Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un vescovo (Romero) e un Papa (Paolo VI)

© J. Puig Reixach CC
Condividi

Nel giorno dell’Assunta il centenario della nascita di Óscar Romero

Nel giorno dell’Assunta ricorre il centenario della nascita di uno dei cristiani più conosciuti del nostro tempo, Óscar Romero. L’arcivescovo di San Salvador venne assassinato nel 1980 a sessantatré anni mentre diceva messa, per aver denunciato l’ingiustizia e la violenza che flagellavano il piccolo paese centroamericano: prese di posizione chiare in nome del Vangelo. Davanti alla sua tomba nel 1983 pregò Giovanni Paolo II, che nel 1997 autorizzò l’apertura della causa di canonizzazione, ma soltanto nel 2012 questa venne ripresa, per decisione di Benedetto XVI e poi di Francesco, fino alla beatificazione nel 2015 come martire.

Ma importante per Romero è stato soprattutto Paolo VI, il Papa che lo nominò nel 1970 vescovo ausiliare di San Salvador, nel 1974 vescovo di Santiago de María e nel 1977 arcivescovo della capitale. Il giovane chierico era stato a Roma, dove aveva studiato alla Gregoriana tra la fine degli anni trenta e l’inizio degli anni quaranta, ormai in piena guerra. Sarà proprio questa formazione romana, che gli dà un’impronta tradizionale, a permettergli di seguire un ventennio più tardi la stagione conciliare con fiducia nel magistero. E appunto la visione aperta di Papa Montini, che guida con coraggio e sapienza il Vaticano II, è quella che il prete salvadoregno inizia ad accogliere.

In un articolo pubblicato agli inizi del 1965 Romero scrive: «Per non cadere nel ridicolo di una critica affezione al vecchio e per non cadere nel ridicolo di farsi avventuriero di “sogni artificiosi” di novità meglio è vivere oggi più che mai quel classico assioma “sentire con la Chiesa” che concretamente significa attaccamento alla gerarchia». E proprio l’espressione Sentir con la Iglesia, di matrice ignaziana, sarà scelta cinque anni più tardi dal nuovo ausiliare di San Salvador come suo motto episcopale.

Vescovo in un paese crudelmente oppresso dalle oligarchie e dai militari, preoccupato per le tendenze politiche che si manifestano nella teologia della liberazione, progressivamente arriva a condividerne il concetto della centralità dei poveri, che nel 1968 era stato ribadito dalla conferenza di Medellín a cui aveva preso parte Paolo VI, primo Papa a mettere piede in America latina. E proprio un documento di Montini, l’Evangelii nuntiandi, più volte ricordato con ammirazione dal suo attuale successore, incoraggia monsignor Romero. Che proprio per la sua posizione moderata viene scelto come arcivescovo di San Salvador, mentre la situazione si fa sempre più difficile e la violenza repressiva aumenta.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.