Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 30 Settembre |
San Girolamo
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Un angelo salvò San Francesco Saverio Bianchi dalla fossa

prodigio angelo custode

Public Domain | Via Wikimedia

don Marcello Stanzione - pubblicato il 14/05/22

Il padre barnabita stava tornando a Napoli dal Capitolo generale dei Barnabiti quando ricevette una grazia dall'arcangelo Raffaele

Nel marzo 1779, San Francesco Saverio Bianchi (1743-1815), detto l’Apostolo di Napoli, dovendo partire dalla città partenopea per Milano per partecipare al Capitolo generale dei Barnabiti, si recò nei Quartieri Spagnoli dove viveva suor Maria Francesca delle Cinque Piaghe (1715-1791) per salutarla. 

Santa Maria Francesca Cinque Piaghe
Santa Maria Francesca Cinque Piaghe.

L’incidente

La santa monaca gli assicurò il ricordo nella preghiera per il buon esito del viaggio. Al ritorno dal Nord Italia la carrozza nella quale San Francesco Saverio Bianchi viaggiava con altre persone, fra cui il generale del suo ordine religioso dei Barnabiti, attraversava una strada malandata. L’abilità del conducente non fu sufficiente per evitare che finisse in una fossa profonda ai lati della strada. Nessuno si fece male ma la paura fu grande. 

Il braccio vigoroso

Alla paura seguì lo scoraggiamento perché non era possibile uscire da quella fossa. Ed ecco improvvisamente che essi videro un giovane a cavallo in alto sul ciglio della strada che senza dir nulla, con una fiaccola accesa illuminava il cammino e, sceso lui stesso nella fossa, con braccio vigoroso sosteneva i cavalli che risalirono con la vettura. Poi guidò i viaggiatori fino ad una locanda, infine si allontanò e sparì tra lo stupore di tutti. 

L’incontro con santa Francesca

Giunto a Napoli, padre Bianchi si recò subito da suor Maria Francesca delle Cinque Piaghe per raccontarle del viaggio e dell’episodio accaduto ma questa, senza dargli tempo di parlare gli disse: “So quello che è accaduto. Sto ancora ringraziando san Raffaele che è venuto a tirar fuori te e quelli che viaggiavano con te da quella brutta fossa”. 

Il santo barnabita morì a Napoli il 31 gennaio 1815. Papa Pio XII lo canonizzò il 21 ottobre 1951. Il suo corpo è conservato nella chiesa di Santa Maria di Caravaggio a Napoli.

Tags:
angelo custodemiracolosanta maria francesca delle cinque piaghe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni