Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconSpiritualità
line break icon

Perché Polizia e Paracadutisti hanno scelto san Michele come patrono?

SAINT MICHEAL

Domaine Public

San Michele, l'angelo guerriero: è lo spirito celeste che ha combattuto contro il diavolo, in una battaglia durissima raccontata nell'Apocalisse.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 11/05/21

Polizia ed esercito si sono ufficialmente rivolte al Vaticano per instaurare la festa dedicato al loro protettore

C’è un legame molto stretto tra l’arcangelo Michele, la Polizia e i Paracadutisti dell’Esercito Italiano.

La Polizia, infatti, ha sempre considerato l’arcangelo San Michele quale suo speciale Patrono e la stessa stanza dei vari Questori, che si sono avvicendati a Roma, fin dal 1870 è adornata di una pregevole copia del quadro di Guido Reni raffigurante l’Arcangelo San Michele nell’atto di sconfiggere l’angelo del male. 

SAINT MICHEAL
San Michele Arcangelo

Il messaggio dell’Ordinario Militare al cardinale

“Ed è spiegabile, dal momento che la tutela del Principe delle Celesti Milizie ben si addice al particolare e delicato ufficio cui sono quotidianamente chiamati gli Ufficiali e le Guardie di Pubblica Sicurezza, che hanno così dato prova di aver compreso l’analogia tra i compiti loro e quelli celestiali dell’angelico Condottiero”. 

Così scriveva l’Ordinario Militare Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleoneal Card. Clemente Micara, Prefetto della Congregazione dei Riti, in data 24 gennaio 1949 affinché si facesse interprete presso il Santo Padre del desiderio delle Guardie di Pubblica Sicurezza di avere, quale loro Patrono, l’arcangelo San Michele. 

La festa della Polizia

Con Bolla papale, il 29 settembre 1949, memoria liturgica dell’Arcangelo, Pio XII esaudì la richiesta dell’Ordinario. Purtroppo, per la vicinanza della memoria liturgica con il 18 ottobre, festa annuale della fondazione del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, si dovette chiedere e si ottenne di spostare la festività del Patrono all’8 maggio, ricorrenza dell’apparizione di San Michele sul monte Gargano

Inoltre, l’Ordinario assegnò, come centro della devozione all’Arcangelo, la chiesa di Sant’Angelo in Pescheria, prima chiesa dedicata all’Arcangelo San Michele. 

La richiesta del cappello dei Paracadutisti 

Il 12 novembre 1954, il Cappellano dei Paracadutisti di Viterbo, don Edoardo Cacciapuoti, scrisse all’Ordinario Militare Mons. Arrigo Pintonello affinché anche i paracadutisti fossero affidati all’intercessione dell’arcangelo Michele. 

“Gli ardimentosi giovani sempre che balzano dagli apparecchi nella vastità del cielo; sospesi ad un fragile panno di seta, sentono più spiccatamente il bisogno dell’Aiuto Celeste. E viene spontaneo, nel pericoloso volo, invocare gli Angeli a loro guida e protezione la santa figura dell’arcangelo San Michele, …princeps militiae angelorum, sembra ai paracadutisti quella che più risponde alla loro attività laicistica e alla consapevolezza d’essere sempre i primi nel difendere il sacro ruolo della Patria” (Lettera del 12.11.1954). 

La risposta della Congregazione 

L’Ordinario, facendosi interprete dei sentimenti espressi dal cappellano dei paracadutisti, il 31 maggio 1955, chiese alla Congregazione dei Riti di esaudire la loro richiesta evidenziando che l’arcangelo “… è già invocato come tale dai Paracadutisti dell’Esercito francese”. 

Con un rescritto del 17 giugno 1955 la Congregazione così risponde: “La Sacra Congregazione dei Riti, in virtù delle speciali facoltà conferitele dal Santissimo Signore Nostro Pio XII, ha costituito e dichiarato Patrono dei militari paracadutisti presso Dio, con tutti i relativi diritti liturgici, San Michele Arcangelo”. Firmato C. Card. Cicognani.

Preghiera del Paracadutista d’Italia 

Eterno immenso Iddio, che creasti gli eterni spazi e ne misurasti le misteriose profondità,

guarda benigno a noi, Paracadutisti d’Italia, che nell’adempimento del nostro dovere, balzando dai nostri apparecchi, ci lanciamo nella vastità dei cieli.

Manda l’arcangelo San Michele a nostro Custode: guida e proteggi l’ardimentoso volo.

Candida come la seta del paracadute sia sempre la nostra fede e indomito il coraggio.

La nostra giovane vita è tua o Signore!

Se è scritto che cadiamo, sia!

Ma da ogni goccia del nostro sangue sorgano gagliardi figli e fratelli in numeri, orgogliosi del nostro passato, sempre degni del nostro immancabile avvenire.

Benedici, o Signore, la Patria, le famiglie, i nostri cari!

Per loro, nell’alba e nel tramonto, sempre la nostra vita!

E per noi, o Signore, il tuo glorificante sorriso. 

Amen.

Tags:
san michele arcangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni