Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconApprofondimenti
line break icon

Vi sbagliate: la Chiesa non difende il “matrimonio tradizionale”!

Christine Tremoulet

Aleteia Team - pubblicato il 12/02/18

In questo senso si parla di matrimonio “tradizionale”, ovvero di quello in cui un uomo, sposato con una donna, è colui che esce di casa per cercare lavoro e mantenerla, mentre lei è chiamata solo a vivere prendendosi cura dei figli e delle occupazioni domestiche, aspettando che il marito ritorni per poterlo assistere ed essere attenta alle sue decisioni perché è il “capo” della casa.

Si tratta di un tipo di matrimonio istituzionalizzato per molti anni, quando la donna non veniva preparata per i mestieri nel mondo, per la professionalizzazione, ma solo per dare figli al marito e dedicarsi con impegno all’assistenza di tutti in casa. Lui per strada, lei a casa.

È questo il matrimonio che difende la Chiesa? No. La Chiesa difende il matrimonio CRISTIANO, che non è altro che quello voluto da Gesù: quello che si stabilisce mediante la donazione reciproca di un uomo e di una donna, che hanno compreso che sono entrambi chiamati a costruire la propria famiglia e la società apportando ciascuno in base alla propria condizione di uomo e donna (il che implica già una certa asimmetria visto che ciascuno dà in base alla propria identità sessuale, senza che questo voglia dire che uno apporta più dell’altro, perché si apporta semplicemente nel proprio modo di essere maschio o femmina), ma in cui entrambi hanno la possibilità di sviluppare tutte le proprie potenzialità umane senza rinunciare a quello che devono dare specificatamente come madre o padre. Il mondo contemporaneo, avendo aperto alla donna la possibilità di studiare e di avere una professione, ha compreso tutta la ricchezza lavorativa e di trasformazione che ella è chiamata a offrire, ma il fatto di aver aperto questo porta, necessaria e giusta, è stato travisato da quanti credono che la maternità o il suo esercizio vadano contro la possibilità di sviluppo lavorativo o economico.




Leggi anche:
Parlare a scuola della famiglia tradizionale diventerà una colpa?

Il matrimonio cristiano è il sogno di Dio: uomo e donna, chiamati alla complementarietà, che stabiliscono un patto d’amore in cui arrivare entrambi all’oblazione reciproca e si impegnano nel compito di educare i figli insieme e di fare del mondo lavorativo, economico e professionale non un campo di competizione sessista, ma uno spazio in cui si comprenda ciò che possono dare sia lui che lei. Il problema nasce quando il matrimonio viene visto come la sommatoria forzata di due volontà in cui 1+1=2, o, come pensano altri, quando si crede che il matrimonio sia la necessità di smettere di pensare solo per me stesso per iniziare a pensare per entrambi. Nemmeno. Nessuno può pensare per un altro né può negare a un altro la possibilità di farlo. Il matrimonio non è pensare come un io o come un tu e io, ma pensare come “noi”. Questo pensare “noi” esige di tener conto del parere, dell’opinione, del desiderio del coniuge senza supporre ciò che desidera o annullare i suoi gusti, ma essendo disposti entrambi a far morire il buono per arrivare al meglio. Il matrimonio non è la compravendita di una persona che considero un terreno fertile in cui si getta un seme che deve dare tutti i frutti che si desiderano.




Leggi anche:
Ma la famiglia è una soltanto…

Il matrimonio non va contro lo sviluppo umano della donna, né è un accordo di soggiogamento di questa a suo marito in cui rinuncia alla propria unicità e identità; il matrimonio non è un’ipoteca di sé a un estraneo in nome dell’amore; ciò che accade è che entrambi assumono la rischiosa decisione di trasformare l’altro in un fine in sé del quale ciascuno è un mezzo per ottenerlo. Si tratta di essere genitori senza rinunciare ad essere professionisti e di non essere professionisti al di sopra della paternità. I figli, come il matrimonio, l’alleanza sponsale, il nuovo modo di libertà condizionata, non possono vedersi come una minaccia allo sviluppo umano, quando è tutto il contrario perché la famiglia è lo spazio in cui possiamo dispiegare tutto ciò che siamo invitati ad essere.




Leggi anche:
«Satana vuol demolire la famiglia». Il messaggio della Madonna di Civitavecchia

Non tutti i pareri cattolici sono cattolici, e il fatto che ciascuno creda che debba essere così e si definisca cattolico e apostolico non implica necessariamente il parere o l’insegnamento della Chiesa. Per questo è necessario formarsi, conoscere il modo in cui la Chiesa difende la bellezza dell’amore umano, dell’amore matrimoniale, e per questo è stata disposta a lasciarsi attaccare solo per aiutare l’uomo a trovare il vero significato della felicità. Fortunatamente per l’autrice del libro, ha rischiato a intitolarlo così; peccato per quelli che giudicano solo da un titolo e a cui i pregiudizi impediscono di avvicinarsi alla possibilità di riconoscere e ripensare la falsa immagine di un’istituzione che, anche se ha avuto sicuramente enormi pecche nella sua storia, ha imparato dai propri errori e ha solo lottato per portare l’essere umano alla verità di se stesso e di Dio.

  • 1
  • 2
Tags:
costanza mirianofamigliamatrimoniosan paolo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni