Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconFor Her
line break icon

Santa Rita lava i piatti con me in cucina. E tu che santo sei?

ROBERTA DALLARA, SANTA RITA

Roberta Dallara

Annalisa Teggi - pubblicato il 05/11/20

Mio figlio è stato bravo a posare, gli ho raccontato la storia e lui ha capito perfettamente tutto. Gli ho spiegato perché dovesse tenere la mano in quella posizione, sul cuore. Di fianco c’è Agricola che ha la mano destra orante e la sinistra che regge il gomito. E’ un dettaglio presente in una formella in terracotta che c’è nella basilica di Santo Stefano a Bologna, lì i due Santi sono rappresentati accanto a Gesù che compiono questo stesso gesto con le mani. Il senso è bellissimo: Agricola dichiara attraverso il braccio che regge il gomito che la sua conversione passa da Vitale, che lo sorregge.

Pensare che la conversione di un padrino passi dall’accompagnare un ragazzo a ricevere la Cresima significa che noi adulti possiamo rinnovare lo sguardo della nostra fede grazie ai piccoli. I figli ci rigenerano.

Santa Rita

ROBERTA DALLARA, SANTA RITA
Roberta Dallara

Anche per questa santa sono presenti tutti gli attributi canonici, le rose, il crocifisso, la spina sulla fronte. L’elemento personale che ho aggiunto sono i guanti gialli. Lo sfondo del quadro è verdone, a richiamare il tema della natura legato alle rose. La texture della mandorla è quella di una carta da parati che richiama la vita domestica.

Leggendo la storia di Santa Rita noi percorriamo la vita di una donna che prima diventa moglie e madre e poi entra in monastero. Ma quando sceglie il convento? Conosciamo le sue vicissitudini, in particolare la tragedia del marito che viene ucciso e i figli vogliono vendicarlo. Sappiamo che Santa Rita affida i figli a Dio prima che si macchino del peccato di omicidio. Mettendo in fila la sua cronaca si potrebbe concludere: una volta libera dai vincoli familiari, Rita entra in convento. E invece no. Lei con estrema devozione è moglie, con grande devozione è madre e quando ha adempiuto fino in fondo questi compiti fa la scelta altrettanto devota di entrare in monastero.

Santa Rita entra in convento con grande stile, che ho voluto rappresentare nel gesto di lei che si toglie i guanti gialli da cucina. Si sfila questi guanti con un’eleganza come se fossero guanti di raso, alla Audrey Hepburn. C’è riconoscenza per ciò che è stato e libera adesione a ciò che viene da quel momento in poi.

La vita di Rita ci testimonia che la santità non è solo per chi è in convento ma c’è anche nello stare dentro la vita quotidiana. Sei santa anche quando lavi i piatti. La mia Santa Rita è un’amica – che nella vita è la moglie di quello che è diventato il mio San Francesco. Tutto questo progetto dei Santi è nato attorno a San Francesco, perché da tempo avevo inquadrato il volto di questo nostro caro amico di famiglia: è stato lui a darmi la conferma e la spinta a intraprendere sul serio quest’ipotesi dei santi della porta accanto.

Sua moglie è diventata Santa Rita proprio per questo legame personale che abbiamo; di solito quando ci vediamo è in occasione di momenti conviviali di famiglia e faccende domestiche. Lei per me è un richiamo al senso della mia vocazione dentro la quotidianità in famiglia.


MARYAM PEZESHKI

Leggi anche:
Maryam: l’arte è una terapia, quando dipingo e scolpisco è la mia anima che si svela

San Francesco

ROBERTA DALLARA, SAN FRANCESCO
Roberta Dallara

Questo San Francesco ha come logo sulla felpa il lupo di Gubbio, è un San Francesco delle periferie: ha le spalle larghe e le mani sbucciate. È un uomo che si sporca le mani. Come Santo ha risollevato fisicamente la Chiesa e questo l’ho sottolineato dietro: la mandorla è fatta di mattoni, metà più ordinati e metà un po’ distrutti. Vuole rappresentare sia la costruzione della Porziuncola, sia il compito che gli chiede il Papa di ricostruire la Chiesa.

Gli ho fatto indossare la felpa perché lo vedo come un uomo in mezzo a noi, ma ha le Stimmate. Ci sono i rami di ulivo e la colomba dorata, simbolo dello Spirito Santo. C’è anche la foglia di castagno, perché la sua storia è molto legata al boschi, da La Verna a tanti altri episodi in cui lui trova riparo sotto i castagni. Gli volano attorno dei pettirossi e il petto rosso di questo uccellino è proprio un richiamo al Sangue di Gesù.

Ha le braccia conserte come di chi sta per dire: «Ok, adesso cosa c’è da fare?». E il ragazzo che ho scelto come modello ha proprio questa tempra, di chi è pronto all’opera, a fare. Francesco ci è compagno nel fare della Chiesa casa nostra, il posto dove noi siamo presenti e chiamati a edificare o sorreggere il pezzettino che ci è affidato.

  • 1
  • 2
Tags:
arteSantivita quotidiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni