me, non il contrario.

Se sappiamo come rimanere fermi e in silenzio e come vivere il momento presente, se siamo consapevoli del nostro stile di vita, sarà più probabile che teniamo pulita la nostra casa. Liberi da disordine e distrazioni interiori, possiamo cooperare con la grazia di Dio per custodire gelosamente la nostra anima contro qualsiasi cosa che possa togliere spazio alla Sua Parola.

A questo riguardo, un ultimo suggerimento:

4. Ricevete degnamente la Comunione

Ricevete Dio nella vostra anima pulita (libera da peccati mortali), che vorreste mantenere tale. È un modo eccellente per trarre forza e coraggio per preservare la pace e la gioia della Pasqua!

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
quaresimavirtu cristiane
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni