Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il piccolo Charlie Gard (per ora) è salvo: la Corte Europea blocca l’eutanasia

Charlie Gard
http://www.charliesfight.org/charlies-fight/
Condividi

I genitori ora sperano nella sentenza definitiva. I medici non cambiano idea: è solo sofferenza

La Corte europea dei diritti umani ha ordinato a Londra di continuare a tenere in vita Charlie Gard, il neonato affetto da una rara malattia genetica, fino a quando non prenderà una decisione sul ricorso dei genitori.

«Alla luce delle circostanze eccezionali, la Corte ha già accordato la priorità al caso e procederà a valutare il ricorso con la massima urgenza», afferma in un comunicato stampa la stessa Corte.

L’ULTIMATUM DELLA CORTE

Il 13 giugno scorso la Corte di Strasburgo, dopo aver ordinato temporaneamente e per la seconda volta a Londra di mantenere in vita Charlie Gard, aveva stabilito che i genitori del neonato avevano fino alla mezzanotte per presentare il ricorso contro la decisione delle autorità del Regno Unito di sospendere la ventilazione artificiale del neonato e quindi ‘staccare la spina’ (The Huffington Post, 20 giugno).

I genitori subito si sono mobilitati per scongiurare la morte di Charlie. Da qui il ricorso che è in attesa di giudizio.

MEDICI CONTRO GENITORI

Il piccolo Charlie Gard soffre di una rara malattia mitocondriale che provoca l’indebolimento dei muscoli e gravi danni cerebrali. Riceve sostegno vitale presso l’ospedale di Great Ormond Street di Londra, ma i medici hanno “deciso”, contro la volontà dei genitori del bambino, che le apparecchiature che lo tengono in vita devono essere scollegate per «evitare una sofferenza inutile».

Fin da subito i genitori si sono opposti a questa decisione e la questione è finita in tribunale.

LA CURA SPERIMENTALE

I Gard vogliono trasferire al più presto il piccolo in America per sottoporlo a una cura sperimentale dal costo di 1,3 milioni di sterline (cifra raggiunta e superata grazie a una raccolta online a cui hanno partecipato ben 80.000 utenti). Inutile, secondo i medici britannici (Aleteia, 13 marzo).

Online i contatti con le notizie e le iniziative sul bambino inglese sono #charliesfight (Avvenire, 10 giugno)

https://twitter.com/johnfenech136/status/877126863956717568

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni