Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Bestemmie in oratorio e il parroco chiude tutto

Bambini giocano all'oratorio

Shutterstock

Lucandrea Massaro - pubblicato il 27/09/22

Nuovo caso di esasperazione da parte di un sacerdote che si ritrova da solo contro un malcostume che è anche un malessere spirituale

“Bestemmie continue tra i giocatori, contro chi abita vicino la parrocchia, contro gli anziani, contro gli operatori pastorali, contro la Chiesa che li ospita. Immondizia lasciata a terra continuamente, quando i bidoni dei rifiuti sono a cinque metri di distanza. Atteggiamenti irrispettosi verso chiunque e senza ringraziamento. E la parrocchia ha appena acquistato delle nuove porte da gioco…”. E’ questo il motivo che ha spinto don Maurizio Di Rienzo, parroco a San Biagio (a Marina di Minturno, provincia di Latina) ad una decisione drastica ma sofferta: “Da oggi e fino a data da destinarsi il campo parrocchiale è chiuso per maleducazione”.

Don Maurizio, sfogandosi, spiega che – purtroppo – non è la prima volta che è costretto a farlo e che, cosa assai più grave, è mancata la solidarietà all’interno della parrocchia. “Purtroppo devo segnalare anche l’assenza totale di disponibilità e di tempo da parte degli adulti, dei genitori e dei volontariche possano supervisionare per qualche ora i ragazzi”. E lo ribadisce anche dopo, a voce ad Avvenire: “Siamo tutti facili a lamentarci, poi però quando serve una mano, c’è il fuggi fuggi”.

football-1274661_640

Non un caso isolato

L’oratorio parrocchiale come sfogatoio dei più bassi istinti e come parcheggio per i figli dunque? Un tema aperto che naturalmente non riguarda solo questa parrocchia della provincia di Latina come ci è capitato già di raccontare.

Poco prima dell’estate, il parroco dell’Unità pastorale “Beata Vergine delle Grazie” di Cicognara (frazione di Viadana) nel Mantovano, riapriva l’oratorio da lui gestito: la struttura era stata chiusa a seguito di comportamenti maleducati che «non rispettano il luogo». Don Andrea Spreafico aveva affisso fuori dall’oratorio in cui si leggeva che il centro ricreativo è «chiuso. Motivi: troppe parole volgari, cacca ovunque nei bagni, rifiuti buttati a caso, sedie prese dal portico e abbandonate, persone che entrano in mutandoni e canottiera, uomini che si tolgono le croste dai piedi, bambini sotto i cinque anni non accompagnati in bagno dai genitori, comportamenti da bulli violenti».

Analogie con la lamentela di don Roberto Razzoli, parroco della chiesa dei Santi Maria e Clemente di Valenzatico frazione di Quarrata, che non ne poteva più di tutti quegli insulti e quelle bestemmie tra i ragazzini che giocavano a pallone nel “campino” della Parrocchia. “Dopo vari richiami fatti ai ragazzi e adolescenti che giocano nel campino parrocchiale ad una attenzione maggiore a non bestemmiare e non parlare con parole volgari, dato che continua questo modo increscioso di parlare mi trovo costretto a chiudere il Campino”. “L’uso del Campino – si leggeva infine sul foglio – sarà concesso ai ragazzi solo se con genitori presenti che si assumano la responsabilità dei gesti e parole dei ragazzi che giocano”.

La Parrocchia vissuta come centro sportivo o di mero “pascolamento” dei ragazzi, senza guida, senza un progetto. La bestemmia come sfogo. La responsabilità non è – solo – dei parroci, ma della comunità tutta. Dove sono i laici? Dov’è la chiamata al servizio condivisa da tutti? I papà, le mamme, i fratelli e le sorelle maggiori, dove sono? In una condizione di frammentazione dei rapporti, di polverizzazione dei legami e di crescente individualismo risuona forse la risposta di Caino nella Genesi: “Sono forse io il guardiano di mio fratello?”.

Oratorio Estivo

Ma il Battesimo è un impegno comunitario

Eppure sono possibili altre strade come ci raccontava il Presidente del COR (Centro Oratori Romani) David Lo Bascio – in occasione lo scorso gennaio dell’istituzione del ministero ecclesiale del Catechista e della sua personale chiamata a ricoprire tale ministero dal Santo Padre -, rispondeva alla nostra domanda sulla responsabilità del laicato, così:

Io credo che ciò che è urgente è riscoprire la propria vocazione battesimale, essere nel mondo per ciò che si è costituiti. È un cammino difficile perché ci siamo un po’ tutti deresponsabilizzati, ma dobbiamo camminare insieme, questa è la dimensione da tenere presente. Farsi guidare dalla Provvidenza, mettersi in gioco. Se penso alla mia vita, mi domando come sono arrivato qui, mi pongo come tutti la domanda: ma perché io? Perché non un altro? Ma questa domanda è quella della logica del mondo, è la logica meritocratica per cui ti succede questo o quello sulla base di una valutazione, ma la logica di Dio è totalmente diversa, è quella del dono, della gratuità. Dio chiama e poi ti apparecchia davanti le cose giuste per te, in cui ti realizzi come cristiano, come figlio di Dio.

Tags:
bestemmiaoratorio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni