Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 07 Luglio |
Santa Maria Goretti
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Riapre l’oratorio chiuso per i “cafoni”. Ma ora il parroco impone i “cartellini”

parroco chiude oratorio

Parrocchia San Giovanni Bosco in Villa Reatina | Facebook

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/06/22

Don Andrea Spreafico aveva affisso un cartello con le regole violate e la drastica decisione di chiudere l’oratorio, scatenando un caso nazionale

Il parroco dell’Unità pastorale “Beata Vergine delle Grazie” di Cicognara (frazione di Viadana), nel Mantovano, riapre l’oratorio da lui gestito: la struttura era stata chiusa a seguito di comportamenti maleducati che «non rispettano il luogo». 

Don Andrea Spreafico è divenuto famoso nelle ultime ore per un cartellone affisso fuori dall’oratorio in cui si legge che il centro ricreativo è «chiuso. Motivi: troppe parole volgari, cacca ovunque nei bagni, rifiuti buttati a caso, sedie prese dal portico e abbandonate, persone che entrano in mutandoni e canottiera, uomini che si tolgono le croste dai piedi, bambini sotto i cinque anni non accompagnati in bagno dai genitori, comportamenti da bulli violenti» (Fanpage, 19 giugno).

“Se rispetti le regole entri, altrimenti stai fuori”

«Questa è la nostra casa: se entri rispetti le regole, altrimenti stai fuori», era il punto chiave della comunicazione, messo nero su bianco al termine di un lungo elenco di comportamenti incivili a cui il sacerdote ha spesso assistito nell’ultimo periodo.

Don Andrea: “Un normale intervento educativo”

«Il mio è stato un normale intervento educativo, che peraltro avevo già messo in atto altre volte, per esempio nei giorni prima di Natale – scrive sul suo profilo Facebook -. Quel cartello disciplinare rappresenta un argine innalzato per limitare atteggiamenti scorretti e spingere le persone che li adottano a interrogarsi. Ho di fatto chiesto loro se preferissero continuare a far parte della comunità dimostrandosi disposti a migliorare oppure rimanere fedeli ai loro comportamenti disordinati e rimanere fuori».

“Non c’è più spazio per la tolleranza” 

Chiudere il cancello di un oratorio – come già aveva fatto qualche anno fa per lo stesso motivo un altro parroco a Linarolo (nel Pavese) – è il segnale che «la situazione è degenerata e non c’è più spazio per la tolleranza, che quando è esagerata diventa il veleno dell’educazione. Non si può semplicemente dire sì a tutto, bisogna mettere dei paletti – continua don Spreafico – Le famiglie di Cicognara l’hanno capito e infatti ho ricevuto molte dimostrazioni di sostegno» (La Repubblica Milano, 19 giugno).

Parroco contestato 

C’è stato però anche chi ha contestato la decisione del parroco: «Ho letto commenti in cui venivo definito ‘un prete arrabbiato che ha voluto punire i giovani’ – prosegue Don Andrea Spreafico -. Non è così, non ho esposto quel cartello per guarire una ferita al mio orgoglio, ma per indurre una riflessione nei ragazzi e nei loro genitori: sono disposto a cambiare per uscire dal mio spazio ed entrare in quello di un’altra persona o di una comunità? Solo facendosi queste domande, che possono sembrare scomode e fastidiose, si cresce».

Un nuovo avviso

Ora il messaggio relativo alla chiusura provvisoria è sparito. Ma nei prossimi giorni verranno affissi altri cartelli per ricordare a tutti le regole dell’oratorio, a cominciare da quella del necessario rispetto per persone e ambienti. E non mancherà un avviso per le famiglie, che don Andrea Spreafico ha già anticipato sui social: «Cari genitori e nonni che avete applaudito alla chiusura per un giorno del nostro cancellino, spero tanto che vi domandiate se dietro a quel cancellino ci siete anche voi, nel vostro oratorio, a dare una mano», ha scritto su Facebook.

Cartellino “giallo” e “rosso”

E, sempre sul suo profilo, ha ricordato – usando una metafora calcistica – i tre gradi che governano la disciplina all’interno dell’oratorio. «Quando l’atto maleducato/violento è pubblico, avvenuto in cortile e davanti a tutti, e non c’è quindi il pericolo di ledere la riservatezza, avviene il primo richiamo». 

Se non basta, ecco che viene assegnato un «cartellino giallo: un foglio appeso in bacheca con l’elenco degli ammoniti, il motivo del richiamo…una specie di ultimatum. Rimane appeso per un mese. Vengono avvisati anche i genitori»

E se il fatto si ripete, ecco il cartellino rosso: «l’espulsione dall’oratorio per qualche giorno, settimana, mese, dipende. Per poter essere riammessi occorre comunque un colloquio con i genitori».

Tags:
oratorioparrocoregole
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni