Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconStile di vita
line break icon

Facebook, 6 consigli per genitori preoccupati

GENITORI FIGLI FACEBOOK

Shutterstock- goodluz

Maria Paola Daud - pubblicato il 25/05/17

Alcuni buoni consigli da un esperto: il creatore del social network, Mark Zuckerberg

Per molte persone Facebook è già diventato parte della propria vita quotidiana. In questo social vengono diffuse così tante storie, buone e meno buone, e questo di solito fonte di grande preoccupazione ed ansia per molti genitori che vogliono proteggere i propri figli dai pericoli di Internet.

Per questo motivo Mark Zuckerberg, fondatore del social network, ha creato un portale di supporto all’interno del Centro per la sicurezza che ha presentato con questa affermazione: “Essere genitori può essere un compito difficile. Siamo consapevoli che l’uso di Facebook farà sorgere nei genitori molte domande. Abbiamo quindi creato una raccolta di link utili, consigli e suggerimenti per rendere soddisfacente la vostra esperienza e affinché possiate aiutare vostro figlio nella sua esperienza”.

Ecco i 6 consigli per navigare in modo sicuro sul social network:

1. Di’ a tuo figlio che le stesse regole si applicano online e offline

Non fare agli altri quello che non vorresti venisse fatto a te. Proprio come diresti a tuo figlio di guardare da entrambi i lati della strada prima di attraversare o di indossare il casco quando usa la bicicletta, insegnagli a pensare prima di condividere un contenuto online.

2. Prova a essere un buon modello di comportamento

Leungchopan/Shutterstock

L’idea secondo cui ai bambini bisogna dare il buon esempio perché imitano le azioni dei grandi è vera tanto online che offline. Se imponi dei limiti di orario in cui tuo figlio può usare i social media o stare online (ad es. no SMS dopo le 22:00), rispettali anche tu.

3. Connettiti subito con tuo figlio

Goodluz/Shutterstock

Dai dati emerge che i genitori dovrebbero connettersi con i figli non appena iniziano a usare i social media, considerando la possibilità di stringere amicizia con loro su Facebook. Vale la pena notare che gettare presto le basi per il dialogo e la conversazione online è importante quanto farlo offline. Diventa più difficile se aspetti. Parla con tuo figlio della tecnologia nel suo insieme ancor prima che inizi a usare i social media. In questo modo, crei un terreno fertile per un futuro dialogo sull’argomento.




Leggi anche:
Smartphone e tablet, “eroina digitale” per i nostri figli?

4. Identifica il momento giusto per aprire l’argomento

© SergiyN

Ad esempio, un buon momento per stabilire delle regole di base è quando tuo figlio riceve il suo primo cellulare. Un buon momento per parlare di condivisione sicura è quando compie 13 anni e può iscriversi a Facebook e altri social media. Un buon momento per discutere dell’importanza di non scrivere messaggi mentre è alla guida è quando prende la patente.

5. Abbi fiducia in te

Shutterstock

In genere, puoi adottare le stesse strategie educative che usi per le attività offline anche per quelle online. Se sai che con tuo figlio è più efficace trattare ogni aspetto dell’argomento in modo dettagliato, crea un contratto che entrambi possiate firmare. In caso contrario, può essere sufficiente dargli le regole di base.

6. Chiedi ai tuoi figli di farti da insegnante

GENITORI FIGLI FACEBOOK
Shutterstock- goodluz

Non usi Facebook? Potrebbe però interessarti provare un servizio di musica in streaming? Se i tuoi figli hanno già dimestichezza con queste app e questi siti, possono rivelarsi un’ottima risorsa. Puoi approfittare di questi momenti per parlare anche di sicurezza, privacy e protezione. Ad esempio, puoi porre loro domande sulle impostazioni sulla privacy quando configuri il tuo account Facebook. Inoltre, come la maggior parte dei genitori sanno, ai figli piace avere la possibilità di vestire i loro panni ogni tanto.




Leggi anche:
Bambini e social media: una lezione su come non essere cattivi online

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
facebookgenitoriinternetsocial network
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni