Aleteia

La hyperemesis gravidarum, la “malattia di Kate Middleton”

James Whatling/EAST NEWS
Condividi
Commenta

Kate Middleton aspetta per la terza volta! Una buona notizia adombrata dal fatto che la Duchessa di Cambridge soffre ancora di hyperemesis gravidarum, una patologia gestazionale i cui principali effetti sono violente nausee e frequenti vomiti.

La patologia scientificamente nota come “hyperemesis gravidarum” – dal greco “hyper”, che significa “in eccesso”, “emesis”, che sta per “vomito” e “gravida”, ovvero “gestante” – è stata resa celebre durante le due gravidanze della duchessa di Cambridge – donde il nome di “malattia di Kate Middleton”. Dopo George nel 2013 e Charlotte nel 2015, il Palazzo di Kensington ha annunciato in un comunicato ufficiale datato 4 settembre 2017 che la giovane è incinta del suo terzo figlio. Sfortunatamente, la moglie del Principe William soffre ancora di hyperemesis gravidarum, e non potrà dunque ottemperare a tutti i suoi impegni.

Questa notizia è l’occasione di parlare di una malattia ancora tabù in Francia, perché la hyperemesis gravidarum resta sovente mal identificata, e conseguentemente mal curata. Portiamo l’attenzione su questi attacchi di vomito irrefrenabili che distruggono alcune donne incinte.

Definizione di hyperemesis gravidarum

Si tratta di una patologia la cui causa è tuttora sconosciuta: riguarda meno del 2% delle donne incinte. Gli effetti variano da donna a donna, come pure la loro intensità: nausee violente da mattina a sera, attacchi di vomito molto frequenti (da 5 a 20 al giorno) che causano spesso un’incapacità totale di nutrirsi e idratarsi.

A questo si aggiungono dolori addominali, mal di testa, un immenso senso di fatica (astenia), disturbi del sonno… Il tutto incide enormemente sul morale anche della più agguerrita delle future mamme. All’improvviso non si può più neanche parlare di svolgere la più banale delle faccende domestiche: farsi la doccia è un’impresa, occuparsi degli altri figli un calvario.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni