Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconStorie
line break icon

La toccante lettera della vedova di Robin Williams nella speranza di aiutare altre persone

© Public Domain

Daniel R. Esparza - pubblicato il 05/10/16

Susan Schneider scrive degli ultimi giorni dell'attore e della necessità di tendere la mano a chi soffre

Se si è parlato relativamente poco di Robin Williams dalla sua tragica morte nell’agosto 2014, tantomeno si è parlato della malattia neuronale di cui soffriva, la “demenza da corpi di Lewy”, nota come LBD, un disordine neuro-degenerativo che influisce non solo sulla memoria, ma anche sulle capacità motorie del paziente.

Questa settimana la vedova dell’attore, Susan Schneider, ha diffuso una lettera sincera, intima e calorosa ma anche piena di dolore, pubblicata sulla rivista Neurology e intitolata “Il terrorista nel cervello di mio marito”, in cui racconta le sofferenze proprie e dell’attore per far conoscere di più questa malattia e permettere di assistere meglio chi ne è affetto.

La Schneider racconta che uno dei dolori più grandi per la coppia era il fatto di non sapere esattamente cosa stesse affrontando.

La sezione HoyCinema del quotidiano spagnolo ABC ha pubblicato una traduzione parziale della lettera della Schneider, che riproduciamo con alcune modifiche:

“Questa è una storia personale, tristemente tragica e lacerante, ma voglio condividerla con voi nella speranza che possa aiutare altre persone. Come sapete, mio marito Robin Williams aveva la poco conosciuta ma letale demenza da corpi di Lewy. In questa esperienza traumatica non era solo. Come sapete, negli Stati Uniti ne soffrono attualmente quasi 1,5 milioni di persone.

  • 1
  • 2
Tags:
malattiamogliemorterobin williams
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni