Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconFor Her
line break icon

Edith Stein: la vocazione naturale della donna e le professioni

SAINT EDITH STEIN, EDITH STEIN,TERESA BENEDICTA OF THE CROSS

PD

Paola Belletti - pubblicato il 30/04/21

Esiste una vocazione naturale nella donna? E in essa si esaurisce tutta la sua espressività professionale? Santa Teresa Benedetta della Croce e l'ethos della professione femminile: un tema, non visto, al centro del dibattito contemporaneo sull'emancipazione della donna.

Nel saggio di Edith Stein, Ethos nelle professioni femminili, che fa parte del volume La donna – il suo compito secondo la natura e la grazia, troviamo una mappa per orientarci e addentrarci nella attuale ma incompresa, spesso vilipesa e deformata secondo scopi tutt’altro che nobili, “questione femminile”.

La vocazione della donna

Innanzitutto il suo metodo di indagine ribadisce un’evidenza che ognuno di noi può rintracciare nella propria esperienza di vita: per comprendere la natura della donna devo indagare anche la natura dell’uomo e ragionare sulla loro reciprocità e complementarietà.

(…) qualcosa di duraturo che regola gli atti dell’uomo; non pensiamo certo a una legge che si presenta all’uomo dall’esterno o dall’alto, ma a qualcosa di attivo in lui stesso, una forma interiore, uno stabile atteggiamento dell’anima; quello che già la scolastica chiamava abito.

Edith Stein, La donna, Città nuova, p 49

Alcuni abiti sono innati, altri sono frutto dell’esercizio di attitudini già possedute; in entrambi questi casi ci troviamo ancora nella sfera delle virtù naturali. C’è un terzo tipo di abito che possiamo indossare ed è quello che ci viene infuso: siamo nel terreno delle virtù soprannaturali. Anche in altri passaggi sottolineerà con una chiarezza estrema che il cambiamento profondo della nostra natura, anzi meglio, il suo compimento quindi un ritorno all’origine e il raggiungimento della pienezza, possono avvenire solo ed esclusivamente con la grazia. Lo sforzo umano, sempre necessario, da solo può ottenere cambiamenti superficiali.

Che cosa intende con ethos?

Gli “abiti” possono anche essere sporchi, malconci, volgari. L’ethos allora è un abito quando ad esso si riconosce un valore positivo.

L’ethos vocazionale e professionale è allora una serie di abiti, atteggiamenti dell’anima, che fondano e danno struttura profonda alla vita professionale della persona. Il lavoro quindi non è solo risposta a richieste esterne ma espressione di una spinta interiore permanente e chiaramente orientata.

Perché è necessario fare un ragionamento distinto tra uomo e donna, dunque?

Mi è stato affidato il compito di parlare dell’ethos della professione della donna; con ciò si ammette che l’anima femminile abbia dei propri atteggiamenti permanenti specifici, che danno forma dall’interno alla sua vita professionale; e si ammette anche che la caratteristica specifica della donna includa la vocazione a compiti particolari.

Ibidem, p.50,51

Solo donna, moglie e madre?

Edith Stein risponde a questo compito prendendo seriamente in esame le istanze femministe espresse allora: il Movimento femminile esige che la donna abbia accesso a tutte le professioni e sembra pretendere la cancellazione di una specifica vocazione muliebre per poter sostenere questa tesi. E così, al contrario, fanno i difensori della vocazione della donna che sarebbe negata dall’impiego femminile in tutte le possibili attività lavorative. Da una parte lo schieramento che vede la donna solo come sposa e madre; dall’altro quello per cui ogni lavoro è anche e sempre un lavoro da donna.

Edith Stein, col suo pensiero disciplinato e penetrante, mostra come esistano entrambe le dimensioni e in che rapporto stiano tra loro. E da vera filosofa parte dalla realtà:

Solo chi è accecato dalla focosa parzialità della disputa può negare la realtà evidentissima che il corpo e l’anima della donna sono strutturati per un particolare scopo.

Ibidem, p.51

Siamo fatte per?

Da vera credente trova conferma e orizzonte ideale nelle Sacre Scritture: è in esse che vediamo descritto il nostro compito e disegnata la nostra natura. Siamo fatte per essere compagne e madri degli uomini.

Non c’è un modo per girarla diversamente; siamo in relazione all’altro, agli altri, alla persona, veniamo in aiuto. Anche la Madonna ha, tra i suoi titoli più belli, quello di Auxilium Christianorum.

Ora, se ci fosse un sistema per inibire nella mentalità di oggi le reazioni allergiche prossime allo shock anafilattico al solo ripetere una frase del genere, mi piacerebbe metterlo in pratica.

Non importa, la verità è la sola strada per camminare davvero liberi. E noi siamo cattolici, sappiamo che la rivelazione è la luce altrimenti irreperibile capace di mostrarci per come siamo davvero, di farci vedere senza morire di spavento a che punto è la nostra decadenza e innescare il processo di guarigione e rinascita.

La donna è conformata per essere compagna dell’uomo e madre degli uomini. Per questo scopo il suo corpo è particolarmente dotato, e a questo scopo si confanno anche le particolari caratteristiche della sua anima.

Ibidem

Struttura e vocazione, non stereotipo

Poiché in tutto il mondo e in tutti i tempi le donne mostrano determinate e costanti caratteristiche (così come gli uomini) significa che esiste un costante e universale abito interiore della donna; sì, esiste un’anima femminile. E il corpo ne è la conferma: l’anima è la sua forma. Non si nasce, quindi, anima femminile in un corpo sbagliato. La nostra natura è tale in ogni cellula e in ogni tratto dello spirito di cui siamo dotati.

Non sarebbe stato salutare insegnare filosofia scolastica a tappeto anziché finanziare gli studi di genere che tanta confusione e male stanno provocando nelle coscienze di oggi?

Quello che le donne pensano

“Quello che le donne pensano e come lo pensano” non è il titolo di un giallo, anche se molti uomini nostri contemporanei potrebbero temerlo; qualcuno potrebbe vederci addirittura una coloritura horror; sono i comici però la prova più schiacciante che davvero le donne (e gli uomini) hanno tutte, nella loro irriducibile e non banalizzabile diversità personale, un modo condiviso e simile di guardare alla realtà e tutte, bene o male, cadono negli stessi errori o mostrano difetti simili.

Il modo di pensare della donna, e i suoi interessi, sono orientati verso ciò che è vivo e personale e verso l’oggetto considerato come tutto.

Ibidem, p.52

I bisogni dell’anima femminile

Il punto di osservazione della realtà tipico della donna è questo: orientato sulla vita, sulle persone, sullo sviluppo; e attento all’insieme. Per questo la donna ha determinati bisogni, tutte le donne. E anche qua, tenere lontano da animi altamente infiammabili le seguenti affermazioni:

Proteggere, custodire e tutelare, nutrire e far crescere: questi sono i suoi intimi bisogni, veramente materni. Ciò che non ha vita, la cosa, la interessa solo in quanto serve al vivente e alla persona, non in se stessa.

Ibidem

E cosa vorrebbe dire? che siamo solo fatte per figliare, che in mancanza di figli ninneremmo anche un cicciobello, che in casi estremi tratteremmo come bambini i nostri poveri animali domestici? E che siamo anime semplici e terrigne così che ci occorra sempre considerare un oggetto inserito in un ambito concreto, noi animaletti incapaci di astrazione?

No, affatto. Un’altra nostra caratteristica, però, è forse proprio questa: avere un animo che, se non educato, esonda, si riversa anche con forza distruttiva al di fuori, esternando senza controllo il flusso di coscienza interiore, e mettendo noi stesse al centro. E deformando l’interesse amoroso per l’altro in morboso controllo, in preoccupazione soffocante.

Meno astrazione e più contemplazione

Il nostro sguardo è meno analitico e astratto di quello dell’uomo ed è invece squisitamente contemplativo e sperimentale, proiettato verso ciò che è concreto.

Se per l’uomo è più difficile mettersi alla dipendenza di altri, dedicarsi alle cose altrui, per la donna è invece naturale. Ora ditemi se, scrollandoci di dosso la polvere vulcanica di quell’asfissiante pensiero unico che ci è esploso sopra la testa, non ci si ritrova in ciò che Edith Stein dice di noi donne:

(la donna) ella è in grado di penetrare con sentimento e comprensione nell’ambito di quelle realtà che di per sé le sono lontane, e delle quali non si prenderebbe cura, se non fosse l’interesse per una persona che la mette in contatto con esse. Questo dono è strettamente dipendente dalla sua attitudine materna.

Ibidem, p.53

Il creato per la donna è sempre abitato dall’uomo e da Dio

Nel racconto della creazione c’è tutto il nostro movimento fisico e spirituale, di reciprocità tra uomo e donna e di dipendenza diretta e indisponibile di ogni persona da Dio. Il sonno nel quale Dio fa scendere Adamo e il fatto che crei la donna da lui; che la guardi già dentro la creazione quasi compiuta e abitata dall’uomo, e lei stessa si scopra lì e non prima, non senza l’uomo addormentato davanti a sè e Dio a plasmarla; e immaginiamo i passi che la donna compie sospinta, condotta dal Creatore verso l’uomo. Che meraviglia! Che parabola meravigliosa della nostra vocazione femminile universale che compie, magari quasi danzando, Eva, la madre di tutti i viventi!

Nella mia esegesi da non esperta trovo che sia un quadro guardando il quale capiamo davvero chi siamo: noi donne amiamo la realtà abitata dalla persona, dall’uomo; e l’uomo che dorme e si risveglia perché Dio lo chiama per condurci vicine a lui e viceversa è come una gestazione e una nascita; il nostro essere serve, sì è al servizio della vita che è di Dio solo e noi siamo capaci con Lui e per Lui di risvegliarla e partorirla.

Le nostre inclinazioni naturali e le loro degenerazioni

Le nostre due inclinazioni tipiche, orientamento alla persona e quello verso il tutto, sono soggette a due degenerazioni: la prima può diventare un’eccessiva inclinazione a occupare se stessi e gli altri della propria persona: vanità, brama di lode, smania di intromettersi nella vita altrui, interesse eccessivo per gli altri. La seconda si deforma in dispersione delle nostre energie in mille attività diverse, compiute disordinatamente e senza costrutto. Questa degenerazione dell’animo femminile è alla radice di tanta sofferenza familiare, nel rapporto madre figli e tra i coniugi.

L’Immacolata è il nostro modello

Se vogliamo imparare ad essere come dovremmo non abbiamo che da guardare a a Lei, l’Immacolata. Aspetta il figlio, lo accudisce e lo protegge, lo offre agli altri. Lo cresce e lo accompagna, resta alla distanza che lui desidera, lo prende tra le braccia da morto. E tutto questo come servizio a Dio e non come cosa propria.

Utilità del lavoro femminile per la donna e per la società

Ciò che ci può aiutare a contrastare la nostra natura ferita, mossa non solo da inclinazioni buone ma anche da desiderio di possesso e controllo è proprio il lavoro sistematico. Che ci impone di circoscrivere il nostro interesse ipertrofico ed elimina la superficialità; ci mette sotto il salutare peso di norme oggettive ed è eccellente esercizio di obbedienza.

Ci sono o no professioni per la donna oltre al suo naturale compito?

Nessuna donna è solo donna: ciascuna ha le proprie inclinazioni e i propri talenti naturali come gli uomini, e questi talenti la rendono atta alle varie attività professionali di carattere artistico, scientifico, tecnico, ecc. In linea di massima, la disposizione individuale può orientare di preferenza verso qualsiasi campo, anche a quelli che sono di per sè lontani dalle caratteristiche femminili.

In questi casi non si parlerà di professioni femminili. Ma se di queste si vuol parlare, nel senso pieno del termine, è necessario che siano professioni i cui compiti oggettivi siano confacenti alle particolarità proprie della femminilità: quelle cioè in cui si esercita l’assistenza e l’educazione, la premura e la comprensione profonda, come la professione di dottoressa e infermiera, di maestra ed educatrice, di governante o direttrice di una casa, e tutta la serie delle moderne professioni sociali; nel campo scientifico, quei rami che sono particolarmente in contatto con il concreto, con ciò che è vivente e personale: perciò le scienze psicologiche; i lavori che presentano un carattere di ausiliarietà e servizio, come traduzione e edizione; ed eventualmente anche la direzione comprensiva del lavoro altrui.

Le donne possono fare ogni lavoro. Con quale stile?

E nello svolgere queste professioni occorrerà che si esprima pienamente l’abito tipico della donna, sposa e madre ma in una forma ancora più alta e ardua perché non è rinforzato e motivato dalla forza dei legami di sangue; qui entra in gioco lo spirito.

L’ingresso della donna in vari rami professionali può essere una vera benedizione per tutta la vita sociale sia privata che pubblica, purché ella custodisca lo specifico ethos femminile. (….)

Maria alle nozze di Cana: il suo sguardo silenzioso e scrutatore osserva tutto e si accorge dove manca qualcosa. E prima che qualcuno lo abbia notato, prima che subentri l’imbarazzo, ha già portato il suo aiuto. Trova mezzi e modi; dà le indicazioni necessarie; e tutto in silenzio, senza far notare nulla.

Ecco l’esempio della donna nella vita professionale. Ovunque viene assunta, essa adempie in silenzio e obbedienza il suo servizio senza pretendere per sè attenzioni o riconoscimenti. Ed insieme tiene d’occhio con vigilanza tutta la situazione, si accorfge se qualcosa manca, se qualcuno ha bisogno di aiuto, e interviene per tutto regolare, per quanto sta in suo potere, senza far notare nulla, se è possibile. Così ella diffonde ovunque, come uno spirito angelico, la benedizione.

Ibidem
Tags:
donneedith steinvocazione femminile
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni