Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Parlare a scuola della famiglia tradizionale diventerà una colpa?

@DR
Condividi

Il decreto sulla scuola punta a inserire nell'istruzione il concetto di gender

In base al decreto 104/2013, “La scuola riparte”, approvato dalla Camera e ora all’esame del Senato, gli insegnanti italiani saranno obbligati a seguire corsi di formazione e aggiornamento per migliorare, tra le altre, anche le competenze relative “all’educazione all’affettività, al rispetto delle diversità e delle pari opportunità di genere e al superamento degli stereotipi di genere”.

Dietro la formulazione della lettera “d” del comma 1 dell’articolo 16 del testo, che stanzia 10 milioni di euro per le attività di formazione dei docenti, c’è una dura battaglia in commissione Cultura della Camera. Il testo originario dell’emendamento, presentato da una parte del Pd, Sel e Movimento 5 Stelle, parlava infatti di “educazione sentimentale”, espressione poi modificata in “educazione all’affettività”, e prevedeva che la formazione avesse come oggetto il “gender”, teoria secondo la quale non c’è un legame biunivoco tra sessualità biologica e identità sessuale. Nel testo definitivo il termine “gender” è stato tradotto con “genere”, ma è rimasto il riferimento agli “stereotipi”.

Da queste premesse, commenta Avvenire (5 novembre), si capisce come “sia molto elevato il rischio che un professore, che in classe voglia parlare di famiglia – intesa come società naturale composta da un uomo, una donna e dai loro figli – sia ‘accusato’ di non rispettare le diversità di genere, di riproporre degli stereotipi e quindi obbligato ad ‘aggiornarsi’”.

Non è il primo caso di limitazione dei diritti dei genitori, che vedrebbero instillate nei propri figli idee che possono non condividere. Due anni fa, ad esempio, in Germania alcuni genitori sono stati arrestati per non aver voluto far partecipare i figli al programma scolastico di educazione sessuale perché non erano d’accordo con quella che si voleva imporre ai bambini in modo obbligatorio (ZENIT, 21 marzo 2011).

Leonor Tamayo, responsabile del Settore Internazionale dell’associazione “Profesionales por la Ética”, ha parlato al riguardo di un “indebolimento aggressivo dei diritti umani”. L’associazione ha anche promosso una dichiarazione a favore dei genitori tedeschi condannati, sottoscritta da 43 associazioni di tutto il mondo e in cui si esortavano le autorità tedesche a rimettere in libertà i genitori arrestati per voler educare i figli in base alle proprie convinzioni e si chiedeva alle istituzioni europee di vegliare sui diritti fondamentali e la libertà di educazione.

Le istituzioni, ad ogni modo, non sono sempre una garanzia. L’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in collaborazione con l’agenzia governativa tedesca per l’Educazione Sanitaria, ha infatti elaborato una guida per i Governi intitolata Standard di Educazione Sessuale. Il documento ha iniziato a essere diffuso presso i ministeri dell’Istruzione e della Salute d’Europa e si ispira ai dogmi dell’ideologia di genere.

Inquietanti alcune competenze che la guida consiglia di trasmettere ai bambini dai 0 ai 16 anni: da 0 a 4 anni, ad esempio, l’OMS prescrive l’apprendimento del “godimento e piacere quando giochiamo con il nostro corpo: la masturbazione della prima infanzia”. L’età da 0 a 4 anni è ritenuta ideale per “la scoperta del corpo e dei genitali”, mentre da 4 a 6 anni è l’età ideale per “parlare di questioni sessuali”, esplorare “le relazioni omosessuali” e “consolidare l’identità di genere”. Dai 9 ai 12 anni, e fino ai 15, i bambini devono conoscere il problema della maternità imprevista ed è bene che ricevano informazioni su dove trovare un contraccettivo e ottenere un aborto. 15 anni sono l’età per “aprirsi agli altri (dichiarare l’omosessualità, la bisessualità e altre opzioni)” e venire a conoscenza del “sesso commerciale (prostituzione, ma anche sesso in cambio di piccoli regali, pranzi/notti fuori o piccole somme di denaro), pornografia, dipendenza dal sesso”. Nelle 83 pagine del testo, i genitori sono ritenuti una “fonte informale” di educazione, rispetto allo Stato come “fonte formale”, “scientifica” e veritativa.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.