Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconChiesa
line break icon

Da “tutti gli dei” a “tutti i martiri”: la conversione del Pantheon

Antoine Mekary | ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 09/04/21

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

Il Pantheon è da duemila anni un simbolo di Roma, ma pochi sanno che da 1400 anni è anche una chiesa dedicata a Maria, regina dei martiri.

La processione stazionale si ferma al Pantheon, il grande edificio circolare famoso per la cupola (la più grande del mondo) e il suo “occhio”. Fu costruito dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 125, sui resti di un precedente tempio. Diventò una chiesa sotto Papa Bonifacio IV, che mantenne inalterata la struttura, mentre la dedica a “Maria regina dei martiri” si oppone a quella pagana a “tutti gli dei”. Proprio la dedicazione del Pantheon a tutti i martiri potrebbe essere all’origine della festa di Ognissanti, poi spostata all’1 novembre.

La chiesa fu consacrata il 13 maggio 609. Era il giorno di Pentecoste, e ancora oggi, a Pentecoste, una pioggia di petali di rosa scende dall’oculum del Pantheon, come lo Spirito Santo scese sugli apostoli e Maria.

Poco dopo la dedicazione, l’imperatore asportò il bronzo del Pantheon per affrontare le spese militari. Quello restante fu asportato da papa Urbano VIII, della famiglia Barberini, nel 1632. Da qui il detto romano: “Quello che non fecero i barbari, lo fecero i Barberini”. Il Papa diffuse la notizia che il bronzo era destinato al baldacchino di S. Pietro. In realtà, sarebbe stato usato quasi tutto per i cannoni di Castel Sant’Angelo.

Nel Pantheon sono sepolti famosi artisti, come Raffaello, e i re d’Italia Vittorio Emaniele II e Umberto I.

Questo Gesù è la pietra che,

scartata da voi, costruttori,

è diventata testata d’angolo.

 At 4,11

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Tags:
chiese stazionalimartiripasquastazioni quaresimali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni