Aleteia

La piaga più dolorosa che San Pio rivelò in vita solo a Wojtyla

Condividi
Commenta

San Pio da Pietralcina è stato uno dei pochissimi santi ad aver avuto sul proprio corpo i segni visibili e tangibili della Passione di Cristo ed anche lui ha patito gli stessi atroci dolori alla piaga della spalla, a conferma di quanto rivelato direttamente da Gesù a San Bernardo sulla presenza di una dolorosissima ed incognita piaga alla Sua Sacra Spalla.

Una nuova sconcertante scoperta riguardo ai dolori alla spalla patiti da padre Pio è stata fatta dopo la sua morte da un carissimo amico del padre, nonché suo figlio spirituale, fra’ Modestino da Pietralcina.

PADRE PIO E FRA MODESTINO

Fu il frate laico suo compaesano, che lo aiutava in certe sue occupazioni di carattere domestico, a rendersene conto. Il santo gli disse un giorno che uno dei grandi dolori che provava era quando si doveva cambiare la maglia. Fra Modestino non comprese ciò che c’era dietro quella frase, pensando al dolore che provava quando doveva staccare la maglia dalla ferita al costato. Si rese conto di quel che fosse soltanto riordinando gli effetti vestiari del defunto e futuro santo, dopo tre anni, il 4 febbraio 1971 (http://www.riscossacristiana.it, maggio 2014).

UNA MACCHIA DI DIECI CENTIMETRI

Era stato incaricato dal Padre Guardiano di raccogliere ogni cosa che era appartenuta a Padre Pio e di sigillarla in appositi sacchetti di nailon. Si accorse che la maglia aveva una vasta macchia all’altezza della spalla destra, vicino alla clavicola. La macchia aveva un diametro di circa dieci centimetri (più o meno quello che si nota sulla Sindone). A togliersi la maglia il dolore doveva essere veramente acuto se la piaga era viva e le ossa fossero ancora rotte. Non si sa però se le fratture siano state riscontrate sullo scheletro della salma. 

LA CONFESSIONE DI PADRE PELLEGRINO

«Di questa scoperta parlai subito al padre superiore – ricorda fra Modestino – che mi disse di scrive­re una breve relazione. Anche padre Pellegrino Funicelli, che per anni ave­va assistito Padre Pio, mi confidò che, aiutando parecchie volte il Padre a cambiare la maglia di lana che indos­sava, aveva notato quasi sempre, sulla spalla ora destra ora sinistra, una ec­chimosi circolare».

DOLORE E PROFUMO

In aggiunta a questa, «un‘importan­te conferma – aggiunge il frate – mi venne dallo stesso Pa­dre Pio. A sera, prima di addormentar­mi, feci a lui, con tanta fede, questa preghiera: “Caro Padre, se tu avevi veramente la piaga alla spalla, dam­mene un segno”. Mi addormentai. Ma, esattamente all’una e cinque minuti di quella notte, mentre dormivo tranquil­lamente, un improvviso, acuto dolore alla spalla mi fece svegliare. Era come se qualcuno, con un coltello mi avesse scarnito l’osso della clavicola. Se quel dolore fosse durato qualche minuto ancora, penso che sarei morto. Con­temporaneamente sentii una voce che mi diceva: “Così ho sofferto io!”. Un intenso profumo mi avvolse e riempì tutta la mia cella. Sentii il cuore tra­boccante di amor di Dio. Provai anco­ra una strana sensazione: l’essere sta­to privato di quella insopportabile sof­ferenza mi era ancora più penoso. Il corpo voleva respingerla ma l’anima, inspiegabilmente, la desiderava. Era dolorosissima e dolce insieme. Ormai avevo capito!».

L’INCONTRO CON WOJYTYLA

Di quella piaga non ne seppe mai alcuno. Ne era a conoscenza soltanto il futuro Papa Giovanni Paolo II e se il santo frate soltanto a lui lo rivelò doveva pur esserci una ragione particolare.

Nel libro “L’autobiografia segreta“, curato da don Francesco Castelli, storico della postulazione per la causa di beatificazione di Karol Wojtyla e docente di Storia della Chiesa moderna e contemporanea all’ISSR “R. Guardini” di Taranto, l’autore racconta che il Cardinale Andrzej Maria Deskur, in una intervista, aveva riferito di un incontro a San Giovanni Rotondo, nell’aprile del 1948, tra l’allora don Karol Wojtyla e il frate stimmatizzato. Fu in quell’occasione che il frate comunicò l’esistenza della “piaga più dolorosa” (Zenit.org, 2008).

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni