Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 06 Ottobre |
San Bruno
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Si ritrovano in mezzo alla guerra, due sorelle separate dalla povertà

ROMANIA-UKRAINE-RUSSIA-CONFLICT-REFUGEES-AFP-000_326H6WB

Photo by Armend NIMANI / AFP

Annalisa Teggi - pubblicato il 12/05/22

Ucraina: sono state separate per 20 anni, una adottata in Spagna e una rimasta in un orfanotrofio. Paradossalmente, proprio l'irruenza della guerra ha creato l'occasione perché si riabbracciassero.

Il paradosso di una guerra che unisce

Tatyana e Angelika sono due sorelle ucraine che sono state lontane 20 anni l’una dall’altra. Si sono ritrovate da poco, in Spagna, grazie alla guerra in corso. Verrebbe da scrivere così, se non fosse che grazie e guerra non possono coesistere in una medesima frase. Si può allora sciogliere il senso di questa notizia dicendo che la storia umana è una scena eclatante che ci trova testimoni di fatti rispetto a cui è riduttivo cadere nella dicotomia “buoni e cattivi“.

“È stato un momento felice e triste – afferma Angelika Batiai, 24 – Eccomi di fronte a mia sorella dopo 20 anni, però mi lascio alle spalle la mia famiglia e gli amici in un paese in guerra.

da The Guardian

La povertà della loro famiglia d’origine ha separato queste due sorelle quando erano molto piccole, paradossalmente l’irruenza della guerra in corso ha precipitato gli eventi in modo tale da farle ritrovare e riunire.

Separate

La storia di queste due sorelle comincia poco più di vent’anni fa nel villaggio di Nikolaev, Ucraina del Sud. Una famiglia povera e una madre assente. La lama della separazione si pianta come ferita non rimarginabile quando i genitori prendono la decisione di affidare le figlie a due diversi parenti. Non c’erano più i mezzi e le condizioni per mantenerle.

Implorarono di essere tenute insieme, ricorda Tatyana Kluge García, 25. “Ma economicamente era impossibile, la zia che tenne Angelika non aveva le risorse per tenerci entrambe”.

Ibid.
UKRAINE WAR

Tatyana, allora, va a vivere con una nonna, che però non la tiene per molto tempo. Finisce in un orfanotrofio e, fortunatamente, a 8 anni viene adottata da una famiglia spagnola di Girona.

Su cosa si basa la sopravvivenza? Certo, il livello base riguarda i bisogni essenziali. Nel momento più critico della loro storia Tatyana e Angelika avevano bisogno di un tetto sulla testa e qualcuno che si curasse di loro. E questo è andato a scapito della loro unione. Lo si comprende , ma si capisce altrettanto bene quel loro implorare di stare unite. Perché il legame non è una questione solo sentimentale. Penso a tanti gemelli nati prematuri che stando abbracciati superano le criticità di una nascita in salita.

E infatti quel bisogno di stare insieme è rimasto come esigenza di queste due ragazze che, intanto, hanno vissuto vite separate e molto lontane. Sono cresciute in paesi diversi, la Spagna e l’Ucraina. Da una domesticità condivisa quotidianamente sono arrivate a parlare lingue diverse, un ostacolo quasi insormontabile all’incontro. Quasi.

Ritrovate su Facebook

 “Dicevo sempre che sarei andata in Ucraina per trovarla”, diceva Tatyana. Da brava adolescente ha cercato qualsiasi traccia della sorella sui social media, anche usando il social russoVK.

A 2 mila chilometri di distanza, in Ucraina, Angelika stava facendo lo stesso. Finché nel 2019 si è imbattuta in un profilo Facebook che mostrava una ragazza in Spagna e da subito è stata certa di aver trovato Tatyana. “Sapevo che era mia sorella”.

Ibid.

Questo è l’esatto opposto, virtuoso, del Metaverso. Il social diventa occasione di un grande passo per l’umanità nella realtà. Non abbiamo bisogno di perderci dentro occasioni moltiplicate di virtuale, ma ben venga quando la grande potenzialità di uno strumento virtuale diventa trampolino, occasione, innesco di un’esperienza aumentata di realtà.

Nel vivo del mondo, dove i legami sono costantemente messi alla prova, abbiamo bisogno di incontrarci di più, di disinnescare la tentazione dell’isolamento. Il caso di Angelika e Tatyana è clamoroso, ma attendibile. I social network possono essere strumento non autoreferenziale – che aumenta occasioni di sconnessione dalla realtà – ma di rilancio nella vita vera. La differenza la fa chi usa lo strumento.

E quando è scoppiata la guerra, la tecnologia è stata di nuovo l’elemento chiave per aiutare Angelika a scappare dall’Ucraina e trovare ospitalità in Spagna da Tatyana.

RAGAZZA, UCRAINA, PROFUGA

Distanze da percorrere

Le due sorelle avevano cominciato a conoscersi virtualmente, ma quando l’Ucraina è stata invasa e la guerra si è tradotta in bombardamenti a tappeto, l’ipotesi di far fuggire in Spagna Angelika si è concretizzata. L’incontro reale è stato come un parto precipitoso indotto dal un conflitto tremendo.

Da casa sua a Girona, Tatyana ha seguito ogni passo della fuga di Angelika. Le ha comprato un biglietto aereo da Varsavia, barcamenandosi con la copertura telefonica intermettente e le barriere linguistiche, per essere sicura che sua sorella salisse sul volo. “Stavo impazzendo” ricorda Tatyana “Non aveva mai preso un volo, non sapeva dove lasciare i bagagli o come fare il check-in.”

Ibid.

Da un mese le due sorelle vivono insieme a Girona, la distanza fisica si è annullata. Ci sono 20 anni di lontanza da ricostruire che si traducono anche in una grande distanza ancora presente, la lingua.

Da quando Angelika è arrivata in Spagna, un mese fa, le due sorelle vivono assieme nell’appartamento di Tatyana, usando i gesti, una manciata di parole imparate nelel rispettive lingue e tanto Google Translator per riuscire a comunicare.

Ibid.

Ora sono vicine, a sudarsi la riconquista di quel territorio strano che è una frontiera esistente pur avendo lo stesso sangue. No, non si può certo dire grazie alla guerra. Ma si può ribadire che proprio quando tutto precipita nella vertiginosa paura di perdere e di morire, allora la vista si fa più tersa e la coscienza più chiara riguardo a ciò che c’è da salvare, o cercare di custodire.

Tags:
cronacafamigliaguerraucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni