Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconFor Her
line break icon

Mamme felici vuol dire bambini sereni

MOTHER AND SON,

marypastukh | Shutterstock

Rachele Sagramoso - pubblicato il 09/04/21

Dedicarsi completamente al proprio bambino (almeno nei primi anni di vita) è un diritto che porterebbe a far sentire le donne adeguate al loro ruolo di madri. Le mamme tornerebbero al lavoro in un'epoca più fisiologica per i loro figli: quindi "produrrebbero" di più e meglio.

I momenti di disperazione dei bambini possono essere tanti: da neonati si teme la solitudine, il freddo, la fame e la mancanza di contatto (coccole, attenzioni, carezze).

Da “neonatoni” di un anno e più si ha più paura della lontananza dalla mamma, della paura di perdere la sua l’attenzione, e si ha bisogno della sua presenza, della sua vicinanza che è un porto sicuro dal quale tornare dopo le prime esplorazioni.

Neonati e “neonatoni”

Lo stare con il proprio bambino, il dedicarsi completamente a lui, magari supportate nelle difficoltà (allattamento, sonno, pianti inconsolabili) è un diritto che porterebbe a far sentire le donne adeguate al loro ruolo di madri, ruolo diventato non fisiologico perché da decenni non si fa esperienza nel diventare madri, nell’essere mamme.

Fornire un supporto che desse piccoli suggerimenti e qualche trucco alla neo-mamma, produrrebbe alcune conseguenze: mamme felici, innanzitutto, bambini sereni, seconda istanza.

SON KISSES MOM,

Costerebbe infinitamente meno della solita promessa elettorale dei nidi e le mamme tornerebbero al lavoro in un’epoca più fisiologica per i loro bambini: quindi “produrrebbero” di più e meglio.

La salute dei bambini è un investimento al futuro che la classe politica deve prendere in considerazione, nel momento in cui suppone di voler fare qualcosa di buono.

I bambini debbono essere messi al centro della cultura, poiché solo effetti positivi si avrebbero sull’intera società.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA RACHELE SAGRAMOSO

Tags:
figlimadrimaternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni