Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Ottobre |
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Depressione post partum: mamme, non dovete farcela da sole

MUM, SAD, DEPRESSION

Nicoleta Ionescu | Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 12/04/21

L’EPDS è stato sviluppato negli anni ’80, in quanto l’esperienza clinica accumulata sia nei Paesi ricchi che in quelli poveri mostrava che la depressione unipolare, e in particolare la depressione postnatale, era un disturbo comune che causava molta sofferenza inutile alle donne e alle loro famiglie. Mostrava anche che tale depressione poteva influenzare negativamente lo sviluppo e l’accudimento del bambino, la continuità del matrimonio e l’economia della famiglia. A ogni donna che risulta positiva dovrebbe essere data l’opportunità di avere un colloquio clinico e un ulteriore approfondimento, generalmente entro 2 settimane». (salute.gov)

Qual è la tua esperienza come ostetrica: sono situazioni frequenti? In che percentuale?

La mia esperienza come ostetrica è fatta di tante mamme sulle quali avrei scommesso il tutto e per tutto sul fatto che avrebbero sofferto di baby blues. E invece mi sono trovata ad ammettere che ho sbagliato alla grande.

NURSE, HUG, NEWBORN

La prima fu Claudia: affetta da obesità e da uno stato di anoressia nel recente passato adolescenziale, era incinta di un ragazzo molto più giovane di lei. Una relazione complessa con la famiglia d’origine e uno status lavorativo incerto. Come se non bastasse, dovette sottoporsi a un cesareo perché il parto non progrediva e il bimbo iniziava a risentirne. Ero pronta a scommettere che lei sarebbe stata una mamma da sostenere in tutto e per tutto e mi sbagliai di grosso. Il suo bambino fu la sua risorsa e lei, dovendosi improvvisare per lavorare ma non potendo affidare il bimbo ad altre persone, trovò uno sbocco lavorativo che la avvinse e la rinnovò come persona.

Poi c’è stata Elena che aveva appena perso la mamma ed era giovanissima. Il medico le suggerì pure di abortire per darsi tempo a rielaborare il lutto (non scherzo). Lei si dedicò alla gravidanza ed è diventata una mamma felicissima. Lia poi, ha dell’incredibile. Le dissero ch’era incinta in un lettino di contenzione in psichiatria: aveva abusato di alcool e droghe. La gravidanza la salvò, ma anche la maternità. E’ sempre stata felicissima! 

Viceversa mamme con situazioni che io reputavo più serene e stabili, maturarono un po’ di tristezza e quello che possiamo definire baby-blues. Purtroppo l’esperienza mi ha insegnato che bisogna stare a occhi aperti. Ecco, se ci sono un paio di dati che io ho acquisito essere importanti per capire che situazione potrebbe crearsi dopo la nascita del bambino sono questi: come la donna ha vissuto l’esperienza del parto (quindi la nascita dal punto di vista della madre); e la relazione con la mamma della donna sia nel passato di figlia, sia nella trasformazione che è giusto avvenga tra generazioni.

In base sempre alla tua esperienza quali sono le situazioni più a rischio? (madri single, madri con già altri figli o madri alla prima gravidanza, ecc.)

Personalmente le situazioni più delicate sono sempre state quelle più estreme. La donna che si percepisce sola socialmente (ovvero quella donna anche sposata o inserita in un contesto familiare, che però sente di doversi accollare tutto l’impegno della gestione del neonato e, magari, sente come impellente l’arrivo del momento del ritorno al lavoro).

La mamma che mette al mondo il figlio di una relazione instabile. Spesso si tratta di coppie che sono casuali o che si sono unite dopo avere avuto precedenti famiglie e anche altri figli.

La donna con problemi di salute psicologica dovuti alla relazione con madri anaffettive che si trovano ad affrontare un neonato con tutti i bisogni che noi oggi reputiamo fisiologici (contatto, sonno, attenzione fisica).

La mamma inesperta che è trattata da sciocca da chi la circonda (dal marito che la critica, dal pediatra che dà suggerimenti spesso errati, dai parenti invadenti). Quella giovane può essere definita immatura per l’esperienza della maternità. Cosa che invece io rispedisco al mittente facilmente. Le ragazze giovani – anche solo per l’età – hanno energia e voglia di misurarsi con la vita. Sono molto più “incoscienti” delle donne più mature e questo rende la loro vita più semplice da affrontare.

La donna che ha scelto la fecondazione exrtacorporea (procreazione medicalmente assistita, Ndr) e quella che ha perso un figlio nella gravidanza precedente.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY & ME

  • 1
  • 2
Tags:
depressione post partogravidanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni