Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconNews
line break icon

Lettera della yazida Nadia Murad a papa Francesco per la protezione delle minoranze in Iraq

NADIA MURAD

ServizioFotograficoOR/CPP

Hugues Lefèvre - pubblicato il 07/03/21

«Continuiamo ad assistere a discorsi di odio contro le minoranze, promossi in tutto il paese da estremisti religiosi»: ecco l’allarme sottoscritto dai firmatari di una lettera aperta a papa Francesco comparsa il 5 marzo su iniziativa della yazida Nadia Murad, premio Nobel per la Pace 2018. Questi difensori delle minoranze formulano alcune raccomandazioni per i responsabili delle nazioni e degli organismi inter- e sovra-nazionali per ottenere più protezioni e per beneficiare di riparazioni dopo le atrocità subite negli ultimi anni in Iraq.

Sotto l’impulso della yazida Nadia Murad, premio Nobel per la Pace 2018, una cinquantina di ONG internazionali e membri della società civile irachena hanno pubblicato una lettera aperta al pontefice argentino, in visita in Iraq dal 5 all’8 marzo. «Ci rallegriamo della visita apostolica di Sua Santità Papa Francesco», scrivono volendo significare che considerano questo viaggio come una 

occasione importante per promuovere la pace e la tolleranza raccogliendo le comunità etnico-religiose e ispirando un’azione collettiva per prevenire nuove atrocità. 

  • «Offrire indennizzi ai sopravvissuti del genocidio dell’Isis e adottare una legislazione che renda giustizia alle vittime»; 
  • «Mettere in atto misure di sicurezza e dispositivi politici che proteggano per l’avvenire le comunità etnico-religiose»; 
  • «Modificare le leggi che affettano la religione e la dignità delle minoranze religiose», o ancora 
  • «Integrare l’educazione sulle minoranze religiose nei programmi scolastici iracheni»: queste sono le raccomandazioni rivolte al governo iracheno, al governo regionale curdo, ai capi religiosi e alla comunità internazionale nella conclusione di questa lettera aperta. 

Il timore di nuove atrocità contro le minoranze 

Malgrado la disfatta militare dell’organizzazione Stato Islamico in Iraq, i firmatari sono preoccupati per la «minaccia di atrocità future da parte dell’Isis» nella regione: 

Noi continuiamo ad assistere a discorsi di odio contro le minoranze, promossi in tutto l’Iraq da estremisti religiosi.  

Gli autori della lettera deplorano del resto la progressiva scomparsa del ricco mosaico di comunità etnico-religiose che pure in Iraq esisteva da secoli: 

I genocidi permanenti hanno costretto le comunità a fuggire le loro terre ancestrali, distruggendo i legami che uniscono i popoli in questa culla della civiltà. 

Fustigando «l’utilizzo abusivo della sharia» che conduce «alla marginalizzazione istituzionalizzata delle minoranze non musulmane in Iraq», i firmatari condannano nondimeno la politica condotta un tempo da Saddam Hussein, come pure l’intervento americano del 2003. Quest’ultimo ha «gravemente destabilizzato le relazioni internazionali» e causato «il collasso dello Stato, una guerra settaria e la proliferazione delle ideologie estremiste e dei gruppi armati». 

L’importanza di rendere conto delle atrocità commesse 

La lettera sottolinea che la popolazione cristiana è stata ridotta a sole 300mila persone, e che le altre comunità in Iraq hanno terribilmente sofferto, nell’ultimo decennio. Yazidi, Sabei-Mandei, Turkmeni, Kakai e Shabak… tutte queste comunità «si sono trovate a fronteggiare minacce esistenziali, in questi ultimi anni». 

Salutando gli sforzi fatti per salvaguardare la libertà religiosa in Iraq, i redattori esclamano di volersi spingere ben più in là, domandando che giustizia sia fatta quanto alle estorsioni già perpetrate: 

Senza l’obbligo di rendere conto delle atrocità commesse nel passato, le comunità religiose continueranno ad essere perseguitate e minacciate da reiterate violenze.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
cristiani perseguitati in iraqiraqminoranzaPapa in Iraqyazidi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni