Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Scopre un tumore al seno in gravidanza, si cura e fa nascere il suo bimbo

NEONATO

Di Sopotnicki|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 02/12/21

Una storia di lotta per la vita dove tutti combattono dalla stessa parte: mamma, papà e medici. Alexander è nato e la mamma ora potrà affrontare le ultime cure per il tumore al seno scoperto in gravidanza.

Una famiglia felice

Jessica Poncia era già mamma di un altro bambino, Ryan. Una faccetta piena e simpatica campeggia insieme a quella di mamma e papà nelle foto su Facebook della giovane.

Fino a pochi mesi fa erano semplicemente una bella famiglia normale in provincia di Como che si stava preparando ad accogliere il secondo figlio.

L’arrivo della prova

Ma come purtroppo è capitato a molte altre donne proprio in piena gravidanza Jessica è stata raggiunta da una diagnosi di tumore al seno. Era al quarto mese, quasi a metà del cammino di una vita in formazione.

Chi non si sentirebbe sopraffatto a questa notizia? E quanto è più difficile farvi fronte quando si è già impegnati a far crescere in noi una nuova vita?

Curare e custodire

Invece proprio quella, la vita del bimbo, è stata parte attiva e decisiva nella prova della malattia.

Jessica non ha voluto scegliere tra due vite ma, con il sostegno del marito e dei medici, ha fatto di tutto per custodirle entrambe.

E’ anche il motto migliore per un movimento pro life degno di questo nome: le vite da custodire, in una gravidanza, sono sempre due. Dovremmo ricordarcelo anche quando facciamo campagna contro l’orrore dell’aborto che pone fine alla più fragile e indifesa delle due.

Alexander, nomen omen

Il 25 novembre all’ospedale di Gravedona è nato dunque il piccolo Alexander; un ragguardevole peso di 3,200 chili e sta bene. Alessandro è colui che proteggi altri uomini. Pare averlo già fatto prima ancora di nascere: ha reclamato e ottenuto l’amore protettivo della mamma e del papà, ha ottenuto per la mamma le cure migliori che non compromettessero la sua nascita; ha protetto la sua famiglia. Quanto è vero che si inizia a incidere sulla storia prima ancora di venire alla luce (il tempo dell’Avvento ce lo insegna).

Come sempre accade alla nascita di un bimbo l’attenzione viene dirottata quasi tutta su quella piccola vita. Ma in questo caso, leggiamo su La provincia, a preoccupare erano soprattutto le condizioni della mamma.

Jessica ha solo 28 anni e sta lottando con coraggio e lucidità per guarire. Lo ha fatto già durante la gestazione, valutando con i medici che i trattamenti necessari a contrastare il progresso della malattia fossero anche tollerati dal piccolo che le cresceva dentro.

Non è vero che solo le storie molto drammatiche o peggio ancora con finali tragici attirano l’attenzione: anche il bene offre delle eccellenti trame. Jessica ora sta sufficientemente bene e prosegue nelle cure oncologiche.

Il parto e la metà del guado

Il cesareo, dopo le estenuanti cure per la malattia, ha messo comunque a dura prova la mamma, che ora ha però ritrovato il sorriso: «Per un paio di giorni mi sono sentita spossata e non riuscivo a reggermi in piedi – racconta Jessica, ancora provata – ma adesso stringo a me il mio bimbo e sto bene. Stando a quanto dicono i medici siamo a metà dell’opera e la malattia verrà sicuramente sconfitta».

Due figli piccoli, una bella famiglia e tanta voglia, insomma, di guardare a futuro con serenità assieme al marito, David Bordessa, che le è sempre stato vicino: «Comincio a fare di nuovo programmi – dice ancora la giovane mamma di Stazzona – Per me e la mia famiglia. E poter guardare al futuro con rinnovata di fiducia è come rinascere».

La Provincia di Como

Un caso di buonissima sanità

Ora Jessica concluderà la chemioterapia e poi il tumore, notevolmente rimpicciolito, verrà asportato.

E questa prova è stata affrontata ora, in tempo di Covid. Se già è difficile in contesti normali immaginiamoci ora.

Questa come altre storie, ce ne saranno a migliaia, ci dice semplicemente che la vita prosegue con tutte le sue più classiche complicazioni e inciampi e con le sue solite inesauribili sorprese, come solo un figlio può essere. Ecco come commenta il chirurgo senologo Giorgio Baratelli che ha in cura Jessica.

«Tutto questo è successo all’ospedale di Gravedona, mentre la gente era presa nelle discussioni su Covid, vaccini e green pass.

Mi sia permesso di sottolineare, con orgoglio, che si tratta di un caso di “buona sanità” in un momento davvero difficile».

Fare squadra per la vita e ripagare in gratitudine

Jessica e il marito David sono soprattutto felici e riconoscenti. Il marito racconta di avere ricominciato a fare progetti, a pensare a un futuro possibile insieme a tutte le persone che ama.

«Sono tanto riconoscente ai medici e al personale dell’ospedale di Gravedona e alla Lega tumori, una gran bella realtà del territorio – conclude la mamma di Stazzona – . Si sono presi tutti cura di me con grande competenza e umanità e mi stanno guarendo del tutto. Anche nel reparto di maternità ho trovato grande attenzione e amore».

Ibidem
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni