Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 24 Febbraio |
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Prime immagini di «Padre Stu», di Mark Wahlberg e Mel Gibson

Padre Stu

Sony Pictures - Fair Use

José Ángel Barrueco - pubblicato il 15/02/22

La vita emozionante del sacerdote Stuart Long arriverà sugli schermi statunitensi ad aprile

Si possono già vedere le prime immagini di quello che sembra destinato ad essere uno dei film dell’anno, Padre Stu (Father Stu).

Lo dirige Rosalind Ross, cineasta e attrice e attuale partner di Mel Gibson, che nella pellicola interpreta un ruolo secondario, mentre Mark Wahlberg dà vita al protagonista, padre Stuart Long.

È la storia vera di un uomo il cui cammino ha delineato un arco che va dall’autodistruzione alla redenzione e al calvario della malattia. Negli Stati Uniti il film uscirà ad aprile.

Chi era padre Stuart?

Padre Stuart era nato nel 1963 ed è morto nel 2014 a 50 anni. La sua storia è adattissima al cinema per tutto il suo carico di dolore, superamento e ricerca del senso della propria vita.

Originario di Seattle, era cresciuto a Helena, la città dei suoi genitori, e si era laureato in Letteratura Inglese. Nello contempo aveva anche fatto una certa carriera nella box, fino a quando un intervento per ricostruire la mandibola lo ha costretto a mettere da parte i guantoni e a optare per la recitazione.

A Hollywood non ha tuttavia raggiunto gli obiettivi che si era prefissato, ed è quindi passato da un impiego all’altro fino a diventare gestore di un museo a Pasadena. 

Una sera ha avuto un incidente automobilistico, e mentre si trovava in ospedale ha iniziato a interrogarsi sulla propria vita e ha deciso di riprogettare il suo percorso. Prima si è battezzato per poter sposare in chiesa la fidanzata cattolica, poi si è volto al sacerdozio, il cammino in cui iniziava a trovare le risposte che cercava.

Padre Stu

Quando aveva ormai trovato luce, stabilità e un compito a cui dedicarsi, gli è stato diagnosticato un disturbo progressivo che gli avrebbe debilitato i muscoli. Non c’era cura, e ha dovuto iniziare a muoversi con le stampelle e imparare a convivere con questo problema degenerativo. 

Sembra che la sua storia, la sua fede e la sua ostinazione nella lotta abbiano aiutato altre persone. Nel trailer si vede un momento in cui si reca in un carcere per incoraggiare i detenuti, e si intuisce anche un incontro con i suoi genitori, interpretati da Mel Gibson e Jacki Weaver. 

Mel Gibson e Rosalind Ross: davanti e dietro le telecamere

Il film, prodotto da Wahlberg, che ha una salda amicizia con Gibson, rappresenta l’opportunità per la partner attuale di quest’ultimo, Rosalind Ross, di dirigere il suo primo lungometraggio. La Ross è anche l’autrice della sceneggiatura.

A quanto pare, Wahlberg mostra due condizioni fisiche molto diverse per interpretare il sacerdote: prima muscoloso e magro per dare credibilità allo status di pugile, poi più robusto per le scene in cui i muscoli vengono meno e la sua attività fisica inizia ad essere nulla. Un prima e un dopo simile a quello vissuto già da altri attori – pensiamo a Robert De Niro in Toro scatenato e a Tom Hanks in Castaway.

Padre Stu

Questo progetto gli è servito a offrire una dimostrazione della sua fede cattolica, e l’attore ha commentato in un’intervista a The Christian Post che ama iniziare e terminare la giornata riflettendo sulla sua fede.

Quando a Mel Gibson, la sua partecipazione come attore secondario apporta consistenza al film. È anche un’opportunità per far sì che un film a cui partecipa esca nelle sale cinematografiche, cosa che non accade dal 2017 con la commedia Due padri di troppo, in cui ha lavorato con Mark Wahlberg.

In molti Paesi, i nuovi film di Gibson escono direttamente in DVD o in piattaforme di streaming, ma chi scrive – e non se ne è perso nessuno – assicura che in questi anni ha girato di tutto, sia da protagonista che in ruoli secondari come cameo.

Tags:
filmmark wahlbergmel gibson
Top 10
See More