Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima meccanico, poi medico e “angelo del fango”. Ma il Signore aveva immaginato per lui un’altra strada

Card. Gualtiero Bassetti
©M. MIGLIORATO/CPP
Condividi

Che storia dietro la vocazione del cardinale Gualteri Bassetti! Ha lavorato in officina, ed era pronto a studiare per intraprendere la carriera di dottore. Ma alla fine qualcosa è cambiato. Ed è diventato un "pastore con l'odore delle pecore"

Da angelo del fango a cardinale degli ultimi. Gualtiero Bassetti, da qualche mese presidente della Conferenza Episcopale Italiana, è uno dei porporati creati da Papa Francesco. E che ne rispecchiano il suo stile pastorale.

Fabio Marchese Ragona traccia il profilo di Bassetti in “Tutti gli uomini di Francesco” (edizioni San Paolo).

Il salvataggio di Nonna Rosa

Don Gualtiero, racconta Marchese Ragona, sapeva perfettamente cosa significa “porgere la mano”. Lo aveva fatto già da ragazzo: era stato, infatti, un angelo del fango, nel 1966, durante la terribile alluvione di Firenze. Aveva 24 anni, era un prete novello e, grazie all’aiuto di alcuni ragazzini, aveva salvato anche delle vite umane. In particolare, aveva salvato Nonna Rosa, un’anziana bloccata in casa che non voleva saperne di andare via.

Compagni orfani

La sua vocazione però era nata già durante gli anni della scuola e tra la gente semplice e povera di Fantino, una minuscola frazione del Comune di Marradi sull’Appennino tosco-romagnolo. Gente duramente ferita dalla guerra. Ho fatto le scuole elementari in una classe dove quasi tutti gli alunni erano orfani: molti dei padri di quei ragazzi, infatti, erano stati uccisi da una rappresaglia tedesca.

Il meccanico di biciclette

«Lì capii, immediatamente e senza troppe spiegazioni, il valore della vita e dove può arrivare in guerra la crudeltà degli uomini – ricorda il cardinale – Alla fine delle scuole elementari mio padre aveva pensato di mandarmi a lavorare nell’officina del meccanico di biciclette del paese. Ma il Signore aveva immaginato per me un’altra strada».

Da medico a sacerdote

Il parroco, don Giovanni Cavini, convinse, infatti, suo padre a farlo studiare: prima le scuole medie e poi il liceo. «Entrai in seminario con l’intento di diventare un medico. Ma poi a un certo punto, vedendo che i miei compagni che stimavo di più sceglievano di fare il prete, feci a me stesso il discorso di Sant’Agostino nelle Confessioni: “E veramente questi e queste ne sono capaci per virtù propria o non piuttosto grazie al Signore Dio loro?”».

La cura dell’anima

«Anche io, dunque, potevo fare questa scelta. Una scelta – prosegue Bassetti – che non si fondava sulle mie sole forze ma sull’aiuto gratuito di Dio. Mi sarebbe piaciuto fare il medico, ma in fondo ora comprendo che avevo lo stesso interesse antropologico: da medico avrei curato il corpo, da sacerdote mi sono preso cura dell’anima dell’uomo».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni