Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconFor Her
line break icon

In quaresima con Tolkien: è il nostro cuore il primo campo di battaglia

HOBBIT, TOLKIEN, COLLAGE

Natata -Svetlana Orusova | Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 25/02/21

Avviciniamoci alla speranza della Pasqua in compagnia del Signore degli Anelli, il primo passo è uscire dalla nostra "caverna hobbit": risvegliamo l'anima al bisogno di essere salvata.

Al momento favorevole ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho soccorso. (dalla Seconda lettera ai Corìnzi)

Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!

Non tutto quel ch’è oro brilla, né gli erranti sono perduti; Il vecchio ch’è forte non s’aggrinza e le radici profonde non gelano. Dalle ceneri rinascerà un fuoco, l’ombra sprigionerà una scintilla, nuova la lama ora rotta, e re quei ch’è senza corona. “Poesia di Grampasso”, composta da Bilbo Beggins


COUPLE, HOME, COOKING

Leggi anche:
Inizia la Quaresima, nasce in silenzio il miracolo della gratitudine

Inizia qui, nel Reame Elfico della Terra di mezzo, il nostro viaggio. “Ma no – direte voi, – Questa la so pure io!Era alla Contea, a Hobbiton: in un buco nella terra viveva..”. Sì sì, questo è quello che direi anche io, se vi stessi raccontando della storia dell’anello e del suo portatore. Ma nella storia della salvezza della Terra di Mezzo, e dell’intero mondo di Arda, c’è un altro inizio: il risveglio. Lo stesso che suona un pò come quel “lasciatevi riconciliare con Dio”, come dice San Paolo: perché niente può davvero iniziare se l’anima è nel torpore del peccato, se non si accende la speranza che anche uomini come noi, che sono caduti e mille altre volte cadranno, alla fine, quelle tenebre le vinceranno. La speranza che si possa rinascere, anche dalla morte che ci portiamo dentro, anche da un’esistenza spezzata, anche dai frammenti di una vita segnata dal fallimento.

Piccoli hobbit in letargo

Siamo tutti un po’ nel nostro “buco nella terra”, tutti nascosti a cercare di far quadrare il nostro “orticello” come piccoli hobbit:

Aragorn combatte solitario chissà dove, Legolas nel suo reame di Bosco Atro, Ghimli nella fredda roccia di Erebor così come Boromir, nella città di Gondor. Perché preoccuparsi? Era già stato sconfitto il male. Era stato annientato il Signore di Mordor che portava morte e distruzione. Si era stretta l’ultima alleanza tra elfi ed uomini per sfidare Sauron, nella battaglia di Dagorlad con la vittoria alle pendici del Monte Fato. Molti si erano sacrificati per la Terra di Mezzo e il Regno di Arda. Sauron era stato sconfitto nella sua forma corporea e era fuggito ad Est. La Terra di Mezzo era salva. O così si credeva. Perché il male dell’Oscuro Signore era perdurato, non nel corpo, ma nel cuore degli uomini. Ed è nel segreto che si consumano le più grandi battaglie.

THE LORD OF THE RINGS
© New Line Productions Inc

La terra più agognata è sempre stata il cuore dell’uomo.

Lo sa Sauron, lo sa anche quel Dio che ci dice “non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.” Così ci ritroviamo anche oggi alle prese con un male che va al di là delle nostre capacità, incapaci di sconfiggerlo davvero perché ci siamo illusi di dargli una forma, un volto, un corpo: è colpa della politica, è colpa dei giovani, sì ma è anche colpa dei genitori, è colpa delle multinazionali, delle banche, dei media… e potrei continuare all’infinito. Abbiamo perso di vista cosa sia il vero Male: non vediamo più Sauron, annidato più vicino di quanto crediamo, e non sappiamo contro chi lottare.

Quella cenere sul nostro capo ci è stata data per ricordarcelo

Dobbiamo fare un passo indietro, un atto di umiltà perché a nulla vale fare i buoni cristiani, farlo col corpo, con l’esteriorità, con digiuni malinconici e opere buone gridate, se non lo siamo dentro. Se ci abita Sauron nel cuore. Perché lui è furbo, non si fa vedere, si muove nell’ombra: elude le forze dei potenti e i saggi non lo riconoscono, per paura di ammettere la vera minaccia che può veramente sterminare tutta la Terra di Mezzo.

Meglio tacere, meglio non vedere, meglio non pensare: ammettere la realtà ci fa paura, ammettere che c’è bisogno di lottare ancora, dopo tutti gli sforzi, dopo tutti i sacrifici, sa di fallimento. Ammettere che dobbiamo lottare ancora contro noi stessi, noi che preghiamo, che digiuniamo, che ci stracciamo le vesti, ci atterrisce ancora di più. Allora, prima della battaglia, serve ritrovare il vero coraggio. Un nuovo risveglio. Serve che lo Spirito animi di nuovo il nostro modo di parlare e di agire. Serve la speranza. La luce a cui guardare, che illumina le nostre azioni, le tenebre che ci circondano, e che le rivesta di quella gioia che sa di vittoria nonostante tutto, di quel “profumati la testa, lavati il volto”, perché il male lo avrai estirpato nel luogo più difficile da raggiungere.

Siamo noi il primo campo di battaglia


fasting

Leggi anche:
Tempo di Quaresima in famiglia: piccole idee per vivere la penitenza insieme

Partiamo da Gran Burrone, davanti ai frammenti disgregati, ma ancora affilati di Narsil, la spada del re di Anor, che è ancora un cimelio, spezzato in tre frammenti, rappresenta sì il ricordo delle glorie antiche, del coraggio, della sconfitta di Sauron Signore degli Anelli, ma porta con sé anche la corruzione del cuore dell’uomo ed il suo fallimento: spezzata la spada, anche il lignaggio dei Re si spezzò e si disperse senza lasciare traccia, la sua discendenza. Ma le rune incise ancora si leggono, la lama è ancora affilata, i frammenti ancora al sicuro: non tutto è perduto.Dalla stirpe degli uomini in cui il male ha perdurato, tornerà l’erede che salverà tutta la terra:

Aragorn il figlio di Arathorn partiva per combattere sulle soglie di Mordor. Splendente era la spada di nuovo intera: la luce del sole vi risplendeva rossa, e quella della luna vi brillava fredda, ed il filo vivo era duro e acuminato. Aragorn le diede un nuovo nome e la chiamò Andúril: Fiamma dell’Occidente. Il Signore degli Anelli, libro II, cap. III, “L’Anello va a Sud”

Siamo noi, il primo campo di battaglia, noi, rinati grazie a Lui, dalla cenere e dai frammenti delle nostre cadute. Siamo chiamati a essere Narsil: segno di speranza di quel “Signore” che “si mostra geloso per la sua terra e si muove a compassione del suo popolo”.

TROVATE TUTTE LE RIFLESSIONI anche versione PODCAST su SPREAKER o versione audio video YOUTUBE

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY AND ME 

Tags:
john ronald reuel tolkienquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni