Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 15 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconArte e Viaggi
line break icon

Pellegrinaggio sulle orme di San Francesco ad Assisi

basilica of saint francis of Assisi

Peter K Burian | CC BY-SA 4.0

Bret Thoman, OFS - pubblicato il 07/04/21

La città è virtualmente sinonimo di San Francesco e Santa Chiara

La città di Assisi è virtualmente sinonimo di San Francesco e Santa Chiara. Innumerevoli pellegrini accorrono ogni anno nella culla della spiritualità francescana per visitare i tanti siti dentro e fuori Assisi associati alla vita dei due grandi santi.

Assisi, però, non è esclusivamente dei cattolici, e gente di tutti i credo dopo averla visitata si sente rafforzata a livello spirituale. Per questo, nel 2000 le Nazioni Unite hanno dichiarato i siti francescani di Assisi Patrimonio Mondiale dell’UNESCO: “Essendo il luogo di nascita dell’Ordine francescano, Assisi è stata fin dal Medioevo strettamente associata al culto e alla diffusione del movimento francescano nel mondo, concentrandosi sul messaggio universale di pace e tolleranza”.

Il percorso inizia nella cattedrale di San Rufino, nella zona alta di Assisi. All’interno della cattedrale c’è un antico fonte battesimale, nella parte posteriore della chiesa sulla destra. Qui vennero battezzati Francesco e Chiara, come anche tutti i loro primi seguaci di Assisi. Nella navata principale, sotto l’altar maggiore c’è un piccolo sarcofago contenente le reliquie di San Rufino, martire del III secolo e santo patrono di Assisi all’epoca di Francesco. È ancora il patrono della città, anche se San Francesco è il santo patrono d’Italia.

Uscendo da San Rufino e scendendo, dopo una breve passeggiata si arriva alla Piazza del Comune, la piazza principale di Assisi. Nel Medioevo era luogo di mercato. Visto che il padre di Francesco era un mercante, crebbe in una casa vicina. Nella parte settentrionale della piazza ci sono le antiche colonne e la facciata di quello che in epoca romana era un tempio, dedicato alla dea Minerva. Oggi è una chiesa nota come Santa Maria sopra Minerva.

Nella direzione della basilica di Santa Chiara c’è la Chiesa Nuova. Costruita su quella che si crede fosse la casa natale di Francesco, è la chiesa più recente di Assisi, fatta edificare dal re di Spagna nel 1615. All’interno della chiesa c’è la cella che secondo la tradizione è il luogo in cui Francesco venne imprigionato dal padre. A sinistra dell’altare c’è una scalinata. Una porta lignea originale del XIII secolo è quella che si ritiene fosse la porta originale della casa. Sotto la chiesa, una cappella è ritenuta il luogo in cui il padre di Francesco immagazzinava le stoffe.

Alla fine del vicolo che costeggia la Chiesa Nuova c’è una piccola cappella nota come San Francesco Piccolino. Secondo la tradizione, Francesco nacque qui. Sopra la porta c’è un’iscrizione in latino che recita: “Questo oratorio era la stalla di un bue e di un asino nella quale nacque San Francesco, specchio del mondo”. La gente viene qui a pregare per avere una gravidanza e un parto sicuri, come anche per i propri figli e nipoti.

Continuando a scendere, la strada arriva a un’altra piazza con una fontana. Nella parte bassa della piazza si trovano il vescovado, la residenza del vescovo e una chiesa nota come Santa Maria Maggiore. Recentemente designata “Santuario della Spoliazione”, questa chiesa indica il luogo in cui si è svolto un evento importante nella vita di San Francesco. Qui, infatti, egli affrontò il padre e si tolse gli abiti lussuosi che indossava, restituendo tutto al padre terreno per contare solo sul Padre celeste. Costruita sui resti di una nobile casa romana, questa chiesa è servita come cattedrale di Assisi fino all’XI secolo, quando la sede vescovile venne trasferita a San Rufino, e ancora oggi è la residenza del vescovo di Assisi.

  • 1
  • 2
Tags:
assisipellegrinaggiosan francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni