Aleteia

Perché vogliamo cancellare la maternità dal nostro corpo?

Condividi
Commenta

Abbracciamo i segni dell'essere madre, sono la mappa di una vita ben vissuta

Ho sperimentato un effetto collaterale non intenzionale (ma sorprendente) di quasi un anno di taekwondo e kickboxing: una perdita di peso senza precedenti.

Ho perso 13 chili, e ora peso meno che al liceo. Indosso una taglia che non mi entrava da quando avevo 14 anni. Il mio corpo è forte – riesco a vedere i muscoli sopra lo stomaco, sulle cosce, sulle spalle, sulle braccia, sui polpacci. Ora mi piace vestirmi carina, e perfino indossare il costume da bagno.

E tuttavia…

Ci sono parti del mio corpo che sono sgradevoli. Il mio stomaco, sfigurato dopo cinque gravidanze, è un relitto senza speranza di pelle cadente e smagliature. Ho varie smagliature che mi attraversano i fianchi, e perfino che scendono dalla parte posteriore delle braccia.

A volte mi guardo allo specchio e penso disperatamente che ancora non basti. Altri cinque chili, o dieci. E se questa pelle non se ne andasse mai via? Sono condannata a sembrare per sempre in condizione post partum?

Alexa Wilding si è sentita allo stesso modo dopo aver dato alla luce i suoi gemelli. La gravidanza, più l’anno successivo durante il quale uno di loro affrontava chemioterapia e radiazioni per via di un tumore, ha reso il suo corpo poco familiare ai suoi occhi. Alla fine ha cercato l’aiuto di un medico per un dolore alla schiena, e questi l’ha portata subito da un chirurgo plastico per una “ristrutturazione da mamma” – alzare il seno, tirare la pancia e liposuzione.

Wilding ha scelto di saltare la questione seno e liposuzione, ma si è fatta tirare la pancia. Qualche mese dopo ha notato che la pelle iniziava a calare di nuovo, e il chirurgo plastico le ha detto che probabilmente avrebbe dovuto sottoporsi a un altro intervento. Lei però si è rifiutata perché ha capito cosa le fosse successo davvero, come ha detto ad Allure per la sua serie Dispelling Beauty Myths:

È la trasformazione dall’essere una ragazzina all’essere madre. E noi, come cultura, vogliamo rimanere giovani il più possibile. E allora molte donne cercano di cancellare quel diritto di passaggio per il loro corpo dal loro aspetto, dalle loro esperienze…

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni