Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconFor Her
line break icon

Una piccola Raffaella vince il cancro…e balla, ovviamente! (VIDEO)

Fondazione Santobono Pausillipon

Giovanna Binci - pubblicato il 13/07/21

Le "Raffaella" il ritmo ce lo hanno nel sangue! Il video di questa piccola guerriera uscita dall'ospedale di Napoli dopo l'ultimo giorno di chemio è diventato virale. I passi sono quelli della challenge della hit "Jerusalema", ma la sfida più importante, oggi l'ha vinta lei.

Forse, il ritmo, le “Raffaella” ce l’hanno proprio nel sangue. Mi viene da pensare alla Carrà e al suo amore per i bambini, a quanto sarebbe stata felice di vedere questa piccola “mini me” sua omonima, uscire dall’ospedale Santobono Pausillipon di Napoli sulle note di Jerusalema, tenendo il ritmo con i piedi e scendendo la rampa con la sicurezza di una showgirl.

La challenge più difficile da vincere

La hanno ballata in molti la hit della scorsa estate ed è diventata una vera challengecimentarsi su questi passi, ma qui, la vera sfida è stata proprio Raffaella a vincerla: ha finalmente concluso il ciclo di terapie oncologiche e ha tolto il PICC, il catetere utilizzato per le chemioterapie di lungo periodo che segna la fine del percorso di cura. Poi l’uscita dall’ospedale filmata dai parenti che la stavano aspettando fuori insieme al personale sanitario che ha seguito con amore la battaglia di questa bambina, sempre col sorriso sul volto.

“In questo lungo percorso di cura abbiamo imparato a conoscere e ad amare la sua incredibile allegria e la sua travolgente vitalità, e nonostante la giovanissima età ci ha insegnato che si può superare anche l’ostacolo più difficile e doloroso e che lo si può fare con il sorriso sulle labbra. Sei una forza della natura, Raffaella e ti auguriamo di restare esattamente la persona speciale e meravigliosa che sei. Ti vogliamo bene”,

si legge sulla pagina della Fondazione Santobono Pausilipondove è stato pubblicato il video diventato virale.

Per fortuna, non sono solo le malattie ad essere contagiose, anche la gioia è ad alto tasso di trasmissibilità. Così alto che nemmeno le mascherine bastano. Così alto che ti viene voglia anche da uno schermo del pc o del cellulare di prendere parte alla festa di questa famiglia, dopo aver visto Raffaella che scompare in una nuvola di palloncini rosa.

E allora, anche se dentro a quell’ospedale c’è ancora chi sta soffrendo e combatte, va bene che per una volta l’atrio del Pausilipon diventi il palco da cui cantare e ballare la gioia della speranza, che arrivi anche dove ancora c’è silenzio.

E quando si spegne la musica?

I segni della battaglia si leggono ancora sul piccolo corpo di Raffaella e di certo, qualcosa resterà anche nel cuore, ma “show must go on” e quello di questa piccola guerriera è solo l’inizio di una nuova avventura di cui Jerusalema è una perfetta sigla iniziale!

A volte, nella vita, si spegne la musica, come alle feste, magari proprio sul più bello. Resta il silenzio intorno a noi e “quando si soffre non si parla: si piange e si prega in silenzio”, ha ricordato anche papa Francesco parlando nel 2016 della sofferenza di quei bambini che se potesse “guarirei tutti”.

Alla presenza di Qualcuno

Ma i bambini, a differenza di noi adulti, non solo “ballano come se nessuno li guardasse”, ma direi che ballano anche quando la musica non c’è. Canticchiano da soli, girano per la stanza, fanno passi strani visti da non si sa chi, non si sa di preciso dove (di certo non da te che stai alla danza come un pachiderma alla grazia) e non importa se ci sia il silenzio più totale intorno o se non ci sia nessun in grado di apprezzare lo show (che questi grandi non capiscono mai niente).

Ecco, quando si spegne la musica, la gioia, anche nella nostra vita, quando arriva il silenzio, la sofferenza, dovremmo imparare da loro come si continua a danzare nonostante tutto. Che tornerà il giorno in cui, come per la piccola Raffaella, qualcuno sistemerà il cavo dell’amplificazione e la sentiremo di nuovo, quella musica, ma nel frattempo, non avremo dimenticato com’è che si fa, a ballare.

Tags:
bambinimalattia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni