Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
San Cleopa
home iconFor Her
line break icon

Due suore e 150 chilometri per chiedere vocazioni

https://youtube.com/shorts/WbADjEd9X4o?feature=share

Giovanna Binci - pubblicato il 11/08/21

Sono partite da Lisbona e in cinque giorni sono arrivate a Fatima a piedi. L'impresa "slow" di due suore portoghesi per chiedere vocazioni in questo mondo che non si ferma più ad ascoltare Dio.

La fede è un cammino e c’è qualcuno che macina tipo trenta chilometri al giorno. Insomma, il mio contapassi fa fatica ad arrivare a quattrocento e se è un risultato penoso dal punto di vista fisico, meglio che non faccio vedere alle suore del Sacro Cuore di Maria il conteggio giornaliero delle preghiere. 

Oggi ha ancora senso andare piano?

Queste due religiose sono partite da Lisbona insieme a un laico il 21 luglio scorso percorrendo i centocinquanta chilometri che le separavano dal santuario della Madonna di Fatima in cinque giorni

Nel 2021 camminare è cool solo se hai il leggings giusto, uno smart watch che misura battiti cardiaci e calorie consumate e la fascia in spugna colorata raccogli sudore. Teresa Nogueira e Conceicao Pereira, bastone in mano e zaino in spalla, hanno un obiettivo molto più “salutista“, non solo per il corpo, ma anche per l’anima.

Ecco perché, oltre alle barrette energetiche e ai Gatorade ricchi di sali minerali, le due suore hanno portato con loro qualcosa di davvero essenziale: un rosario. Il vero immancabile kit di emergenza spirituale (comunque, può aiutare insieme a gelo istantaneo e bende, anche in caso di slogatura della caviglia!). Sul loro account Instagram le si vede camminare e pregare: il bello del rosario è che, anche se si suda poco, si fanno chilometri nella fede (e il contapassi muto)! 

Il vero viaggio

Peregrinare non è solo camminare nel senso di mettere un piede davanti all’altro. È allenare il cuore alla gratitudine per la bellezza che ci circonda, è esercitarsi allo stare nella fatica con lo sguardo sull’arrivo. È donare tempo e sudore per qualcosa non solo per noi stessi e per apparire più fit

Peregrinare non è solo vagare. Se pure la meta geografica può non essere definita o possiamo non raggiungerla, il pellegrino, ciò che cerca, lo ha già nel cuore. 

Peregrinare non è mai solo un viaggio verso qualcuno, ma con qualcuno. Basta riconoscerlo, mentre ci cammina di fianco, come a Emmaus

Ecco perché anche nel nostro velocissimo 2021 ha ancora senso rallentare e partire come i pellegrini medievali. C’è qualcosa che solo il cammino può dare. Ancora oggi.

Dio è nella lentezza

Occorre riprendersi quel tempo lento, in cui è possibile dare attenzione alle piccole cose che non fanno rumore. Come a quel “vento leggero” di cui parla la scrittura, che e la voce di Dio che chiama e dà sollievo all’anima. Proprio come la brezza fresca che si alza e ti sfiora il viso mentre cammini.

Queste due suore non potevano dare spunto più bello se non un pellegrinaggio a tappe, per ricordare ai giovani di andare “slow” e cogliere magari un richiamo che ha il loro nome: la vocazione.

Si parte per dire grazie, si torna grati!

Il pellegrinaggio è molto più che una semplice “esperienza”. È qualcosa che rende tangibile e più chiaro quel cammino difficile che è la vita. Tra strade di polvere, sole rovente, scarpe strette ci accorgiamo di non essere soli. Che la meta ci aspetta ed è reale, ma non si possono prendere scorciatoie

Si parte per dire grazie, come queste  due suore che volevano mostrare la riconoscenza per i 150 anni della fondazione del loro ordine, ma si arriva grati, per tutto quello che ci è stato dato e rivelato per strada. 

Si parte per chiedere, come Teresa e Conceicao che hanno pregato per nuove vocazioni, ma quando vedi in lontananza la meta che si fa sempre più vicina, ti accorgi che comunque vada, quella fatica è valsa la pena. Qualcuno la prenderà e saprà centuplicare il nostro sacrificio come ha fatto con la gioia nel nostro cuore lungo il percorso.

Troveremo buche, deviazioni, vesciche, ma anche acqua fresca, risate e amici. E sarà bello trovarsi tutti insieme al traguardo della vita.

Tags:
suorevocazioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni