Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

L’immagine della Madonna che ha accompagnato una gravidanza difficile

TRIGEMELAS
Gentileza | Shutterstock-Photogrape
Condividi

Una donna ha dato alla luce tre gemelle identiche. Durante tutta la gestazione ha pregato Nostra Signora delle Grazie

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Victoria, Delfina e Julieta sono geneticamente identiche. Le tre gemelline sono nate da un tipo di gestazione che si verifica in un caso su 200 milioni, chiamato gravidanza gemellare monozigotica. Un unico ovulo, fecondato da un solo spermatozoo, subisce in seguito una divisione, generando bambini con le stesse caratteristiche genetiche.

Le tre piccole hanno una settimana di vita e godono di buona salute, anche se restano per precauzione in terapia intensiva, visto che sono nate a 32 settimane e pesando poco più di un chilo e mezzo ciascuna.

Anche la loro mamma sta bene. Nel parto è stata accompagnata da Leonel, il papà, rispettando tutte le misure di prevenzione imposte della pandemia di coronavirus in Argentina.

Vanina e Leonel hanno saputo della gravidanza quando erano in viaggio in Europa. Hanno entrambi 35 anni e sono insegnanti. Stavano progettando di allargare la famiglia quando hanno fatto un test della marca “Baby Boom” comprato in Polonia. Il vero “boom”, però, è arrivato quando sono tornati in Argentina, il 15 febbraio, e hanno saputo che aspettavano ben tre bambini.

In buona compagnia e ben protetti

Le gemelle sono le prime figlie della coppia, e potranno andare a casa tra qualche settimana. Anche se i familiari non potranno andare a trovarle per via del Covid-19, i genitori non sono certo soli in questo momento. Vanina ha riferito al portale Infobae di avere una compagnia speciale: la Madonna della Medaglia Miracolosa.

Ha raccontato di aver conosciuto questa devozione in Polonia, dove ha saputo che era incinta, e da allora non si è più staccata da quell’immagine, neanche in ospedale, situato tra l’altro a 800 metri da una chiesa dedicata a Nostra Signora delle Grazie.

La possibilità di complicazioni in una gravidanza con queste caratteristiche era latente. Le bambine potevano nascere molto premature e con scarse possibilità di sopravvivere. Vanina ha dovuto trascorrere gran parte della gestazione a riposo, ma finora è andato tutto bene, e lo attribuisce alle benedizioni della Madonna.

Nelle sue apparizioni a Santa Caterina Labouré, la Madonna della Medaglia Miracolosa ha rivelato che i raggi che uscivano dall’immagine erano le grazie ottenute da chi le chiedeva.

La Vergine è apparsa alla santa in un’epoca di turbolenza mondiale, guerra e povertà. Oggi, quasi 200 anni dopo, poco sembra cambiato, e lei resta attenta e vigilante, concedendo grazie a chi gliele chiede.

Scorrete la galleria fotografica per conoscere le tre gemelline!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni