Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Sapevate che un ritiro ignaziano può cambiare il vostro cervello?

St Ignatius of Loyola – fr

© DR

Roberta Sciamplicotti - Aleteia Italia - pubblicato il 01/08/17

I ricercatori statunitensi hanno scoperto che gli Esercizi Spirituali influiscono sui sistemi di benessere cerebrali

I ritiri ignaziani sembrano provocare “cambiamenti significativi” nel cervello, sostengono gli scienziati statunitensi.

I ricercatori del Marcus Institute of Integrative Health della Thomas Jefferson University hanno studiato le risposte cerebrali delle persone che hanno compiuto un ritiro ignaziano e hanno pubblicato i risultati a cui sono giunti su Religion, Brain and Behaviour.

Il dottor Andrew Newberg, direttore delle ricerche dell’istituto, ha affermato che lo studio “ha mostrato cambiamenti significativi nei trasmettitori della dopamina e della serotonina dopo il ritiro di sette giorni”.

“Visto che la serotonina e la dopamina sono parte della ricompensa e dei sistemi emotivi del cervello, ci aiuta a capire perché queste pratiche portino a esperienze emotive potenti e positive”, ha aggiunto, come riferisce il Catholic Herald.

La dopamina è nota come “piacere chimico” ed è implicata in un’ampia serie di funzioni cerebrali, dal controllo dell’attenzione al movimento. La serotonina è spesso chiamata “l’ormone del sentirsi bene” e aiuta a controllare emozioni e stati d’animo.




Leggi anche:
Sant’Ignazio di Loyola e i 3 tipi di umiltà

Lo studio è stato condotto dal Fetzer Institute e ha coinvolto 14 partecipanti cristiani tra i 24 e i 76 anni che hanno frequentato un ritiro ignaziano e hanno praticato gli Esercizi Spirituali del fondatore dei Gesuiti, Sant’Ignazio di Loyola.

Dopo la Messa del mattino, i partecipanti trascorrevano la maggior parte della giornata in silenzio, preghiera e riflessione, e incontravano ogni giorno un direttore spirituale.

I partecipanti hanno rivelato un cambiamento positivo significativo a livello di salute, tensione e stanchezza, e hanno riferito di un senso di “trascendenza da sé” che i ricercatori collegano all’aumento dei livelli di dopamina.

“Il ritiro a cui ho partecipato mi ha trasformato e mi ha aiutato a collegarmi più facilmente allo Spirito e a ricollegarmi a Dio”, ha confessato un partecipante secondo quanto riporta l’Independent. “Prima del ritiro, inoltre, avevo un range limitato di emozioni, in particolare non ero molto empatico e non riuscivo a piangere. Durante il ritiro, però, ho provato l’esatto opposto”.

Prima e dopo il ritiro, i partecipanti sono stati sottoposti a una TAC che ha permesso ai ricercatori di valutare la loro attività cerebrale.




Leggi anche:
Cammino di Sant’Ignazio, da Loyola a Manresa, dove nascono i suoi “Esercizi Spirituali”

Dopo 7 giorni di ritiro, hanno dimostrato una riduzione tra il 5 e l’8% nel collegamento del trasmettitore di dopamina, e una riduzione del 6,5% in quello del trasmettitore di serotonina. Per i ricercatori queste diminuzioni possono portare a una maggiore disponibilità di dopamina e serotonina nel cervello, che può avere effetti psicologici positivi.
“In qualche modo, il nostro studio suscita più domande che risposte”, ha sottolineato il dottor Newberg. “Il nostro team è curioso di sapere quali aspetti del ritiro abbiano provocato i cambiamenti nei sistemi di neurotrasmissione e se ritiri diversi produrrebbero effetti differenti. Speriamo che studi futuri riescano a rispondere a queste domande”.

Tags:
cervelloesercizi spiritualigesuitisant'ignazio di loyola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.