Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Chiesa

5 testimonianze sul beato Carlo Acutis, di persone a lui vicine

MIRACLE

Padre Marcelo Tenorio

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/10/20

Il giovane beato nei ricordi inediti della nonna, di un amico di liceo, del direttore spirituale, di un frate, di un'insegnante

L’ardore per Gesù e l’eucaristia, l’impegno per l’elemosina e l’opposizione all’aborto: è il ritratto del beato Carlo Acutis che emerge nelle testimonianze di 5 persone a lui vicine.

Dalla nonna all’amico del liceo, da un frate al direttore spirituale, sino ad un suo insegnante: il quindicenne, morto prematuramente per una leucemia fulminante nel 2006, si distingueva dagli altri suoi coetanei per una “passione smisurata” nei confronti del Signore, ma non solo. Questo ha reso la sua storia incredibile, un esempio di giovane e rara santità.

Le testimonianze sono riportate nel libro di Luigi Francesco RuffatoCarlo Acutis – Adolescente innamorato di Dio” (edizioni Messaggero Padova).

1) Nonna Luana

«Carlo, ogni sera, mi ricordava di preparare il mangiare da portare a un mendicante che dormiva per terra nei giardini pubblici e gli metteva accanto un euro della sua paghetta, per quando si svegliava. Si intratteneva con quelli che chiedevano l’elemosina alla porta della sua chiesa. Quando capiva che gli altri soffrivano, partecipava, manifestamente, al loro dolore».

CARLO ACUTIS
carloacutis.com

2) Un’insegnante

«Non mi dimenticherò mai di questo ragazzo speciale, così diverso dagli altri e così buono. Sono sicura che Carlo fosse molto vicino al Signore: aveva una bella foto di Gesù proprio davanti a dove studiavamo e… guai a chi gliela toccava. Una cosa comunque ci tengo a dirla, è difficile, soprattutto in questi tempi, trovare un ragazzo puro come era lui» (Gori, Un genio, p. 61).

3) Un compagno di liceo

«Un compagno di Liceo racconta che vi fu un’accesissima discussione in classe durante l’ora di religione sull’aborto. Lui, unico, sosteneva la posizione della Chiesa, difendendo i valori della vita e dell’embrione, in quanto figlio di Dio. Poco prima di morire, la sua classe stava preparando delle tesine su come viene vista la fecondazione assistita nelle varie religioni e a Carlo toccò la religione ebraica. Questo gli diede modo di approfondire gli argomenti e in una conversazione con i suoi familiari si dichiarò sconcertato sul fatto che aveva scoperto che nel mondo vi fossero milioni di embrioni congelati abbandonati a una sorte tremenda. Disse che se fosse stato una donna, come opera di carità, avrebbe adottato uno di questi embrioni per dargli la possibilità di nascere» (ivi, p. 75).


CARLO ACUTIS

Leggi anche:
La vita mistica di Carlo Acutis: alcuni fatti inediti che lo testimoniano

4) Il suo padre spirituale

«Carlo era particolarmente sensibile nel capire se i sacerdoti celebravano la messa in modo devoto e quando si accorgeva che erano poco immedesimati nella celebrazione eucaristica si rattristava; più di una volta mi ha detto che “essendo i sacerdoti le mani tese di Cristo”, il Signore lo devono testimoniare con entusiasmo e loro stessi devono essere modelli luminosi e non ripetitori automatici di un rito liturgico in cui non mettono il proprio cuore e da cui non traspare la propria fede in Dio» (ivi, pp. 85-86).

«Più di una volta mi chiese consiglio su come convincere meglio alcune persone che non frequentavano la messa domenicale e mi disse che quando parlava del miracolo eucaristico di Lanciano e dell’apparizione dell’angelo dell’eucaristia ai pastorelli di Fatima la gente sembrava illuminarsi. Io lo incoraggiavo sempre a portare la parola del Signore quando gli si presentavano le occasioni. Era molto contento del suo grande zelo apostolico e nutrivo una forte speranza che un giorno Carlo avrebbe scelto un cammino sacerdotale […].


CARLO ACUTIS

Leggi anche:
Appunti inediti di Carlo Acutis: “Così si ascolta la voce di Dio”

5) Giulio Savoldi, frate missionario cappuccino

«Ebbi la fortuna di avere vari incontri con Carlo; di lui ho un ricordo vivissimo: era un ragazzo sereno, dal volto luminoso, aperto a tutto ciò che è buono e bello, certamente fortificato dallo Spirito del Signore. Sensibilissimo alla povertà e sofferenze altrui; secondo le sue possibilità, voleva contribuire a lenire il dolore di chi, sotto ogni aspetto, era meno fortunato di lui. Così si spiega come un giorno da ragazzino, spontaneamente, con alto senso di amore, mi portò il contenuto del suo salvadanaio per i bambini più bisognosi».

«Con impegno interveniva verso i suoi contemporanei che si trovavano in difficoltà per iniettare in loro fiducia e sicurezza, per far risplendere sui loro volti la gioia di un dovuto sacrificio del proprio dovere e del rispetto reciproco alla luce della pace e della riconciliazione. Non era portato a giudicare e a condannare chi sbagliava, ma volentieri si prestava a ricomporre gli animi esagitati nella serenità e nella pace sulle orme di Gesù, mandato dal Padre non per condannare, ma per salvare. Ringrazio il buon Dio per avermelo fatto conoscere e ammirare. Da parte mia in particolare lo sento come guida e forte richiamo di fedeltà e di santità alla mia vocazione secondo i misteriosi disegni del buon Dio sempre improntati dalla sua infinita bontà e misericordia» (ivi, pp. 165-166).




Leggi anche:
Carlo Acutis cosa pensava dell’aldilà? Le sue frasi su paradiso e inferno

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
carlo acutis
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni