Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconCultura
line break icon

Dani Shapiro: «Nessuno dei miei due padri sarà mai mio padre»

Les Arènes

Gènéthique - pubblicato il 08/04/21

Dani Shapiro è nata da un dono di sperma. Nel suo memoir autobiografico “Heritage” (2019-2020) racconta quanto questa scoperta abbia sconvolto la sua esistenza.

Della mia infanzia non mi resta che questo sentimento primordiale: per tutta la vita ho avuto l’impressione che qualcosa non tornasse. Ero diversa, dico dall’esterno. La mia famiglia non formava un tutto coerente. I miei genitori e io vivevamo in un mondo fragile. Avevo l’intima convinzione che la mia stessa esistenza ponesse un enorme problema, e che tutto ciò fosse colpa mia.

Dani Shapiro, Heritage

A 54 anni, in occasione di un test del DNA, Dani Shapiro – newyorkese bionda con gli occhi azzurri, nata in una famiglia ebrea proveniente dall’Europa dell’Est – scopre che il padre da lei tanto amato non è il suo padre biologico. La sua sorellastra, con cui non condivide nulla, non è sua sorella. La terra le trema sotto i piedi.

Qualcosa d’irriducibile

In questo racconto autobiografico l’autrice racconta il cammino che dovrà percorrere per comprendere quel che i suoi genitori – ormai defunti – le hanno sempre nascosto.

Potrò tornare mai a guardare di nuovo una foto di me, di mio padre o di mia madre, senza essere assalita dall’idea agghiacciante che la nostra vita famigliare sia stata costruita fin dall’inizio su una menzogna?

Una menzogna che – lo avrebbe scoperto – avrebbe minato la vita di coppia dei suoi genitori sviluppando la “tendenza a svalutarsi” del padre e “il disgusto” della madre.

Da parte sua, gli indizi ottenuti la conducono assai presto, passaggio dopo passaggio, all’identità del suo padre biologico. Un uomo a cui assomiglia fisicamente e la cui eredità non si limita a questioni di salute.

Quel che c’è di affascinante – cosa che del resto si ritrova in un certo numero di testimonianze – è che al di là della cultura e dell’educazione qualcosa di irriducibile si trasmette per via genetica: gusti, attitudini, modi di essere che fanno sì che un padre biologico non sia un mero donatore di sperma.

Le lacune della paternità artificiale

In questo senso, la sua testimonianza torna a rimettere in discussione le gender theories, secondo le quali la natura non conterebbe nulla nella costruzione della persona, la quale potrebbe “scegliersi” secondo tendenze che si farebbero nel corso dello sviluppo.

Mentre si cerca di sdoganare perfino l’utero in affitto, il libro pone questioni sulla paternità, solleva interrogativi etici e umani legati ai metodi di procreazione artificiale che lasciano il bambino e i suoi genitori davanti a delle lacune.

Dani Shapiro descrive benissimo ciò che questa scoperta – di un qualcosa che inavvertitamente ha portato tutta la vita – significa per lei:

Ho sempre saputo che la mia famiglia aveva un segreto. Quel segreto ero io. […] Nessuno dei miei due padri sarà mai mio padre […]. C’era e ci sarà sempre un’instabilità nelle fondamenta delle mie origini.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
genitorigenitori e figlimaternità surrogatapaternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni