Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Il record di Papa Francesco: 78 telefonate alla famiglia di Andrea Ferri

Photo by Andreas SOLARO / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/09/21

Andrea gestiva una pompa di benzina ed è stato ucciso durante una rapina il 4 giugno 2013. Da otto anni, per 78 volte, la voce del pontefice ha donato un sorriso ad una famiglia travolta dal dolore

Settantotto telefonate. Le ha fatte Papa Francesco dal 2013 ad oggi, alla famiglia di Andrea Ferri a Pesaro. 

Andrea gestiva una pompa di benzina ed è stato ucciso durante una rapina il 4 giugno 2013. Mamma Rosalba, morta nei giorni scorsi non si dava pace, travolta da un dolore immenso per la perdita del figlio. Allora, l’altro fratello di Andrea, Michele Ferri – peraltro condannato alla sedia a rotelle a causa di un incidente – ha scritto a Papa Francesco e il Santo Padre ha risposto. E la telefonata, anzi, è diventata un appuntamento costante. ”Pronto, casa Ferri? Sono il Papa. Come va?”. Da otto anni, per 78 volte, la voce del pontefice ha donato un sorriso ad una famiglia che non è riuscita ancora a superare la morte di Andrea.  

“Il Papa aspettava”

Il Papa ha parlato con tutti, anche con la domestica peruviana. E ha degli appuntamenti fissi, come la chiamata del 4 giugno. Parla come uno di famiglia. 

Dice Michele a Il Resto del Carlino (19 settembre): «È vero, siamo quasi diventati amici, a volte ci scappa del tu. Ci consola». E poi: «A volte mia mamma  lo faceva aspettare. E diceva “le passo Michele“ ma io stavo di sopra, lontano dalla cornetta.  C’era da aspettare. E il Papà aspettava. Poco, ma aspettava. Un anno siamo andati a trovarlo a Santa Marta, dove abita. Che accoglienza! Mi ha anche regalato un modellino della Papa mobile in ceramica. Pensi un po’. Un giorno mia moglie ed io eravamo ad un battesimo. Squilla il telefono e risponde Vanessa la domestica che subito gli ricorda di essere peruviana. E il Papa con prontezza le dice: ”Bene così possiamo parlare in spagnolo“».

“Buongiorno Rosalba, come sta?”

In uno degli ultimi post su Facebook di Michele, in cui il 16 settembre annunciava la morte della madre Rosalba, ha ricordato anche questo simpatico aneddoto sulle telefonate di Papa Francesco. 

“Sei volata in cielo anche tu, mia cara mamma…..la tua vita è sempre stata piena di dolore e lacrime, da quando hai perso tuo figlio Gianluca a soli 10 giorni dalla sua nascita, da quando da giovane hai dovuto lottare contro quel maledetto tumore che fortunatamente avevi sconfitto ma che ti aveva lasciato un segno indelebile, da tutte le sofferenze passate con il mio incidente e i mesi negli ospedali sempre vicino a me, dalla morte dolorosa di tuo marito e delle tue 2 sorelle, per finire con la morte assurda di tuo figlio Andrea e l’enorme sofferenza passata con il tumore che ti ha portato via il tuo amato Paolino che per te era come un bimbo.

Papa Francesco ti è sempre stato accanto con le sue 78 telefonate iniziate ad agosto 2013, ogni mese e a volte anche più spesso ti chiamava con quel “Buongiorno Rosalba, come sta?” e si prendeva carico anche lui di tutto quel dolore che ti portavi addosso, quelle lacrime che non smettevano mai di scendere….quel dolore che ti ha consumato lentamente fino a questa mattina quando sei salita in cielo per ritrovare tutti i tuoi cari….non a caso oggi si celebra la Beata Vergine Maria addolorata…. ciao mamma ti voglio bene” (Vivere Pesaro, 17 settembre) .

Tags:
papa francescotelefonata
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni