Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconFor Her
line break icon

Di cene e fidanzamenti salvati nel giorno della Madonna di Guadalupe

Antoine Mekary | ALETEIA

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 14/12/20

Anche se un marito compra cavoli rossi al posto del radicchio, anche se voi non sapete nulla della Virgen Morenita, Lei, invece, di fioriture inaspettate e durevoli se ne intende parecchio.

by la nostra inviata da Boston, radical chic pentita, Serena Di

I mariti e la spesa

Mio marito non sa fare la spesa. Sa separare i colorati, pulire il filtro dell’asciugatrice, la sua super tecnica per il lavaggio dei delicati è ancora imbattuta e persino i suoi addobbi natalizi sono meglio dei miei.


MARITO SPESA

Leggi anche:
“Ogni settimana mia moglie mi manda a fare la spesa mensile” (VIDEO)

Sì, mio marito mi ruba le quote rosa in casa ma non sa fare la spesa, io invece, tra tutte le robe da massaia, direi che so solo scegliere accuratamente i cibi (e mangiarli) e devo ancora scoprire la bellezza che si cela dietro il lavaggio dei piatti, «che poi mi si rovinano sempre le cuticole perché dimentico di mettere i guanti e non vale la pena accendere la lavastoviglie per due tazze e quattro bicchieri» (santa Teresina, aiutami tu).

Cavoli e rose

Ora io questa cosa di mio marito che non sa fare la spesa l’ho scoperta quando non era ancora mio marito e l’ho invitato a cena, a casa mia, una sera di dicembre di qualche anno fa.

Prima di spiegarvi come l’ho scoperto, concedetemi un attimo di suspense per prepararvi psicologicamente. Quando dico «non sa fare la spesa» non intendo che non salva la lista sulle note dell’iPhone o che gli dici «stasera brodino» e se ne ritorna con tutto il reparto snack della San Carlo. No, intendo che quando l’ho invitato a cena, quella sera di dicembre, lui si è gentilmente offerto di passare prima al supermercato, gli avevo detto «stasera risotto al radicchio» e lui si è presentato con un cavolo rosso. Ok, mi aveva anche portato un mazzo di rose, ma quelle non vanno bene con il risotto (a meno che non sia la finale di MasterChef) e così, altro che cavoli amari, ho iniziato a mettere in discussione le fondamenta della relazione.

Cena con delitto (gastronomico) e crisi: l’uno risolto, l’altra superata!

«Quindi tu non sai riconoscere la differenza tra un radicchio e un cavolo rosso? E io dovrei sposarti? Non mi interessa che hai cercato su Google Immagini, non sai leggere le etichette, potresti ucciderci tutti con il topicida». Insomma una vera crisi preconiugale dove iniziavo a immaginare la mia progenie svezzata a cavolo, le nostre scorte di cavolo nel frigo, nel freezer, negli armadi, l’odore di cavolo che si imprimeva nel mio cappotto di cashmere e la conseguente emarginazione sociale.

«Non possiamo più sposarci, ti prego di andartene, e riprenditi le rose, anzi no, sono belle e me le tengo per ricordo, ma perché sai scegliere le rose e non i radicchi?».

«Sono rose damascene, oggi è il giorno della Madonna di Guadalupe e volevo celebrarlo con te. Possiamo andare a cena fuori, oppure, se non mi cacci, provo io a cucinare questo cavolo e tu inizi a guardare l’ultima puntata de Il trono di Spade senza di me».

Virgen Morenita

A me della Madonna di Guadalupe non importava un granché a quei tempi, anzi mi chiedevo come mai ci fossero in giro così tante Madonne, ma l’idea di scoprire se finalmente Daenerys Targaryen, dopo centoventi anni, fosse finalmente giunta con i suoi draghi a Westeros, era per me di fondamentale importanza.

«Puoi rimanere ma dovrai anche lavare i piatti».

E così, mentre l’odore di cavolo si propagava per la casa, il non-ancora-mio-marito mi raccontava la storia di Juan Diego e delle rose damascene (o fiori di Castiglia) che erano prodigiosamente sbocciate a dicembre in una desolata pietraia messicana.

«Un chiaro effetto del buco nell’ozono», gli avevo risposto distrattamente io, mentre sgranocchiavo le patatine San Carlo che fortunatamente aveva comprato.

«Nel 1531?».

Ma tanto già non lo ascoltavo più, neanche quando avevamo iniziato a cenare e mi ripeteva di come l’immagine della Madonna si fosse impressa sulla tilma, io pensavo a quanto fosse ingiusto che Cersei Lannister (occhio allo spoiler!) fosse salita al trono.




Leggi anche:
Il manto della Madonna di Guadalupe può far sì che un ateo si converta? 5 segni che lo provano

Cena salvata. E non solo quella

A fine puntata Daenerys Targaryen non era giunta a Westeros e io avevo capito due cose: la prima che se nella vellutata aggiungete almeno mezzo litro di panna, il cavolo rosso non è poi tanto male; la seconda che mio marito era una massaia più brava di me.

Negli anni sono cambiate un po’ di cose da quel 12 dicembre, che oggi celebro insieme a mio marito. E intanto ho imparato una terza cosa: che ci sono novantanove buoni motivi per non avere fede. Ma vale la pena vivere per quell’uno per cento che ti cambia la vita, in meglio.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MIENMIUAIF MIA MOGLIE ED IO

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni