Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 30 Settembre |
San Girolamo
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Allo studio un viaggio di papa Francesco a Kiev

Pope Francis

praszkiewicz | Shutterstock

i.Media per Aleteia - pubblicato il 03/04/22

Sarebbe “sul tavolo” il tema del viaggio papale nella capitale ucraina, malgrado il Nunzio, mons. Kulbokas, tenda a escluderlo per il momento.

Durante il volo che lo portava da Roma a Malta, il 2 aprile 2022, il Papa ha evocato davanti ai giornalisti la possibilità di recarsi a Kiev, capitale dell’Ucraina. Rispondendo alla domanda se pensasse di accogliere l’invito a recarvisi, l’85enne pontefice ha risposto: «Sì, è sul tavolo».

Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha ufficialmente invitato papa Francesco ha recarsi nella città assediata, lo scorso 8 marzo. L’invito è stato trasmesso alla Segreteria di Stato della Santa Sede dal Nunzio Apostolico in Ucraina, mons. Visvaldas Kulbokas. In una recente intervista accordata al settimanale Famiglia Cristiana, il diplomatico aveva spiegato perché un simile viaggio gli sembrava attualmente impossibile.

Sarebbe bellissimo e di grande significato avere il Pontefice in mezzo a noi ma ho riflettuto a lungo con i vescovi e, purtroppo, non è affatto facile organizzare una visita in questa situazione. Un conto è arrivare a Kiev con delle precauzioni e mezzi sicuri come hanno fatto alcuni leader europei per avere incontri riservati e cercare di far andare avanti i negoziati. Un altro è immaginare una visita del Papa quasi segreta, clandestina. Non è possibile. Sarebbe indispensabile un minimo di tregua sia per il Papa che per le persone che dovrebbero partecipare alla preghiera con lui. Senza queste minime condizioni, difficili attualmente da raggiungere, si metterebbe a rischio l’incolumità di tutti.

La probabilità di un viaggio a Kiev nelle attuali condizioni è dunque assai flebile. Lungo il volo che lo conduceva a Malta, papa Francesco ha ricordato che due cardinali della Curia si sono recati in Ucraina per manifestare il suo consenso – il cardinale Krajewski, elemosiniere pontificio, e il cardinale Czerny, prefetto ad interim del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale.

Un viaggio in Polonia al capezzale dei rifugiati?

Si deve osservare che, alla vigilia della partenza del Papa per Malta, il Pontefice ha ricevuto la visita del Presidente della Repubblica polacca, che lo ha invitato nel suo Paese. Per il Papa sarebbe una maniera – ha detto Andrzej Duda – di incontrare le centinaia di migliaia di rifugiati ucraini accolti in Polonia.

Questo viaggio «sarebbe l’occasione per incontrare due nazioni, poiché quasi due milioni di cittadini ucraini sono attualmente in Polonia e vivono con noi», ha dichiarato il presidente Duda alla stampa alla fine del colloquio col capo visibile della Chiesa cattolica, durato 35 minuti. 

Una fonte diplomatica contattata da i.Media ritiene tuttavia che un siffatto viaggio potrebbe essere mal percepita dai poteri civili e religiosi russi. La Santa Sede romperebbe con la propria attitudine che consiste nel restare un mediatore possibile tra le due parti, sia ucraina sia russa. 

«Il Papa non può andare a visitare una parte in causa nel conflitto senza andare a visitare anche l’altra», osserva ancora questa fonte. La diplomazia vaticana cerca sempre di rispettare questo equilibrio. Così durante la crisi delle Falkland, nel 1982, Giovanni Paolo II si era recato sia nel Regno Unito (28 maggio-2 giugno) sia in Argentina (11-12 giugno). 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
diplomazia pontificiapapa francescopoloniarussiaucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni