Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconStile di vita
line break icon

Il modo migliore per mettersi al servizio del Regno di Dio è…

man, sleeves

© thodonal88 I Shutterstock

Edifa - pubblicato il 14/04/21

Anche se la preghiera è essenziale, non ci solleva dall'agire: dobbiamo anche rimboccarci le maniche per servire il Regno.

di Christine Ponsard

Dio non ha bisogno di persone illusorie, di coloro che sognano la loro vita invece di prenderla in mano o che non smettono di rimpiangere il passato, dei professionisti del “bisogna solo” e di quelli che danno lezioni…in pantofole. Dio potrebbe fare tutto senza di noi, ma sceglie di avere bisogno di noi, vuole associarci alla Sua opera di Creatore: qui sta la grandezza del nostro lavoro umano, che non è esclusivamente, né principalmente, un mezzo per guadagnare soldi (infatti può essere anche del volontariato e questo non toglie niente al suo valore).

L’azione non si oppone alla contemplazione, ma scaturisce da essa

Le persone “create a immagine di Dio” sono “chiamate a continuare, con e per gli altri, l’opera della Creazione, dominando la Terra”. […] Il lavoro onora i doni del Creatore e i talenti ricevuti” (Catechismo della Chiesa Cattolica, § 2427). I santi ci danno l’esempio: nessuno di loro è rimasto lì a guardare. Anche se la preghiera è stata la fonte della loro azione, non la sostituisce e si sono messi energicamente al servizio del Regno.

Guardiamo la Vergine Maria dopo l’Annunciazione: senza indugio, Si è messa in cammino per andare ad aiutare Sua cugina Elisabetta. I santi non hanno la testa tra le nuvole: hanno il cuore in Cielo, ma ancor più i piedi sulla terra. I più grandi contemplativi hanno spesso un eccezionale senso pratico e sono tanto più efficaci quanto più cercano solo la Volontà di Dio e vanno dritti all’obiettivo.

È un errore contrapporre Marta e Maria (Lc 10, 38-42): scegliere “la parte migliore”, che è offerta a tutti noi, non significa lasciare lavorare le “Marte”, ma lavorare solo in vista di questa “parte migliore”. L’azione non si oppone alla contemplazione, ma scaturisce da essa.

Costruire o subire: sta a noi scegliere! 

Di fronte alle sfide del mondo di oggi, possiamo passare il nostro tempo a lamentarci, a piangere su ciò che non è più, a immaginare ciò che potrebbe essere, rimanendo inerti. Cambiare il mondo intorno ad un tavolo, discutere all’infinito su ciò che dovrebbe fare il nostro vescovo o il direttore della scuola dei nostri figli, il parroco o il sindaco della nostra città, distribuire giudizi buoni o cattivi, tutto questo è sterile se non addirittura dannoso. Il Regno non ha bisogno di ispettori dei lavori finiti, ma di uomini e donne che prendono il rischio di agire.

Perché agire significa correre il rischio di sbagliare, di esporsi al giudizio degli altri e di incassare critiche e rimproveri. Per essere il sale della terra, però, bisogna accettare di mescolarsi alla terra. Tenere le mani pulite è facile quando si tengono in tasca, ma è ben diverso quando si decide di affrontare la realtà, di impegnarsi visibilmente al servizio dei fratelli e di prendere iniziative. Così avremo il coraggio di uscire dai sentieri battuti per attuare nuove soluzioni, aprire le porte, lottare contro la disgrazia, la mediocrità, la bruttezza, la miseria e contro ogni forma di violenza, rifiutando di vederla come una fatalità ineluttabile.

I nostri figli hanno bisogno di vederci rischiare la vita invece di subirla. Hanno bisogno che noi li incoraggiamo ad impegnarsi “per permeare le realtà sociali, politiche ed economiche, secondo le esigenze della dottrina e della vita cristiana” (Catechismo della Chiesa Cattolica, § 899).

L’azione non è agitazione

Non sono le nostre opere che fanno progredire il Regno: è Dio che lo fa, con noi. Siamo come strumenti nelle Sue mani, tanto più efficaci quanto più si accetta di essere docili. Dio non ci chiede di fare il più possibile, non si aspetta che accumuliamo imprese: ci chiede solo di fare il poco che ci affida e di portare a termine il nostro compito nel tempo che Lui ci dà.

Questo implica di rimanere “connessi” a Lui attraverso la preghiera e rispettare la domenica: se ci lasciamo trasportare dal fuoco dell’azione senza fermarci a pregare, potremo forse arrivare a grandi conquiste, ma quale sarà in realtà la nostra fecondità?

Tags:
dio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più