Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Luglio |
San Tommaso
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Viaggio all’interno dei Campi Profughi Palestinesi in Libano

CAMPO PROFUGHI LIBANO DOCUMENTARIO VATIVISION

VatiVision

Mirko Testa - pubblicato il 16/02/21 - aggiornato il 01/03/21

Per conoscere, scoprire (ed amare) il Libano, il Paese dei Cedri; il popolo la cui “identità”, ha detto Papa Francesco, è “quella di portare a tutto il mondo il profumo del rispetto, della convivenza e del pluralismo”.

Cosa vuol dire essere un profugo? Come si vive in un Campo Profughi? Storie Invisibili è un viaggio all’interno dei Campi Profughi Palestinesi in Libano, per scoprirne le vite, le persone, le vicende, mettendo sotto i riflettori, in primo luogo, non i problemi, ma le soluzioni. Facile vedere le cose brutte… difficile far guardare le “Storie Invisibili”. Per otto giorni un giornalista e un reporter torinesi, Luca Rolandi e Andrea Tomasetto, hanno girato tra i diversi Campi Profughi palestinesi in Libano, filmando, intervistando, fotografando, incontrando.
Nei Campi, la vita è difficile: infrastrutture carenti, servizi (luce, acqua, nettezza urbana) quasi inesistenti, situazioni umane al limite. Eppure le persone cercano di portare avanti delle vite “normali”. E ci sono associazioni che lavorano per superare queste mancanze, creando progetti di cooperazione sociale e di sviluppo per la comunità. È il caso di Beit Aftal Assumoud, società fondata dagli stessi profughi palestinesi, che ha dato vita ad una sorta di “welfare parallelo” per ovviare ai diritti negati alle persone rifugiate: sanità, lavoro, istruzione, svago, socialità. Perché se “il problema dei Campi è l’educazione” e se “ad emigrare sono soprattutto coloro che non hanno istruzione e lavoro”… allora un modo per evitare che nuovi profughi si imbarchino sulle pericolose rotte verso l’Occidente, è favorire i progetti di sviluppo educativo e sociale nei Paesi a rischio.
Il film Storie Invisibili è stato realizzato grazie al progetto Frame Voice Report! (finanziato attraverso il COP – Consorzio delle ONG Piemontesi, con il contributo dell’Unione Europea), il cui scopo è quello di sensibilizzare i cittadini sui temi dello sviluppo sostenibile e sulla cooperazione nei Paesi a basso reddito.

Tags:
documentariolibanoprofughi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni