Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
home iconFor Her
line break icon

Muore a 27 anni Martina Luoni, portavoce dei disagi dei malati di cancro durante la pandemia

Shutterstock|Di Dmitry Molchanov

Giovanna Binci - pubblicato il 15/09/21

Una ragazza che amava l'Oceano spagnolo, i suoi cani, la vita. Non voleva essere chiamata leonessa e non si sentiva un'eroina nonostante, coi suoi video social, fosse diventata testimone della lotta al cancro col sorriso e avesse denunciato i gravi disagi e ritardi nelle cure dei pazienti oncologici durante la pandemia.

Lo chiamava il suo “calendario d’Avvento”, in uno degli ultimi post su Instagram. Niente cioccolatino, ma una foto di rito il giorno della chemio che apriva, anzi, meglio dire chiudeva, un’altra casellina della lotta contro il cancro al colon. Una storia che Martina Luoni ha sempre sperato di chiudere definitivamente. Dopo tante finestrelle, dopo giorni interminabili passati in ospedale con mascherina e flebo. Il lieto fine non è arrivato nonostante la forza e la determinazione che questa ragazza ha messo nel cercare di vincere la malattia che non le dava tregua da quattro anni.

Ciao, leonessa

“Oggi la leonessa ha perso la sua battaglia”

è l’annuncio dei familiari sotto una foto sul suo profilo, 

“ora la sua bussola la porterà a caccia di nuovi tramonti, quelli che ha sempre sognato, sempre con il sorriso sulle labbra che nessuno potrà mai spegnere. Da oggi chiunque guarderà un tramonto si ricorderà della leonessa Martina”.

View this post on Instagram

A post shared by Martina Luoni (@marty_luoni)

Era diventata testimonial contro il Coronavirus, partecipando anche a una campagna per la regione Lombardia, leggo su dire.it. Il suo video denuncia del novembre 2020 in cui parlava delle difficoltà e dei ritardi nelle cure per i pazienti oncologici era diventato virale e aveva dato voce al disagio di molti malati come lei.

L’appello da tre milioni di visualizzazioni

“Io come tante altre persone malate oncologiche stiamo vivendo un periodo molto difficoltoso, come se non bastasse la nostra patologia ora dobbiamo anche combattere contro una pandemia globale che fa chiudere ambulatori e saltare visite. Ecco, con questo video vorrei riuscire a dare voce a chi come me si trova ogni giorno a combattere per la propria vita e non si può permettere di essere rimandato perché il sistema sanitario è al collasso e le attività chirurgiche non possono essere sospese!”.

Sorrisi e stanchezza

Eppure, nonostante la forza, i sorrisi incoraggianti sui social, la vita assolutamente normale di una ragazza di ventisette anni che vuole vedere il mondo e pensare al futuro, Martina era “stanca di essere chiamata leonessa”, stanca di vestire i panni di quella Wonder Woman in cui “proprio non mi ci sento”. “Semplicemente stanca”, scriveva il 19 luglio. La speranza a cui era aggrappata era un percorso di cure sperimentali. Ancora una volta nessuna certezza, dieci chili di meno e ancora una volta occhi fissi lontano, a un nuovo orizzonte di speranza. Perché come si fa a non sperare davanti a un tramonto, magari uno di quelli picco sul mare di Fuerteventura dove era andata questa estate per “ricaricare le batterie”? Come si fa a smettere di lottare quando la vita continua a regalarti quella bellezza anche se sembra solo random? Non è una casualità. È lì per noi, a ricordarci che anche nella sofferenza continuiamo a fare parte del capolavoro.

Una parte essenziale. Essenziale almeno quanto i messaggi di coraggio e fiducia di cui Martina inondava i social e i cuori di chi la seguiva. 

Verso il sole

Un amore per i tramonti, uno per i viaggi in van e l’oceano spagnolo. Uno per i nipoti, per i suoi cani, per quella famiglia che “merita un po’ di serenità”. Amore per la vita che nemmeno una malattia è riuscito a scalfire nonostante, spesso, i testi sotto le foto fossero amari e non nascondessero la stanchezza, lo sconforto per quella parola “fine” mai arrivata.

Chissà quante volte le sarà sembrata lontana come l’orizzonte quando guardi il sole tuffarsi dietro la linea nitida. Eppure, proprio il tramonto con la sua meraviglia da togliere il fiato è la certezza che anche nella parola fine ci sono molto più che malinconia e tristezza. 

Tags:
cancro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni