Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La morte improvvisa di una persona cara: come spiegare l’inspiegabile ai bambini?

Child and Mother Upset
Shutterstock
Condividi

La morte improvvisa non ci lascia il tempo di prepararci. Arriva senza preavviso e suscita l’incomprensione negli adulti e nei bambini. Come possiamo accompagnare i più piccoli nel momento del lutto quando sono tormentati da molte domande?

di Christine Ponsard

Ci sono dei drammi che sconvolgono improvvisamente la vita di intere famiglie: un padre che muore in un incidente stradale, un adolescente che cade in montagna, un bambino che annega nel mare… e se la sofferenza è sempre insopportabile, sembra ancora più incomprensibile quando arriva improvvisamente, senza motivo.

Quanti “perché” sorgono allora, soprattutto dalla bocca dei bambini e come ci sentiamo impotenti noi adulti nel rispondere loro, specialmente quando anche noi ci sentiamo smarriti e sconvolti. Eppure i bambini hanno bisogno di fare delle domande, molto liberamente, senza tabù, e le potranno fare solo se sentiranno che siamo pronti ad accoglierle.

Ascoltare il bambino prima di rispondere alle sue domande

Accogliere le domande di un bambino significa prima di tutto ascoltare e non rispondere. Questo è ciò di cui il bambino ha più bisogno: che sappiamo ascoltarlo attentamente, senza proiettare le nostre domande sulle sue. Tuttavia sappiamo che è difficile ascoltare bene, soprattutto quando soffriamo e siamo assorbiti dal dolore e dall’ansia. Inoltre a volte siamo così preoccupati di dover rispondere bene al bambino che ci focalizziamo solo sulla risposta, piuttosto che ascoltare realmente la domanda.

Possiamo ascoltare con le orecchie, ma anche con gli occhi (infatti l’espressione del bambino è eloquente come le parole che pronuncia, se non di più), con tutto il corpo (se facciamo finta di ascoltare e intanto pensiamo ad altro, il bambino se ne accorgerà) e con il cuore illuminato dall’intelligenza (per rilevare le domande che il bambino non fa e che si nascondono dietro a quelle che esprime).

Non dare risposte preconfezionate

Accogliere le domande di un bambino non significa fornire una soluzione pronta all’uso, ma aiutare il bambino ad incamminarsi verso la propria risposta. Fate attenzione però, la verità non è relativa, esiste infatti una Verità e deve essere insegnata. Tuttavia dare una risposta che il bambino non potrà assimilare non gli è d’aiuto: è come dargli da mangiare un alimento che non può digerire.

Esistono dei trattati teologici meravigliosi sul Mistero della Redenzione, ma sapete bene che se li leggeste a vostro figlio non risponderebbero alle sue domande profonde sulla sofferenza. Infatti il bambino ha bisogno di trovare una sua risposta, cioè quella che corrisponderà alle sue aspettative profonde in base all’età, al carattere, agli eventi che hanno suscitato le sue domande, ecc.

Aiutare il bambino a trovare la “sua” risposta

©Angela Luchianiuc-Shutterstock

Tutte le domande del bambino, per quanto difficili, meritano sempre una risposta franca. A volte i più piccoli hanno dei modi così diretti di farci delle domande, andando dritti al punto, che potremmo essere tentati di tergiversare, di eluderle facendo finta di non aver sentito o peggio ancora raccontando delle menzogne che riteniamo credibili. Tuttavia solo la verità li renderà liberi.

Aiutare il bambino a trovare la “sua” risposta significa accettare di incamminarsi con lui e sappiamo che non è un compito facile. Dare una risposta pronta all’uso non è molto complicato né impegnativo, cercare invece di rispondere facendo attenzione al bambino, implica il saperlo ascoltare con attenzione, amore e rispetto. Questo atteggiamento ci porterà alla compassione, rendendoci vulnerabili alle sue sofferenze, preoccupazioni e dubbi.

A volte non osiamo affrontare le reazioni dei più piccoli davanti al dolore perché ci sentiamo terribilmente impotenti, impreparati e vulnerabili: “Non posso parlarne, altrimenti so che inizierò a piangere e voglio dare l’immagine di una mamma forte”. Ma in realtà possiamo essere forti e vulnerabili allo stesso tempo. Quando avremo accettato la nostra vulnerabilità, il Signore potrà riempirci con la Sua forza.

Invocare l’aiuto dello Spirito Santo

Ciò di cui i nostri figli hanno più bisogno non è tanto di genitori esemplari, ma di genitori che rimangono accanto, “dolci e umili di cuore”, poiché tutte le risposte alle domande sulla sofferenza e la morte possono venire solo dal Signore. Solo Lui può farci capire questo mistero, darci la forza di sopravvivere all’intollerabile e di colmarci con la gioia della Risurrezione nel cuore della tempesta. Ecco perché, ascoltando le domande dei nostri figli e accogliendo le loro sofferenze e ribellioni, possiamo ripetere instancabilmente: “Vieni, Spirito consolatore!”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni