Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconStile di vita
line break icon

Penso che mio figlio sia vittima di bullismo. Cosa dovrei fare?

Shutterstock

Marie de Ménibus - pubblicato il 20/06/17

La psichiatra infantile Nicole Catheline offre ai genitori consigli per far fronte al problema

Purtroppo il bullismo a scuola è un problema fin troppo comune che può avere effetti molto dannosi per la salute mentale delle vittime. Il bullismo ripetuto a livello fisico e psicologico fa pagare lo scotto sia al bambino che alla famiglia, e non è sempre facile sapere cosa fare. Visto che si tratta di un argomento così sensibile, abbiamo chiesto alla psichiatra infantile Nicole Catheline, esperta di adolescenti in difficoltà e autrice di School Bullying, di darci qualche indicazione al riguardo.

Quali sono i “segnali di avvertimento” di bullismo a cui fare caso?

Non ci sono segnali specifici, ma ci sono dei cambiamenti nel comportamento a cui fare attenzione, come l’irritabilità, l’ipersensibilità, la stanchezza, problemi con il cibo o il sonno, dipendenza dai videogiochi, lentezza al mattino per evitare di andare a scuola o perdere l’autobus. Purtroppo gli adulti tendono ad assumere che questi cambiamenti siano solo i tipici segni dell’adolescenza, ma non è sempre così.

Le vittime di bullismo hanno un profilo?

Non si dovrebbe affrontare il problema in questo modo, perché implicherebbe il fatto che essere oggetto di bullismo sia colpa della vittima. Il bullismo è il risultato di un fallimento nelle dinamiche interne di un gruppo.

Durante l’adolescenza, il gruppo è importante per la costruzione della personalità di un bambino. Protegge e invia un’immagine positiva a chi vi appartiene. Perché un gruppo funzioni in modo efficace, deve riunirsi il più spesso possibile. Ogni bambino contribuisce in modo diverso.

I bambini nel gruppo possono credere che la vittima minacci la loro identità collettiva perché i suoi abiti, i suoi interessi o altri aspetti non si adattano ai loro. E allora l’istituzione deve intervenire. Gli educatori non possono permettere che prevalga la legge della giungla o la sopravvivenza del più adatto.

Perché chi subisce bullismo non si confida con i propri genitori?

Il bambino è nella fase di sviluppo e vuole un’immagine di sé positiva, e allora cercherà di trovare una soluzione da solo. Può anche rimanere in silenzio per paura di rappresaglie se i suoi genitori notificano la situazione alla scuola, o per il peso della vergogna o la paura di aggiungere altre preoccupazioni a una famiglia che ne ha già tante. Dopo un po’, però, non ce la farà più e si confiderà con qualcuno. In genere ci vogliono dai 4 ai 6 mesi perché una vittima si apra, ma a volte non succede mai.

Come dovremmo parlare ai nostri figli per non essere troppo invadenti?

Bisogna essere il più neutri possibile, per cui cercate di dire: “Il bullismo può capitare a chiunque, e se si dovesse verificare faremo qualsiasi cosa sia nelle nostre capacità per porvi fine”. Qualunque cosa facciate, non dite: “Nessuno ti sta dando fastidio a scuola, vero?”, visto che questo potrebbe trasmettere la nostra ansia e far sì che nostro figlio si chiuda”.

  • 1
  • 2
Tags:
bullismoeducazionefigligenitori
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni