Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 06 Ottobre |
San Bruno
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Camilla Parker-Bowles è cattolica?

CAMILA PARKER

Shutterstock | James Pearce

Adriana Bello - pubblicato il 13/09/22

L'ascesa al trono di Carlo III d'Inghilterra e il suo conseguente ruolo come guida della Chiesa anglicana hanno fatto chiedere a molti che religioni professi l'ormai regina consorte Camilla

Dopo l’approvazione di una nuova legge di successione nel 2013, il futuro re d’Inghilterra, anche se guida della Chiesa anglicana, potrebbe sposare una donna cattolica. Alcuni si chiedono se ci si trovi già in questa situazione.

Con la notizia per cui lo scorso 6 febbraio la regina Elisabetta II aveva espresso il desiderio che Camilla Parker-Bowles fosse riconosciuta come regina consorte il giorno dell’ascesa al trono del principe Carlo, si è cominciato a speculare sulla sua fede.

Camilla è stata battezzata nella chiesa di Firle, nel Sussex, che è anglicana. Il suo primo matrimonio, nel 1973, è stato tuttavia con Henry Parker Bowles, un uomo profondamente cattolico (con il quale la principessa Anna, unica figlia della regina Elisabetta II, ha avuto in precedenza una breve relazione, a cui è stata costretta a porre fine proprio per la sua religione).

Il matrimonio del signor Parker-Bowles e Camilla è stato celebrato con rito cattolico in quella che allora era chiamata Cappella Militare Reale (ora nota come Cappella della Guardia), ma non ci sono tracce del fatto che Camilla si sia mai convertita al cattolicesimo.

Da quel matrimonio, sciolto nel 1994, sono nati Tom e Laura Parker-Bowles, entrambi allevati nel cattolicesimo, soprattutto per l’influenza della nonna paterna, Ann Parker-Bowles.

Rispetto per il Papa

Un dato curioso è il fatto che le nozze del principe Carlos e di Camilla Parker avrebbero dovuto essere celebrate l’8 aprile 2005, ma sono state rimandate di un giorno visto che quello scelto coincideva con il funerale di San Giovanni Paolo II, a cui il principe Carlo ha assistito in rappresentanza della Corona britannica.

Vestita di bianco

Camilla ha indossato abiti chiari quando lei e il principe Carlo (oggi Carlo III) hanno incontrato per la prima volta Papa Francesco. Secondo e norme tradizionali, solo le regine cattoliche possono vestire di bianco davanti al Sommo Pontefice. In caso contrario, devono indossare abiti neri.

La decisione di Camilla, ad ogni modo, ha avuto più che altro a che fare con la posizione del Papa di non essere troppo severi relativamente ai codici di abbigliamento. Non era poi un bianco totale, e Carlo all’epoca non era ancora re.

In precedenza, quando avevano incontrato Papa Benedetto XVI, Camilla vestiva di nero e indossava il velo.

Regina cattolica in futuro?

Tutto indica quindi che Camilla Parker-Bowles abbia sposato un cattolico ma non si sia mai convertita al cattolicesimo, ma questo non significa che in futuro non ci possa essere una regina consorte (o un principe consorte) cattolica nel Regno Unito.

La legge di successione è cambiata nel 2013 (otto anni dopo le nozze di Carlo e Camilla). Oltre a prevedere che l’erede al trono non sia più il primo figlio maschio del monarca (nel caso della regina Elisabetta II la regola non è stata applicata perché il re Giorgio VI aveva avuto solo figlie femmine) ma semplicemente il primo figlio, maschio o femmina che sia, ora è anche consentito al consorte di essere cattolico o cattolica.

Per ora, invece, il monarca, in quanto guida della Chiesa anglicana, non potrà essere cattolico. Questo si chiarisce soprattutto per la questione dei figli, nel caso in cui ci sia un matrimonio reale con le due religioni. In futuro, quindi, potrebbe esserci una regina consorte cattolica o un principe consorte cattolico in Inghilterra. Forse non sarà Camilla o Kate Middleton, ma il principe George (figlio maggiore del principe William e terzo nella linea di successione al trono) potrebbe sposare una donna cattolica senza alcun problema.

Tags:
cattolicesimochiesa anglicanagran bretagnamatrimonioregina elisabetta iireligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni