Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconSpiritualità
line break icon

“Hai mai visto il diavolo?”. Così Gesù “invia” Satana a Maria Bolognesi

MARIA BOLOGNESI

Beata Maria Bolognesi via Facebook | Fair Use

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/08/21

La storia della mistica di Rovigo, vissuta nel secolo scorso, è diversa da tutte le altre. Perchè subisce una presenza “passiva” del demonio che la tormenta ben 8 volte

Ci sono mistici dei nostri giorni, o quasi, che hanno avuto incontri ravvicinati con il diavolo, riportati anche nei loro processi canonici. Basti pensare a Natuzza Evolo o Padre Pio. E’ meno nota Maria Bolognesi, grande mistica del ventesimo secolo. 

Nel suo caso sarebbe stato Gesù a “concederle” la tentazione, a “stimolare” l’ingresso temporaneo nel diavolo della sua vita. Ne parla Don Marcello Stanzione nel libro L’universo demoniaco (Sguardo edizioni), in uscita nei prossimi giorni, di cui diamo una anticipazione.

Il “fidanzamento spirituale”

Maria Bolognesi nacque a Bosaro, in provincia di Rovigo, il 21 ottobre 1924 e morì a Rovigo il 30 gennaio 1980. È stata beatificata il 7 settembre 2013. Soffrì molto a causa di varie malattie e la morte all’età di cinquantasei anni non le consentì di portare a termine il suo progetto di assistenza ai bisognosi. Fu un esempio di preghiera, umiltà e apostolato.

Nel periodo del fidanzamento spirituale (aprile 1942-aprile 1955) Gesù mette infatti alla prova Maria, assoggettandola alla tentazione demoniaca. Certamente la possessione diabolica (1940- 1942) aveva precedentemente approfondito la già acquisita convinzione di Maria di nulla poter compiere senza l’aiuto divino.

DEVIL

“Vedi il diavolo?”

Il 24 luglio 1943 a Maria, che asseriva «vorrei soffrire da sola per il bene di tutti» (alludendo ai patimenti collegati con il secondo conflitto mondiale), Gesù stranamente controbatte: «Maria, hai mai visto il diavolo?» e a lei, che risponde negativamente, soggiunge: «Maria, non temere: vedi il diavolo?». «Mio Dio, quanto brutto il diavolo, se non fossi con te, Gesù, quanto spavento avrei preso».

La prima apparizione del diavolo

Da questa data a quella della prima apparizione diabolica trascorrono quasi sei mesi. Nel frattempo, e precisamente il 2 gennaio 1944, il Signore le concede di sperimentare i suoi dolori tramite la prima sudorazione sanguigna. Il 7 gennaio, ossia cinque giorni dopo questa sperimentazione dolorosa della Passione del Signore, Gesù parla ancora di Satana: «Stavo pregando, sono le ore 21 e 5 minuti. Una grande luce illumina tutta la stanza. Gesù mi dice: “Maria, sta’ attenta, non temere”».

Il diavolo tra Maria e il diavolo

Gesù scompare e a lei che stava recitando il rosario un signore vestito «da gran re» si rivolge con le seguenti parole:

«Signorina, come mai perde il tempo così inutilmente sgranando quello che tiene in mano? Come siete bella! Come siete cara! Se voi mi amate, diventerete la più ricca del mondo! Io sono ricco, voi siete povera, vorrei darvi tanta felicità nella vita come nessuno mai ha potuto darvi. Avrete finito di soffrire, vi sposerei in breve tempo». 

«Io sono sposata da molto tempo». 

«Non siete sposata, è un’idea che avete». 

«Questo è il Crocifisso, è il mio dolce Sposo Gesù. Io lo amerò finché riposerò per sempre con lui in paradiso». 

«Sono tutte parole dette, se mettete giù quello che avete in mano, vi darò una ricchezza che sarà la più grande del mondo». 

«Tu sei il diavolo, vattene, io credo in un solo Dio Padre Onnipotente, Creatore del cielo e della terra». 

«Signorina, mettete giù quei grani». 

«Nel nome di Dio, lungi da me, Satana, nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo vattene, da Gesù non mi allontano».

“Che paura”

E il racconto di questa prima tentazione demoniaca si conclude così: «Misericordia, che orribile fiamma nella mia finestra. Che paura!». La narrazione del primo incontro con Satana contiene sostanzialmente tutti i risvolti delle successive tentazioni demoniache.

Fu il primo di una serie di “incontri”, otto per la precisione, che sconvolsero la mistica: fu attraverso questa via di sofferenza che raggiunse l’incontro con il Signore. 

Tags:
misticismo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni