Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconNews
line break icon

Povertà in costante crescita: l'allarme delle Caritas

@DR

Chiara Santomiero - Aleteia Team - pubblicato il 15/11/13

Poggi (Caritas Genova): “il rischio è la demoralizzazione anche tra gli operatori”

“Nei Centri d’ascolto sono in aumento le persone italiane: ogni diocesi ha rilevato una situazione differente ma evidenzia l’aumento. Se confrontassimo il dato con i precedenti anni ci accorgeremmo di un aumento costante in numero assoluto tra gli italiani. Si rileva inoltre un aumento delle richieste di beni primari anche da categorie di persone impensate fino a qualche anno fa. Se quello che rileviamo è relativo alla grave marginalità, ossia alla povertà conclamata, che ne è di tutte quelle famiglie (o nuclei) che sono in condizione di vulnerabilità, ossia in quella fascia in cui un banale imprevisto (un trasloco, una malattia, la perdita del lavoro) porterebbe il nucleo in condizioni di reale povertà?”. E’ quanto sottolineava nel 2008 il Dossier “R-esistenze sul crinale” della Caritas della Liguria che metteva insieme i dati raccolti dalle Caritas diocesane. Una situazione che, come intuito, è peggiorata con il perdurare della crisi economica come conferma mons. Marino Poggi, direttore della Caritas diocesana e vicario della carità della diocesi di Genova.

Quali difficoltà state registrando in diocesi?

Poggi: Viviamo la stessa situazione di difficoltà che si avverte nel resto d’Italia. In ogni zona poi ci sono dei settori o degli “scudi” di protezione che frenano gli effetti più pesanti della crisi economica. Da noi non c’è più la grande industria ma sono rimasti i pensionati e la loro pensione è il salvagente di tante famiglie. Però è chiaramente una difesa che viene progressivamente meno. Nel nostro territorio non c’è campagna e quindi attività agricola e nemmeno è diffusa la piccola impresa, quindi le possibilità di impiego sono poche e la povertà cresce.

C’è stato un aumento delle persone che si rivolgono alla Caritas?

Poggi: Sono in continuo aumento le richieste di pagamento di bollette e affitti e anche di cibo. E’ un’urgenza che richiede risposte immediate, rispetto alla quale non c’è la possibilità di alcun discorso di tipo educativo come nello stile Caritas. In più diventiamo sempre più impotenti nel venire incontro a questi bisogni.

Quali iniziative sono state messe in campo?

Poggi: L’aumento della quota dell’8 per mille per la carità delle diocesi deciso dalla Cei ha consentito di dare un po’ di respiro ai Centri di ascolto in prima linea sul fronte dell’emergenza. Dal 2008, inoltre, è partito il progetto “Camminiamo insieme” sostenuto dalla Fondazione Carige per gli aiuti alle famiglie in difficoltà a causa della crisi economica. E’ un progetto che riguarda tutto il territorio della Liguria e al quale hanno aderito progressivamente le varie diocesi. I Centri di ascolto presentano il caso ad una commissione che valuta quale contributo riconoscere a una famiglia per iniziare a dare una risoluzione ai suoi problemi, attraverso l’intervento di una figura che si chiama “adottante relazionale” in grado di aiutarla a stabilire una priorità tra le varie esigenze. Abbiamo constatato, infatti, che in numerosi casi oltre alla difficoltà economica, c’è anche una difficoltà a gestire le entrate della famiglia stabilendo una gerarchia dei bisogni. A questi interventi si affiancano le attività già operanti in diocesi da vario tempo: il Centro emergenze famiglie per le situazioni di indebitamento o per la richiesta di prestiti e il Centro antiusura. Il ricorso all’usura è molto diffuso tanto quanto è diffuso il gioco d’azzardo e adesso ad aumentare i motivi per cui ricorrere all’usura ci sono anche le difficoltà derivanti dalla crisi economica.

Qual è il rischio più grande in questa situazione?

Poggi. La demoralizzazione, anche tra gli operatori. Il crescere di tanta povertà davanti alla quale spesso non si hanno risposte lascia sgomenti. Occorre un supplemento di formazione e poi l’affidarsi alla Provvidenza. Il tentativo è quello di trovare nuovi posti di lavoro: per questo abbiamo cercato le risorse per 30 borse lavoro ma sono solo gocce nel mare.

Tags:
caritascrisi economicagenovapovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni