Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Abbracciò la Chiesa dopo aver ascoltato un dibattito santo e gli è costato la vita

PHILIP HOWARD

Public Domain

Larry Peterson - pubblicato il 19/10/20

Philip Howard, marito e padre, è annoverato tra i 40 martiri d'Inghilterra

Thomas Howard, quarto duca di Norfolk, e sua moglie, Lady Mary Fitzalan, diedero alla luce il loro unico figlio, Philip Howard, il 28 giugno 1557, nell’ultimo anno del regno di Maria Tudor. Al giovane Philip venne predetto un brillante futuro, ma la sua vita iniziò in un periodo turbolento in cui nulla poteva essere dato per scontato. La madre morì poco dopo la sua nascita, e il padre si risposò due volte. La sua terza moglie era vedova con quattro figli.

Il padre di Philip, il duca, decise di rafforzare la posizione familiare, e quindi organizzò il matrimonio tra Philip e la sua figliastra, Anne Dacre, quando erano ancora bambini. Philip si sposò a 14 anni.

Poco dopo la madre di Anne morì, e lei fu fortemente influenzata dalla nonna cattolica, Lady Mounteagle. Philip era stato allevato nella fede della Chiesa d’Inghilterra, ma nel prossimo futuro sarebbe stato formato da un cattolico, Gregory Martin, che tradusse la Bibbia di Douay.

Nel 1571 il padre di Philip, il duca Thomas, venne coinvolto in un’insurrezione. La rivolta venne presto schiacciata, e il duca fu ritenuto colpevole di alto tradimento, condannato a morte e giustiziato sommariamente. Lord Burghley divenne il tutore di Philip, e la prima cosa che fece fu licenziare il cattolico Martin, mandando poi Philip a Cambridge, dove si laureò in Arte a 19 anni.

Philip poi giurò l’Atto di Supremazia alla Corona e venne introdotto a corte. Suo padre lo aveva avvertito di non farcisi coinvolgere troppo e di amare sempre sua moglie, ma Philip, affascinato dalla pompa, ignorò presto i suoi saggi consigli. Aveva varie relazioni con delle cortigiane, spendeva denaro in modo molto “libero” e trascurava Anne, che venendo a sapere delle sue infedeltà andò a vivere con il nonno di Philip, conte di Arundel.




Leggi anche:
Vescovo anglicano già cappellano della regina d’Inghilterra diventerà cattolico domenica

Nel 1581 suo nonno morì, e Philip gli succedette come conte di Arundel e primo conte d’Inghilterra. Ora era membro della Camera dei Lord, e iniziò ad essere convolto negli affari pubblici. Trascorreva meno tempo a corte e lentamente lui e Anne iniziarono a riavvicinarsi. I suoi modi gentili la conquistarono, e lei si sentì anche spinta nuovamente verso la Chiesa cattolica.

Vi tornò, ma aveva paura che dirlo al marito potesse mettere a rischio la loro unione già tanto provata. Non sapeva che Philip provava quello che sentiva lei per il cattolicesimo dopo aver ascoltato un anno prima un dibattito tra padre Edmund Campion e alcuni chierici della Chiesa d’Inghilterra nella Torre di Londra. Era rimasto molto colpito dalle argomentazioni di Campion, ma le implicazioni dell’assumere il cattolicesimo erano profonde. Dopo aver sentito il sacerdote ed essersi dedicato alla preghiera costante, però, abbracciò la Chiesa e si riconciliò con la moglie.

Quando era a corte, Philip era diventato un favorito della regina Elisabetta, che iniziò a sospettare della sua riconciliazione con Anne dopo aver sentito che questa era tornata al cattolicesimo. La fece arrestare, al punto che la prima figlia di Philip nacque in prigione. Elisabetta non sapeva che Philip era stato riconciliato da un sacerdote gesuita, padre William Weston.

Il ritorno di Philip alla Chiesa cattolica comportò un cambiamento totale di vita per lui. Un sacerdote viveva a casa sua a Londra e celebrava la Messa ogni giorno. La preghiera divenne una parte regolare della sua vita. Continuò a frequentare la Camera dei Lord e la corte, ma evitava di assistere ai servizi religiosi ufficiali accampando varie scuse. Voleva disperatamente servire la causa cattolica e scrisse una lettera al cardinale Allen per chiedere consiglio. La regina, però, lo faceva sorvegliare, e una spia intercettò il messaggio.

Usando un sacerdote da lei prezzolato, la regina inviò una falsa lettera a Philip fingendo che fosse del cardinale, raccomandandogli di tornare nelle Fiandre per ricevere una formazione, anche se per i cattolici era illegale lasciare l’Inghilterra. Philip si imbarcò su una nave, ma venne immediatamente arrestato. Fu portato alla Torre di Londra il 25 aprile 1585. Le accuse contro di lui includevano il fatto di essere un cattolico romano e di condividere “complotti gesuiti”. Venne imprigionato e gli fu offerta la libertà se avesse portato in chiesa la Spada di Stato, ma rifiutò.


Alfie e Kate

Leggi anche:
Mistero del Dolore dei Santi Innocenti d’Inghilterra

La regina Elisabetta condannò Philip alla pena capitale, ma non firmò mai la sua condanna a morte. Philip non lo sapeva. Venne tenuto costantemente nella paura dell’esecuzione e languì in prigione per più di dieci anni. Morì il 19 ottobre 1595 di dissenteria.

Philip Howard, 13° conte di Arundel, è stato canonizzato da Papa Paolo VI il 25 aprile 1970. È annoverato tra i Quaranta Martiri di Inghilterra e Galles. Si festeggia il 19 ottobre.

Tags:
inghilterramartiresanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni