Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconStorie
line break icon

Muore sacerdote malato di cancro per cui tutto il mondo aveva pregato

Jesús V. Picón - pubblicato il 01/04/21

Il sacerdote 31enne ha offerto la sua dolorosa agonia per i sacerdoti pederasti all'interno della Chiesa e per ciascuna delle loro vittime

Negli ultimi mesi, sulle reti sociali cattoliche – Facebook, Twitter, Instagram, Tik-Tok e Youtube – si erano moltiplicate le preghiere per padre Emmanuelle Cueto Ramos, giovane sacerdote di 31 anni ordinato da quattro e malato di cancro che era diventato un fenomeno digitale mai visto prima. Non si era mai verificata una mobilitazione tale per la salute di un presbitero.

Si susseguivano Messe, preghiere, ore sante, rosari e collette organizzati per la ripresa del sacerdote, noto anche come “Padre Ogro”.

In vita si è distinto per il fatto di essere un sacerdote digitale che ha fatto incursione su tutte le reti sociali diffondendo la Parola di Dio. È stato un sacerdote virale su Facebook e Tik-Tok, mantenendo sempre la sua profonda coerenza.

Oggi moltissimi piangono la sua partenza per la Casa del Padre, avvenuta sabato 27 marzo alle 4.40.

È stato un difensore della Parola di Dio, della dottrina e dell’ortodossia cattolica, e un ferreo difensore del rispetto e dell’amore per il miracolo più grande del mondo: il miracolo dell’Eucaristia.

Fino all’ultimo giorno in cui è riuscito a stare in piedi e ha avuto voce ha celebrato la Santa Messa e ha predicato. Le sue omelie verranno ricordate per quanto erano pedagogiche e chiare. Non aveva peli sulla lingua, ed era semplice in ogni parola che rivolgeva ai fedeli.

Aveva uno spiccato senso dell’umorismo, che non è mai venuto meno anche se aveva perso un occhio.

In un’intervista rilasciata ad Aleteia qualche mese fa, padre Emmanuelle aveva condiviso con noi come nell’adolescenza avesse aderito alle bande e fosse stato un ribelle, e come fosse passato dai graffiti ad essere un seminarista innamorato della Parola di Dio. Aveva già un tumore alla testa, e ci ha detto: “Preferisco un ministero breve ma santo che lungo e mediocre”.

Gli ultimi giorni di padre Emmanuelle

Il superiore degli Apostoli della Parola, padre José Luis Zarazua, ha commentato in esclusiva ad Aleteia che padre Emmanuelle ha vissuto le sue ultime settimane con una spiritualità in cui si distingueva il suo amore per il fatto di abbracciare la Croce e accettare la volontà di Dio.

Il superiore ha parlato ad Aleteia dei forti dolori che aveva padre Emmanuelle per via del cancro che gli stava distruggendo rapidamente il volto e lo aveva lasciato cieco e sordo da un orecchio. Diceva di offrire quei dolori per i sacerdoti che avevano commesso atti di pederastia, aggressioni e abusi sessuali, e per ciascuna delle vittime dei sacerdoti che si erano macchiati di crimini nei confronti di bambini e donne. Offriva le sue sofferenze anche per la crisi che si vive all’interno della Chiesa cattolica.

I suoi desideri

Prima di morire, padre Emmanuelle aveva espresso dei desideri, uno dei quali era parlare al telefono con Papa Francesco, e l’altro morire nella sua stanza, che per anni era stata il suo luogo di riposo e di studio.

Padre Zarazua ha aggiunto che voleva essere seppellito in una delle case degli Apostoli della Parola oppure accanto alla madre, anche lei morta di cancro. Desiderava poi che sulla sua tomba venisse incisa la frase “Ha amato l’Eucaristia, e ha insegnato agli altri ad amarla”.

Pare Jorge Luis, superiore degli Apostoli della Parola, ha affermato che la perdita del giovane sacerote è percepita come una chiamata di Dio ad amare di più il Vangelo, un appello ad essere più dediti al servizio ai più poveri e un momento di grazia.

Padre Emmanuelle sarà ricordato per il suo sorriso e per il suo amore per il Vangelo e l’Eucaristia. Come un giovane sacerdote che ha lottato fino alla fine, e che si è donato al massimo.

Tags:
cancromortesacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni