Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconArte e Viaggi
line break icon

Scoprite l’unica reliquia di san Giuseppe conservata in Francia

@Jean-Marie Laillet

Ceinture relique de saint Joseph, conservée dans l'église Notre-Dame de Joinville (Haute-Marne).

Mathilde De Robien - pubblicato il 05/05/21

Perlopiù negletta e scura, la sola reliquia dello Sposo della Vergine conservata in Francia (a Joinville, Haute-Marne) è stata riportata dalla Terra Santa da Jean de Joinville nel 1248. In attesa di essere restaurata, raccoglie attualmente molte attenzioni.

Ecco una felice conseguenza della consacrazione di quest’anno al padre adottivo di Gesù: la valorizzazione di una cintura-reliquia che sarebbe appartenuta – più di venti secoli fa – a san Giuseppe.

Conservata in una cappella laterale della chiesa di Notre-Dame de Joinville, cittadina della Haute-Marne, fu riportata dalla Terra Santa da Jean de Joinville, che alla spedizione nota come “Settima Crociata” si era recato come cronachista e intimo amico di San Luigi. Essa costituisce a nostra conoscenza l’unica reliquia del padre di Gesù conservata in Francia.

Nella sua Histoire de saint Louis (1839), Louis-François de Villeneuve riporta:

La maggior parte dei crociati del 1248 s’erano procurati, tornando, oggetti rari o curiosi. Il signore di Joinville, tra le altre cose, riportava a casa lo scudo dello zio Geoffroy IV, blasonato da Riccardo Cuor di Leone, e con la Cintura di San Giuseppe, che si credeva piamente (secondo una antica tradizione orientale) essere stata tessuta dalla castissima Maria stessa per il suo sposo. Furono i soli trofei di cui il siniscalco potè ornare per il suo ritorno la collegiale di San Lorenzo; essi bastarono tuttavia al guerriero e al cristiano.

Cintura reliquia di san Giuseppe

Composta di un tessuto piatto di filo, o di spago piuttosto grosso, verosimilmente di canapa, di colore grigio, la cintura misura poco più di un metro di lunghezza e 4,5 centimetri di larghezza. È munita di una fibbia in avorio o in osso e di una bottoniera a ogni estremità. Su di un cartiglio che prima era legato all’oggetto stesso si legge: «Hic est cingulus quo cingebatur Joseph, sponsus Mariæ» («Questa è la cintura con cui si cingeva Giuseppe, sposo di Maria»). Attualmente è presentata in un altare-reliquiario recante la data del 1868: è avvolta attorno a un cilindro di cristallo sostenuto da quattro personaggi: san Luigi coronato in testa, Jean de Joinville in cotta di maglia e poggiato sulla spada, il vescovo di Châlons e un monaco di sant’Urbain.

Una storia movimentata

Secondo la tradizione, sarebbe stato lo stesso san Luigi a dare all’amico Jean de Joinville la reliquia: quest’ultimo l’avrebbe consegnata al capitolo di Saint Laurent, prima di far erigere una cappella in cui custodirla. Lungo tutto il corso dei secoli, non ha mai cessato di suscitare invidie.

Jean de Joinville. Dettaglio del reliquiario.

Nel 1629 un brandello della cintura, grande circa due centimetri e mezzo, fu donato all’Ospedale della Sainte Croix di Joinville. Il 20 luglio 1649 il capitolo di Saint Laurent diede seguito alla richiesta di Dom Pierre Masson ed elargì un frammento della reliquia al monastero di Saint Bernard a Parigi.

Gli abitanti di Joinville, tuttavia, non sarebbero rimasti sempre così concilianti: il 6 agosto 1661 il capitolo di Toul ne reclamò anch’esso una particella per la propria chiesa; non ricevendo risposta, mons. Félix Vialart de Herse, vescovo di Châlons, prese in mano la cosa e si recò (il 23 giugno 1662) a visitare la chiesa di Saint Laurent, chiedendo di poter vedere la famosa reliquia. Dopo aver estratto l’oggetto dal suo contenitore, il vescovo confessò di voler possedere un frammento della cintura per erigere a Châlons due confraternite – una in onore della Santa Vergine, l’altra di San Giuseppe. Di fronte al rifiuto del capitolo di Saint Laurent, il Vescovo avrebbe tirato fuori delle forbici e si sarebbe tagliato da sé un pezzetto della santa stoffa. La scena viene riportata nei registri capitolari:

Al che il detto Signore [il Vescovo] rispose che per la maggior gloria di Dio, per l’onore della Santa Vergine e di San Gioseppe, i sopradetti signori non avrebbero potuto opporgli un diniego, poiché la richiesta era per la Chiesa Cattedrale di questa diocesi, e subito prese dalle mani di uno dei suoi segretari delle forbici e ne tagliò un pezzo della lunghezza di quattro dita circa – cosa che ha causato un grande rammarico nei Signori [i Canonici] in ragione della grande quantità che egli ne aveva tagliata.

Cintura reliquia di san Giuseppe

In seguito a questi diversi prelievi – peraltro scomparsi – i canonici del capitolo di Joinville si impegnarono, sotto pena di scomunica,

a non consentire mai che si tocchi la detta cintura per tagliarne particola alcuna, né a minorarla in qualsivoglia maniera da parte di chicchessia.

Durante la Rivoluzione francese, la reliquia è incredibilmente scampata alle razzie. Una persona ben ispirata la recuperò e la restituì al parroco di Vecqueville nel 1823: a seguire fu restituita alla parrocchia di Joinville. Da allora il culto attorno alla reliquia ha conosciuto un vero rinnovamento.

Attenzione pubblica

In occasione di quest’anno consacrato a san Giuseppe, la Fondation du Patrimoine ha lanciato, il 22 marzo scorso, una sottoscrizione finalizzata a restaurare l’altare-reliquiario che custodisce la cintura. L’obiettivo è quello di restituirle il posto originale, sopra l’altare della cappella di San Giuseppe, e non più nell’attuale vetrina – precisa ad Aleteia il diacono della parrocchia, Jean-Marie Laillet.

È un progetto condotto dalla cittadina di Joinville in collaborazione con la parrocchia Marcel Callo, che raggruppa una dozzina di chiese attorno a Joinville, con il Convento delle Annonciades Célestes, la Marche de Saint-Joseph  e il Conseil d’Etat Français des Chevaliers de Colomb

L’occasione giunge propizia per riportare in luce la trascurata reliquia e ricordare l’importanza che il culto di san Giuseppe ha potuto avere a Joinville. L’operazione ha già cominciato ad attrarre pellegrini – a cominciare dalla “grande marcia”, un distaccamento di alcuni uomini della Marche de saint Joseph che si sono messi in strada per due mesi, da Parigi a Joinville, per recarsi in seguito a Cotignac trasportando la statua di Giuseppe che porta Gesù sulle spalle, di Luc de Moustier.

Marche de Saint-Joseph, pellegrinaggio dei padri di famiglia. Parigi, 16 marzo 2019.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
crociatefranciareliquiesan giuseppestoria della chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni