Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconStorie
line break icon

"Misteriosamente Hoy", il video postumo di Pau Donés è un canto di gioia (VIDEO)

PAU DONÉS

JarabedepaloOFICIAL

Paola Belletti - pubblicato il 15/12/20

Un brano pieno di semplicità e gratitudine. La clip, uscita l'11 dicembre, è stata girata, per volontà dello stesso Pau, in compagnia del suo cane e in un meraviglioso paesaggio montano catalano. Stava per morire e ciò che provava era felicità per la vita presente. Una lezione umana da imparare tutti.

Misteriosamente Oggi

La sto ascoltando già per la quarta volta di fila. Il testo è in spagnolo ma lo capiamo quasi tutto (in ogni caso ci sono le parole con la traduzione). La canzone si intitola Misteriosamente Hoy, misteriosamente oggi.

Misteriosamente hoyNo echo de menosMisteriosamente hoyA nadie esperoMisteriosamente hoyTodo está en calmaMisteriosamente hoyNada me falta No tengo problemas por resolverNi dudas ni espejismosMe entretengo viendo atardecerMisteriosamente hoyNo siento culpaSorprendentemente hoyNada me asusta, Milagrosamente hoy (la vida)Ya no me pesa Increíblemente hoy (la vida)Vale la penaNo tengo conflictos que resolverNi dudas, ni espejismosMe contento viendo amanecerTodo me parece bien, me siento bien conmigoNada tengo por hacer, no tengo líosSolo tiempo que perder y el corazón tranquiloHoy me siento bien, deliciosamente bien.

Traduzione (a cura di Aleteia):

Misteriosamente oggiNon sento la mancanza (di nulla)Misteriosamente oggiNon aspetto nessunoMisteriosamente oggiTutto è calmoMisteriosamente oggiNon mi manca nienteNon ho problemi da risolvereNé dubbi o miraggiMi intrattengo guardando il tramontoMisteriosamente oggiNon provo un senso di colpaSorprendentemente oggiNulla mi spaventa,Miracolosamente oggi (la vita)Non mi pesa piùIncredibilmente oggi (la vita)Vale la penaNon ho conflitti da risolvereNé dubbi o miraggiMi accontento di guardare l’albaTutto mi sembra andare bene,Mi sento bene con me stessoNon ho nulla da fare, non ho guaiSolo tempo da perdere e il cuore tranquilloOggi mi sento bene, deliziosamente bene.

Pau Donès e il suo amore (ricambiato) per l’Italia

In Italia lo conoscevamo e apprezzavamo in tanti, anche per le tante collaborazioni con alcuni dei nostri cantautori tra i più amati: da Jovanotti a Niccolò Fabi, da Emal Meta ai Modà. Io me lo ricordo soprattutto per il tormentone Dipende (anche per la Flaca, a dire la verità). Ora, riascoltandolo in italiano, quel primo brano di successo sembra una dolce profezia della consapevolezza che si sarebbe guadagnato attraversando la sua lunga malattia. E anticipa come un presagio la visione della vita così intensa e grata che ha ottenuto anche grazie alla sofferenza e a come ha deciso di viverla.

Misteriosamente Hoy, l’ultimo brano uscito ora a pochi mesi dalla sua scomparsa – avvenuta a giugno di quest’anno – ascoltato insieme al video, sembra una cartolina dal paradiso; con la minuscola, perché non posso mettergli in bocca cose che non ha detto (o che non so se abbia detto).

Tuttavia  vedere la sua “postura umana”, mentre è così prossimo alla morte, è un appello alla nostra, di postura. Un invito ad alzarsi in piedi e dire “Sono presente, nel mio presente!”. Per l’uscita dell’ultimo album della band, gli Jarabe de Palo, accelerarono il più possibile le registrazioni sfruttando i pochi momenti in cui Pau era libero da terapie e interventi o dalla troppa spossatezza dovuta alle cure. C’era pochissimo tempo, scappava tra le dita. Ma lui lo usava tutto e nella sola forma fruibile: l’adesso.

Il messaggio della canzone

Voleva semplicemente vivere con intensità, abbandono e una gioia quasi primitiva il tempo che aveva a disposizione, e desiderava comunicarlo.

Da lì, da quell’altura della sua propria anima, provata al fuoco e ripulita, ci dice cosa ci sia di importante da fare in punto di morte: vivere e gioire. E prepararsi al grande incontro, dobbiamo aggiungere. Rispetto a questo non so cosa credesse.

Estote parati

Essere pronti dunque, ma non con ansia, non con la smania di portarsi avanti, di risolvere problemi, di occuparsi di faccende urgenti, fossero anche quelle ultraterrene. Dalla dolcezza di questo brano possiamo prendere in prestito lo spirito di abbandono e la percezione di essere amati. Perché potevamo benissimo non nascere, o nascere diversi, senza i nostri nasi storti e menti prominenti; senza disturbi d’apprendimento e deficit di attenzione (come pativa lui, Pau Donès). Potevamo lasciare il mondo all’asciutto della nostra bellezza così necessaria, invece.


PAU DONÉS

Leggi anche:
Pau Donés, il bambino con deficit di attenzione che tutto il mondo piange

Cosa può insegnare a noi che attraversiamo questo tempo?

Ecco, questa semplice canzone e il video che la accompagna possono essere per noi, proprio in questa situazione così opprimente e così prolungata, un monito a stare concentrati sul qui e ora. E sul dopo, certo, ma quello definitivo. Ad un bravo cristiano, in fondo, basta recitare un’Ave Maria con vera attenzione. Nunc et in hora mortis nostrae: due soli momenti che contano, quando il primo, il presente, arriverà a coincidere con l’ultima ora; quella decisiva, come decisivi sono stati tutti gli istanti di presente che abbiamo ricevuto in dono.

E con questa spericolata pace nel cuore possiamo proiettare sul futuro che forse ci attende uno sguardo rinnovato, forse, dall’aver attraversato questa pandemia e i suoi multiformi malanni.

L’uomo, la compagnia dell’altro, la bellezza del creato: fino al ritorno in Dio

Nell’ultimo video dello stesso album, uscito quando ancora Pau era in vita, aveva voluto con sé la figlia sedicenne. In questo invece il suo bel cagnone, Noodles, un San Bernardo o un cugino di primo grado, visti la stazza e il pelo. Ora, non so se lui sarebbe d’accordo, ma sembra un percorso a ritroso lungo la creazione e non banale animalismo: l’uomo, Adamo, all’inizio aveva intorno a sé e vicino a sé solo gli animali.

 “Vorrei semplicemente fare un video in cui appaio con Noodles – aveva espresso le sue volontà Donés – mentre passeggiamo insieme per le montagne, scherziamo sull’erba e ci godiamo il cielo infinito, il sole e la natura che ci circonda, vivendo il momento, senza pensare a niente. Semplicemente questo, niente di più, Noodles, io e la montagna. Riuscire a trasmettere quella sensazione mi renderebbe felice”.

La compagnia umana, quella che lo avrebbe strappato alla solitudine, sarebbe arrivata dopo. E così, questo cinquantenne smagrito dalla malattia oncologica che era tornata all’assalto, con la pelle che si arriccia ai lati del volto per un sorriso, si è forse visto così, nel suo ultimo tratto, immerso nel creato, accompagnato dal suo fedele animale. In attesa, checché ne dica il testo, dell’appuntamento finale.

Tags:
gratitudinevita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni